Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Carolyn Smith e la sua vita nella danza di coppia

Carolyn Smith e la sua vita nella danza di coppia

Carolyn SmithLa vita artistica di Carolyn Smith è un libro di storia della danza. Sfogliare le pagine della sua carriera è una scoperta emozionante continua. Tra le più richieste professioniste del ballo di coppia al mondo è divenuta famosa grazie al programma televisivo Ballando con le stelle. Carolyn ci svela con entusiasmo i passi principali della sua professione di ballerina e maestra.

 

Ciao Carolyn, grazie per la gentilezza e disponibilità nel concedermi questa intervista.

Ciao è un piacere.

La rubrica “Passi di Danza” si occupa delle danze latinoamericane anche attraverso le storie dei maggiori protagonisti del settore. Com’è incominciata la tua personale avventura nel ballo?

Sono nata in una famiglia di ballerini. Mia madre faceva le gare da giovane, mio padre amava la musica e la danza, i miei nonni ogni sera andavano a ballare. Come potevo non essere una ballerina.

Prima di intraprendere la carriera da professionista hai fatto altri lavori. Quali?

Ho fatto tanti lavori con molti sacrifici: commessa in una pasticceria, ufficio di cerca lavoro, sarta da ballo e così via. Qualsiasi cosa pur di guadagnare per istruirmi.

Il tuo lavoro di ballerina ti porta in giro per il mondo. C’è stato un viaggio particolare che vuoi raccontarmi?

Uno in particolare mi è rimasto nel cuore. Nel 2000 parto per Sarajevo per il campionato del mondo junior con la mia coppia, i ballerini Nino Langella e Luisana Di Fiore. Era la fine della guerra dei Balcani e stavo tentando di far cambiare il luogo con la federazione internazionale, vista la presenza di minori. Il bus navetta che doveva portarci al palazzetto delle gare durante il tragitto venne coinvolto in un conflitto a fuoco. Insieme ad altri genitori accompagnatori riusciamo a scappare ed ad arrivare al palazzetto dove si sarebbe svolto il campionato. Alla fine del campionato del mondo la coppia formata da Nino e Luisana vincono il titolo ma consegnano il trofeo al presidente della danza sportiva che lo dedica a tutti i bambini morti in guerra. Questo è il momento più memorabile della mia carriera.

Tu sei molto tecnica ed esigente nel ballo. Ci spieghi cosa sono i cosiddetti 10 balli del genere latino e standard?

Sono i 5 balli standard: walzer, tango, slow, fox, quickstep combinati ai latini samba, chachacha, rumba, paso doble, jive.

Ballare di coppia è una sensazione che può comprendere solo chi ama questo genere di danza. Che ne pensi?

Tutti possono comprendere il ballo in coppia, c’è bisogno di una sintonia con il proprio partner che non è per tutti.

A “Ballando con le stelle” eri la vera protagonista: bella, precisa nei giudizi, sempre sorridente. Che ricordo hai di quella esperienza?

Tutti bei ricordi. Ogni settimana scoprivo qualcosa di più, sia nei vip sia negli insegnanti. Positivo dall’inizio alla fine anche se con qualche arrabbiatura che poi si risolveva. Parlavo con tutti gli artisti e dispensavo consigli per migliorare, poi spettava all’insegnante fare il resto. In gara c’era soprattutto il cosiddetto vip.

Approfondiamo le tue tante vittorie a livello mondiale.

Nei latini ho fatto tanti campionati del mondo, con tanti titoli. Posso nominare qualche mio allievo che oggi è diventato famoso e bravo: Nino Langella, Luisiana De Fiore, Stefano Di Filippo, Annalisa Di Filippo e molti altri ancora.

Concludi con una frase sul mondo delle danze latine salutando i lettori del giornaledelladanza.com.

Believe in yourself, don’t’ give up. Lavorare con la coscienza e principi giusti, non spendere tanti soldi ma spendere tanta energia e tempo ad allenarsi ogni giorno, a migliorare, e competere solo con te stesso.

 

Massimiliano Raso 

Check Also

In prima italiana l’originale mix di sogno, poesia e danza ne “Lo Schiaccianoci” di George Balanchine

  Il 19 dicembre 2018 e fino al 15 gennaio 2019, il Teatro alla Scala ...

Roberto Bolle torna in tv con “Danza con me” il primo gennaio 2019

Dopo il successo di critica e pubblico dell’edizione precedente e dopo aver vinto il prestigioso ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi