Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / II edizione di “Circo Massimo” al Duse di Bologna. E la nuova danza si fa in quattro!

II edizione di “Circo Massimo” al Duse di Bologna. E la nuova danza si fa in quattro!

II edizione di “Circo Massimo” al Duse di Bologna. E la nuova danza si fa in quattro!

 

Giunge alla seconda edizione (VEDI ANCHE: “CIRCO MASSIMO”, IL PROGETTO COREUTICO FIRMATO FABRIZIO FAVALE) il progetto artistico, curato dal coreografo Fabrizio Favale, denominato per l’occasione Circo Massimo Experiment IV, in scena al Teatro Duse di Bologna dal 10 al 12 maggio alle ore 21.

Le tre serate di spettacoli, performate nel ridotto DUSEpiccolo per soli 80 spettatori, vedono l’alternarsi di quattro coreografi di fama nazionale e internazionale, esibenti sul palcoscenico una sequela di lavori assai differenti tra loro, ma, in ogni caso, simbolo di una ricerca coreutica contemporanea unica nel suo genere: si tratta di Simona Bertozzi, Tilman O’Donnell, Ioannis Mandafounis e Caterina Basso, ai quali si aggiunge anche lo stesso coreografo “padrone di casa”.

Fabrizio Favale si forma all’American Dance Festival. Come danzatore riceve nel 1996 il “premio della critica come miglior danzatore italiano dell’anno”. Nel 2011 la “Medaglia del Presidente della Repubblica al talento coreografico italiano”. Nel 1999 fonda la compagnia Le Supplici. I suoi lavori sono attualmente invitati alla Biennale de la Danse de Lyon e al Théâtre National de Chaillot, Paris. Caterina Basso dal 2009 inizia la collaborazione con Ambra Senatore, ora direttrice del Centre Chorégraphique National de Nantes, come interprete e co-autrice. Nel 2013 crea il suo primo assolo Il volume com’era, che ottiene il premio Miglior solo XX Mas Danza. Il suo secondo assolo Un minimo distacco debutta al Festival Inteatro di Polverigi nel 2016. Simona Bertozzi, coreografa e danzatrice, nei suoi lavori coniuga la trasfigurazione del codice tecnico con riferimenti concettuali e iconografici tratti dalle arti visive, dall’ambito filosofico e antropologico. Presenta le sue produzioni in Italia e all’estero, tra cui: Romaeuropa, Biennale Danza Venezia, Aerowaves Londra, Tanec Praha Praga, Masdanza Spagna, Intradance Mosca, Festival Edimburgo. Tilman O’Donnell è nato a Boston, Massachusetts. Si è formato al National Ballet School in Toronto, Canada e ha lavorato per The Göteborg Ballet, Staatstheater Saarbrücken, Cullberg Ballet e The Forsythe Company. Tilman debutta come coreografo nel 2002 e da allora i suoi lavori sono presentati in tutta Europa e in Canada ricevendo numerosi premi per la coreografia. Ioannis Mandafounis è stato membro del Gothenburg Opera Ballet, the Nederlands Dans Theater II e della Forsythe Company dal 2005 al 2009. Nel 2007 avvia la collaborazione con Fabrice Mazliah con cui realizza lavori co-prodotti fra gli altri da Forsythe Company. Nel 2015 riceve il Swiss Dance Awards nella categoria Outstanding Male Dancer. (Comunicato stampa Teatro Duse).

Nell’ordine, il programma dell’intero progetto artistico prevede la messinscena di: We two – how long we were foll’d di Simona Bertozzi, Untitled di Tilman O’Donnell, Experiment 0 di Ioannis Mandafounis ed Experiment I di Caterina Basso il 10 maggio; Un minimo distacco di Caterina Basso, One one one di Ioannis Mandafounis, Experiment II di Tilman O’Donnell ed Experiment III di Simona Bertozzi l’11 maggio; e, infine, per il 12 maggio tutti e quattro gli artisti ospiti presentano una propria creazione denominata Experiment IV, alla quale – come in tutte le altre serate – segue Gong, ultima produzione firmata da Favale e dalla sua compagnia Le Supplici.

Circo Massimo è un progetto di danza unico nel suo genere, di alta complessità e impatto emotivo, a cui partecipano i talenti più virtuosi della nuova coreografia internazionale. Questa seconda edizione viene immaginata come totale apertura al fare artistico da parte di coreografi locali e internazionali, che attraverso assoli o collaborazioni/contaminazioni tra loro, possano sviluppare la loro creazione, senza limiti. Nei tre giorni di programmazione gli artisti invitati saranno presenti in teatro liberi di decidere come gestire questo tempo e questo spazio. Una carta bianca, un parco giochi che ognuno disegna e attrezza secondo il proprio sentire, utilizzando sia lavori esistenti che inventati per l’occasione: il focus di una piccola personale e al tempo stesso l’incontro con l’altro. (Comunicato stampa Teatro Duse).

Uno spettacolo, insomma, assolutamente imperdibile.

ORARI & INFO

10-11-12 maggio ore 21

Teatro Duse

Via Cartoleria, 42 – Bologna

Tel: +39 051 231836

www.teatrodusebologna.it

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Lo-Schiaccianoci-3-1132x670

L’originale e intrigante “Schiaccianoci” di Fredy Franzutti incanta Pisa

Il 21 dicembre 2017, il Teatro Verdi di Pisa ospita il Balletto del Sud con ...

Nicola Luisotti, direttore musicale del Teatro di San Carlo

Roberto Bolle and Friends a Caracalla: torna l’atteso appuntamento con la stella internazionale del balletto

La Fondazione del Teatro dell’Opera di Roma è lieta di comunicare il ritorno del consueto ...