Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Danza chi, come e perché?” – La Posta di Anna Maria Prina  

“Danza chi, come e perché?” – La Posta di Anna Maria Prina  

 

Prina

Gentilissima, forse le sembrerà una domanda indiscreta, ma mi piacerebbe sapere come trascorre le giornate e se l’allenamento di danza rientra ancora nella sua routine quotidiana.

(Rebecca da Udine)

Cara Rebecca, lei non è indiscreta! Le mie giornate sono variegate e diverse l’una dall’altra. Non amo essere abitudinaria, anche se per moltissimi anni lo sono stata, con grande dedizione verso la mia professione. Ora posso scegliere cosa fare e i miei impegni sono meno gravosi. Ovviamente amo tuttora la danza e me ne occupo sempre! Infatti, oltre ad andare in palestra due volte la settimana (per stretching specifico ed esercizi di danza), tengo corsi annuali per Insegnanti, partecipo a stage soprattutto all’estero, fornisco consulenze, scrivo articoli e testi di ballo e cerco di essere utile nel sociale. Seguo gli spettacoli di Balletto, danza contemporanea e di prosa. Ultimo ma non meno importante …..faccio la nonna ! Mi è sempre piaciuto molto, anche se  ora i miei nipoti sono cresciuti e i miei interventi sono naturalmente diminuiti.

Cari saluti

Tra tutti gli spettacoli che ha visto, qual è il suo preferito in assoluto, parlando di repertorio classico?

(Beatrice da Belluno)

Cara Beatrice, la risposta alla sua domanda non può avere un solo titolo….mi limiterò a tre titoli! Giselle perché è il balletto perfetto per antonomasia come costruzione e aderenza alla musica. Bella addormentata e Lago dei cigni  innanzitutto perché ci portano in mondi di favola che ci fanno sognare e che sono immortali, ma anche perché dal punto di vista storico ci riportano ai grandi geni del passato –Petipa e Ivanov- che li hanno creati in collaborazione con Ciaikovsky e alle nostre dive di allora Carlotta Brianza e Pierina Legnani.

Cari saluti

Lei ha girato il mondo, qual è la città che più le è rimasta nel cuore?

(Federico da Roma)

Caro Federico, senz’altro ho viaggiato moltissimo e con grande gioia ho goduto della  ricchezza e dell’apertura mentale che offrono i vari Paesi.

La città che più mi è rimasta nel cuore è senza dubbio Mosca. E’ una città a cui sono ormai legata dai lontani anni ’60, quando mi recai con altre quattro ballerine scaligere (Cosi, Savignano, Merla e Pastore) per il primo stage di Perfezionamento al Teatro Bolshoi. Questa iniziativa, promossa dal Sovrintendente Antonio Ghiringhelli e dall’allora Ministro della cultura sovietico Ekaterina Fursteva, venne denominata “Scambio culturale” poiché in pratica le ballerine scaligere si recavano a Mosca a studiare Danza e i cantanti sovietici venivano a Milano a studiare nella Patria del Bel canto. Gli insegnamenti ricevuti nei primi due anni e in quelli seguenti hanno influenzato la mia vita e il mio modo di vedere la Danza consentendomi  di migliorare e seguire, poi, la carriera didattica. Tutt’oggi ho amicizie a Mosca e vi ritorno ogni tanto.

Cari saluti

La posta di Anna Maria Prina

Scrivete a redazione@giornaledelladanza.com

 

 

Check Also

The Nutcracker The Scottish Ballet

GD Web TV: Lo Schiaccianoci – The Scottish Ballet

Anche allo Scottish Ballet è già tempo di Schiaccianoci! In questo video, però, la compagnia ...

L'età dell'horror © Ph Federico Ranieri

L’estensione del gesto verso infinite direzioni

C’è una potente energia nell’ultimo lavoro di Riccardo Buscarini dal titolo L’età dell’Horror. Il riferimento ...