Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Carla Fracci: l’ultima Diva del balletto racconta la sua vita di donna e di artista al giornaledelladanza.com

Carla Fracci: l’ultima Diva del balletto racconta la sua vita di donna e di artista al giornaledelladanza.com

Carla Fracci: l’ultima Diva del balletto racconta la sua vita di donna e di artista al www.giornaledelladanza.com

In tutto il mondo Carla Fracci ha interpretato il suo alato “cavallo di battaglia”, la prediletta Giselle incalzando amore, dolore, gioia, passione, sentimenti forti che l’hanno resa celebre e fatta divenire una delle più grandi ballerine del ‘900. “L’eterna Giselle” è considerata oggi una delle più grandi interpreti di ogni tempo, acquistando fama di étoile di prima grandezza, erede della Taglioni, “Diva” del balletto e “Musa” della danza: racconta al www.giornaledelladanza.com la sua vita di artista e di donna.

Come è nata per Carla Fracci la passione per la danza?

E’ stato un puro caso. Alcuni amici di famiglia, vedendomi ballare il tango e il valser, dissero ai miei genitori: “Perché non la iscrivete alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala?” Ero l’attrazione della serata, vedere una bambina ballare queste danze con gli adulti non era una cosa normale. E’ così che è iniziato tutto.

Che ricordo ha della sua infanzia?

Mio padre faceva il tranviere a Milano. Ho vissuto fino a sette anni in campagna, giocando all’aria aperta in libertà, a piedi scalzi, insieme alla mia mamma, ai miei nonni e ai miei zii, mentre mio padre era in guerra. Abitavamo in un piccolo paese in provincia di Genova, ma per un periodo sono stata anche in provincia di Mantova.

Che ricordo ha dei giorni trascorsi alla Scuola di Ballo della Scala?

Vista la mia infanzia, il teatro all’inizio è stato per me una prigione. Ed è stata una costrizione anche cominciare gli studi di danza classica, per una bambina abituata al tango e al valser. A dodici anni però mentre facevo una comparsa nel balletto “La Bella Addormentata”, vidi Margot Fonteyn e dentro di me scattò una molla. Questo episodio è stato il sole, la luce che mi è apparsa. In quell’istante ho capito anche l’importanza di studiare e impegnarmi con sacrificio, per arrivare al livello di Dame Margot Fonteyn.

Talento a parte, come si diventa Carla Fracci?

Io sono stata scelta per caso dalla Direttrice del Ballo della Scala, la Signora Mazzucchelli. Feci l’esame di ammissione al primo corso, ero nel terzo gruppo. Alla fine la Direttrice, passando in rassegna tutte le bambine per rivedere quelle su cui era in dubbio, mi disse in milanese: “Le ga un bel faccin”. Ma dopo essere stata presa riscontrai molta incertezza dagli insegnanti perché ero molto debole, non avevo un bel piede, ero gracile e anche svogliata. Come ho ricordato prima, per me fare la sbarra era una prigione. Mi mancavano il valser e la mia campagna, la vita che avevo lasciato per frequentare la Scala. E così ho lavorato tanto, tutti i giorni. E’ questo l’unico segreto: c’è solo il lavoro!

Quale aspetto è stato importante nella sua crescita di prima ballerina?

Danzare il repertorio classico, certo, è stato fondamentale ma, forse… ancora di più è stata significativa la mia capacità di rinnovarmi, di trovare nuovi personaggi da interpretare e proporre. Importante il decentramento che mi ha portato a danzare in paesi piccoli, nelle piazze popolari ed in teatri piccolissimi.

Quale fu per lei il momento iniziale determinante?
L’incontro con Anton Dolin, che mi scelse per un evento storico, I’interpretazione con: Alicia Markova, Yvette Chauvirè e Margaret Scranne, le tre più importanti ballerine del momento, del “ Grand Pas de quattre” a Nervi. Avevo solo diciotto anni!

Che cosa ha rappresentato per lei l’incontro con Erik Bruhn e poi con Rudolf Nureyev?

Di Erik Bruhn ho un ricordo bellissimo, è lui che mi ha portato in America, prima per una trasmissione televisiva, poi al Metropolitan, per interpretare il ruolo di “Giselle” al suo fianco. Da Rudy invece ho ricevuto tanti insegnamenti, come del resto deve accadere in una coppia; con lui avevo molto feeling.

Lei è un mito della danza femminile, così come Nureyev lo era per la danza maschile. Come dividevano la scena due personalità così forti artisticamente?

Rudy non aveva un carattere facile, ma con lui ho trascorso dei momenti straordinari. I danzatori sono diversi e, quando danzano, hanno l’opportunità di scambiarsi emozioni. Lui aveva una forte personalità, possedeva un carisma e un’energia che accendeva il palcoscenico. Io ho ballato molto con lui, anche nelle sue coreografie era un tipo esigente. Ricordo che una volta, nel passo a due della “Bella Addormentata”, dovevo fare due piourettes con una precisa chiusura; io ne feci due e mezzo, ritrovandomi di fronte a lui; Rudy mi prese e mi fece tornare indietro, perché le pirouettes dovevano essere due. Pensi un po’!

Come convivono in lei il mito e la donna Carla Fracci?

Non bisogna perdere mai il senso della dimensione, siamo delle persone che vivono il quotidiano. La danza è la mia professione, il mio lavoro. Cerco di rispettarlo, con amore e professionalità. Il successo non mi ha dato alla testa ma è la conferma di un lavoro svolto al meglio e di questo sono molto onorata e gratificata.

Quanto è importante la famiglia?

Molto. Io lo dico e lo ripeto: il successo più grande della mia vita è mio figlio Francesco perché sono soprattutto una donna e una madre. Non bisogna mai tralasciare le sensazioni della vita di tutti i giorni. Chiaramente l’essere artista comprende questi valori. Io porto sul palcoscenico il mio essere donna e le mie esperienze.

Un’altra figura molto importante della sua vita è il Maestro Beppe Menegatti, non è così?

Si, mio marito è stata ed è una figura importantissima. Come donna ho avuto la fortuna di incontrare un uomo di teatro, di grande sensibilità e genialità.

Lui mi ha seguita negli anni, sin da quando ero una ragazza nel famoso “Pas de Quatre” che feci a Nervi, in cui ebbi l’onore di incontrare Anthony Dowel, che mi disse: “Tu sarai una grande Giselle”. Beppe mi è stato accanto nella mia carriera, nei viaggi che facevo per lavoro. Durante le mie tournée all’estero, mi portava sempre anche mio figlio. Tutto questo calore familiare ha contribuito al mio successo.

Un bilancio del suo ruolo di Direttore del Corpo di Ballo dell’Opera di Roma?

E’ stato ed è un ruolo difficile ma bello. Mi permette di lavorare con i giovani che sono il futuro, di dare loro degli insegnamenti. Tutto questo mi gratifica molto. E’ bello scoprirsi in un ruolo che non pensavi di avere; bisogna essere anche un po’ psicologi, saper dare consigli, infondere forza e trasmettere passione ai nuovi danzatori.

Cosa vorrebbe che rimanesse di lei quando smetterà di calcare le scene?
Beh, io spero comunque di rimanere a lungo. Viviamo alla giornata. E’ importante fare i progetti, però bisogna essere pronti a quello che ci riserva il domani. E’ sempre stato così per me, sin da piccola: essere sempre pronti a tutto.

Mai stare su un albero a cantare!!!

Sara Zuccari

Direttore del www.giornaledelladanza.com

Photo Bruno Farda

Check Also

Vita e morte nel toccante “La morte e la fanciulla” della Compagnia Abbondanza-Bertoni

Il 17 novembre 2018, al Teatro Sanzio di Urbino andrà in scena la Compagnia Abbondanza-Bertoni ...

“Key Dance Competition”: al via la prima edizione del concorso diretto da Franco Miseria

  Si svolgerà il 2 dicembre 2018, al Teatro Politeama di Prato, la prima edizione ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi