Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Barriere sociali, rispetto per la natura e voglia di emergere ne “Lo Schiaccianoci” di Massimiliano Volpini

Barriere sociali, rispetto per la natura e voglia di emergere ne “Lo Schiaccianoci” di Massimiliano Volpini

Dal 18 al 31 dicembre 2018, il Teatro Vascello di Roma ospita la Compagnia del Balletto di Roma con una classica opera natalizia, Lo Schiaccianoci, ideazione e coreografia Massimiliano Volpini, musiche Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Diretto da Francesca Magnini, danzatrice e coreografa diplomata al Centro di Danza Balletto di Roma, la Compagnia promuove la produzione e la diffusione della danza d’autore italiana in Europa e nel mondo, con un repertorio impegnato nell’innovazione e nella ricerca, seppur fortemente ancorato alla tradizione che lo ha reso famoso. Il suo punto di forza è la collaborazione con artisti del calibro di Fabrizio Monteverde, Davide Valrosso, Davide Bombana e Massimiliano Volpini.

Ed è proprio dall’estro creativo di quest’ultimo che prende vita Lo Schiaccianoci in una versione inedita, una rilettura moderna e attuale, che trasporta il magico racconto di E.T.A Hoffman ai nostri giorni. Partendo dalla domanda sul reale senso della festività nel mondo contemporaneo, il coreografo reinterpreta il ruolo della protagonista Clara immaginandola come una moderna Pandora, sorpresa ad aprire il vaso della verità. Originale anche l’ambientazione, non più la ricca dimora Stahlbaum ma la strada di un’immaginaria periferia metropolitana in cui senzatetto e ribelli vivono in comunità di invisibili. Un muro separa due categorie sociali, segregando in un angolo dimenticato quella parte d’umanità disagiata, le persone-rifiuto. Eppure, i ragazzi di periferia trovano forza nei propri sogni e identificano in un pupazzo, regalo di un misterioso benefattore di quartiere, l’emblema dell’evasione dalla loro condizione, superando le barriere della povertà.

Il lavoro di Volpini mira a stimolare una riflessione sociale ed ecologica sullo smarrimento d’identità comunitaria, in tutti noi si cela la spinta al cambiamento, grazie ai sogni e alla speranza, spesso offuscati dalla paura e dal’insicurezza, e che vanno invece coltivati e custoditi gelosamente.

ORARI & INFO

Dal 18 al 31 dicembre 2018

Teatro Vascello
Via Giacinto Carini, 78
00152 Roma RM

Tel: +39 06 589 8031

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Non è finita la querelle a distanza fra Lorella Cuccarini e Heather Parisi: arriva la bomba al vetriolo

Arriva la replica della Cuccarini dopo il tweet di Heather Parisi: «Mi rivolgo direttamente al ...

La Biennale di Venezia: Alessandro Sciarroni Leone d’oro alla carriera e Steven Michel e Théo Mercier Leoni d’argento

La Biennale di Venezia annuncia i Leoni per la Danza 2019: il Leone d’oro alla ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi