Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “A Pina Bausch”: Il Teatro Stabile del Veneto celebra la pioniera del teatro-danza europeo

“A Pina Bausch”: Il Teatro Stabile del Veneto celebra la pioniera del teatro-danza europeo

Il Teatro Stabile del Veneto rende omaggio al mito di Pina Bausch, madre e leggenda del teatro-danza europeo, a dieci anni dalla sua scomparsa con la rassegna “A Pina Bausch”. Da gennaio 2019 al Teatro Verdi di Padova e al Teatro Goldoni di Venezia per la rassegna di danza Evoluzioni vanno in scena quattro spettacoli firmati da straordinari danzatori, allievi ed eredi della celebre coreografa, regista e ballerina: Damiano Ottavio Bigi, Dominique Mercy e Cristiana Morganti. Ad arricchire la rassegna una mostra fotografica curata dal fotografo di scena Piero Tauro e un cortometraggio che dà voce alle memorie degli spettatori dalla Bausch. Il primo appuntamento è in programma al Teatro Verdi di Padova, il 19 gennaio 2018 con Damiano Ottavio Bigi, danzatore del Tanztheater Wuppertal fondato da Pina Bausch e coreografo di fama internazionale, in Signs. Lo spettacolo, diretto da Alberto Cavallotti, mette in dialogo la danza di Damiano Ottavio Bigi e la musica del violoncello barocco di Adriano Maria Fazio, tra i più grandi talenti internazionali dell’ultima generazione di violoncellisti specializzati nel repertorio barocco e nella prassi esecutiva storicamente informata.

Signs è uno scambio di intenti dove la musica diventa gesto e il gesto diventa fiato. Un gesto da ascoltare e un suono da vedere grazie a un programma musicale che spazia dal Settecento fino alla musica contemporanea: da alcuni movimenti dalle prime tre Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach (1685-1750), il Capriccio in Do minore di Giuseppe Maria Dall’Abaco (1710-1805), passando per Nepdalfele da Signs, Games and Messages di György Kurtág (1926) e, in prima esecuzione assoluta, Quasi una sarabanda di Orazio Sciortino, pianista e compositore siracusano nato nel 1984. La rassegna prosegue poi al Teatro Goldoni di Venezia, il 16 febbraio 2019, con Dominique Mercy, memoria vivente del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, divo senza tempo, in grado di esprimere un mondo emotivo che solo i ballerini della sua età riescono a portare sul palco. Con i suoi sessantacinque anni dimostra, infatti, che anche in un’arte così fisicamente esigente come la danza, l’intensità data dall’esperienza prevale sull’agilità della gioventù.

Ad aprire la serata è That Paper Boy, costruito appositamente a partire dalle caratteristiche del corpo di Mercy dal coreografo Pascal Merighi. In scena si sfidano il silenzio e l’immobilità in una performance tutta incentrata su un plié scomposto che fa fatica a nascere. Un monologo danzante, dove sguardi e gesti minimi comunicano tutta la potenza dell’interpretazione. Completano il programma della serata WAK.NTR Rehab, sei soli commissionati dalla Fondazione Pina Bausch e interpretati da Pascal Merighi, e Songs of Childhood, un delicato duo tra Thusnelda Mercy e Dominique Mercy, che ci avvicina ad un vocabolario coreografico intimo e personale, in un’atmosfera che evoca legami naturali, ricordi e filiazioni, non solo artistiche. 

Ultimo appuntamento della rassegna in scena sia al Verdi di Padova sia al Goldoni di Venezia, rispettivamente il 27 e il 29 marzo 2019, è A Fury Tale di Cristiana Morganti, danzatrice tra le più popolari del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, che dal 2011 ha intrapreso un percorso autonomo come coreografa, riuscendo a definire una propria cifra autorale, pur mantenendo solida l’impronta bauschiana, e ricevendo importanti riconoscimenti. Le interpreti di questo lavoro sono Anna Wehsarg e Anna Fingerhuth, due gemelle diverse, duellanti e amiche, rabbiose e affettuose. Due corpi messi a confronto, in cerca di un contatto che crei una relazione. Sull’onda di un collage musicale che da Bach viaggia fino al techno-rock, le duellanti-amiche paiono l’incarnazione duplicata di un unico modello di femminilità, capace di narrarci, in modo comico e straziante, il desiderio forsennato del distinguersi e del farsi illuminare dallo sguardo del mondo. Con A Fury Tale Cristiana Morganti, in dialogo costante con le due figure, offre una sua riflessione sensibile, ironica, intensa, sulla bipolarità dell’essere, con uno sguardo attento, complice e pungente.

Il progetto prevede inoltre la mostra fotografica Visioni e tradimenti. L’incontro con Pina Bausch ed il Wuppertal Tanztheater curata da Piero Tauro, fotografo di scena esperto di teatro danza e danza contemporanea, che dal 19 gennaio 2019 al Teatro Verdi di Padova e dal 23 gennaio 2’19 al Goldoni di Venezia rimarrà in esposizione per tre mesi con ritratti di danzatori del Tanztheater Wuppertal. Il 16 febbraio 2019 a Venezia verrà presentato il cortometraggio Quello che ci muove. Memorie degli spettatori di Pina Bausch di Rossella Schillaci (videomaker e antropologa visiva), prodotto dalla Fondazione Piemonte dal Vivo in collaborazione con Azul e Pina Bausch Foundation, presenta una raccolta di audio interviste di spettatori che hanno assistito a spettacoli di Pina Bausch in Italia. A introdurre al pubblico la proiezione sarà Susanne Franco, studiosa e ricercatrice dell’Università Cà Foscari di Venezia e curatrice della recente “Maratona Bausch”.

Oltre alla celebrazione della memoria di Pina Bausch, come di consueto Evoluzioni, la stagione di danza dello Stabile del Veneto dà spazio anche al ritorno di una delle migliori compagnie di danza italiane come il Balletto di Roma in scena al Goldoni con Lo Schiaccianoci (23 gennaio 2019) e al Verdi con Otello (1 febbraio 2019) entrambi di Fabrizio Monteverde, ma anche per il tradizionale appuntamento con il tango rappresentato quest’anno da Tango Mon amour della Compagnia Tango Brujo con il coordinamento scenico di Laura Pulin (Teatro Goldoni, 9 marzo 2019) e da Piazzolla tango/En tus ojos di Naturalis Labor (Teatro Verdi, 17 aprile 2019). A completare il programma (fuori abbonamento) il 4 e il 5 marzo 2019 va in scena prima a Venezia e poi a Padova anche l’eleganza del miglior balletto russo con La rosa d’inverno del Novy Balet di Mosca. Per la prima volta quest’anno la danza rientra anche tra le iniziative pensate per i più piccoli: grazie ad un progetto realizzato in collaborazione con la Compagnia Naturalis Labor, lo Stabile del Veneto ha selezionato un cast di giovanissimi interpreti (tra gli 8 e i 12 anni) appartenenti alle scuole di danza delle province di Padova, Venezia e Treviso, per allestire uno spettacolo per ragazzi, Naveneva Kids.

La nave dei piccoli che andrà in scena il 25 aprile 2019 a Padova e il 28 aprile 2019 a Venezia. La coreografa Silvia Bertoncelli accompagnerà i piccoli danzatori in un percorso che consenta loro di attraversare in completa autonomia uno spettacolo di repertorio della compagnia, restituendolo al pubblico con una rinnovata freschezza. Ispirata alle tecniche di scrittura creativa di Gianni Rodari, la coreografia esplora le possibilità della composizione, della scomposizione e della variazione dei movimenti, delle immagini, delle parole e degli oggetti attraverso una surreale avventura in mare vissuta da un gruppo di giovani mozzi. Ad arricchire il progetto, infine, sono due presentazioni di libri a cura di Ellena Randi che si terrano al Teatro Verdi: il 27 marzo 2019 Francesca Falcone e Patrizia Veroli presenteranno al pubblico Contact improvisation: storia e tecnica di una danza contemporanea di Cynthia Novack (Dino Audino, 2018), mentre il 17 aprile 2019 si terrà l’incontro con Alessandro Pontremoli, autore di La danza 2.0: paesaggi coreografici del nuovo millennio (Laterza 2018).

ORARI & INFO

Teatro Stabile del Veneto

www.teatrostabileveneto.it  

 Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Michael Probst – Claudia Kempf – Manuel Cafini

Check Also

GD Web TV: Il “Grazie” del San Francisco Ballet alla fine della stagione 2018/2019

La fine di ogni stagione di danza, si sa, porta anche con sé il desiderio ...

“Interconnessioni 2019”: la danza contemporanea in scena nel cagliaritano

Fino al 3 agosto Settimo San Pietro si trasforma nella casa della danza contemporanea e ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi