Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / News / Esclusiva (page 7)

Esclusiva

Vito Pansini, con successo al “Béjart Ballet Lausanne” [ESCLUSIVA]

Vito Pansini è nato a Molfetta (Bari) nel 1989, inizia il suo percorso di studi professionali all’età di undici anni alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano. Durante i suoi otto anni di studi, prende parte a diverse parti da solista in balletti firmati da celebri coreografi internazionali come Bournonville, Lichine e Mats Ek, danzando anche al fianco dell’étoile Luciana Savignano. Si diploma con eccellenti voti nel giugno 2008 e viene subito scelto in una produzione intitolata “Cassandra” di Luciano Cannito come solista danzando nel ruolo di Ulisse con Eleonora Abbagnato per il Teatro Massimo di Palermo. Nello stesso periodo entra come Solista al Balletto Teatro di Torino con il coreografo Matteo Levaggi e vi rimane sei anni prima di unirsi al “Béjart Ballet Lausanne” nell’agosto 2014. Carissimo Vito, apriamo il libro dei ricordi e iniziamo con le prime emozioni “in danza”?   L’artefice per questa grande passione è stata mia sorella Carmela, grazie a lei è nata la voglia e il sogno di danzare. Da bambini giocavamo e ballavamo sul lettone dei nostri genitori con le canzoni di Michael Jackson. In seguito, a otti anni, ho iniziato con la danza moderna e sono stato nominato campione ...

Read More »

Cristiano Principato dalla Scala ad Amsterdam

Cristiano Principato è nato a Novara e si è brillantemente diplomato presso la Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala di Milano nel giugno del 2014. Dopo un anno con la Junior Company dell’Het Nationale Ballet di Amsterdam, è oggi membro del Corpo di ballo della compagnia olandese “Het Nationale Ballet – Dutch National Ballet”.   Carissimo Cristiano, la tua famiglia ti ha sempre supportato nella scelta della “danza”? Tutti in famiglia si erano ormai abituati a vedermi ballare allegramente in soggiorno, e di conseguenza hanno subito approvato la mia scelta di iniziare un corso di danza, per dare sfogo al mio desiderio di muovermi con uno spazio più grande del salotto di casa. Più complicato è stato quando è arrivato il momento di intraprendere la mia avventura a Milano: chiaramente i miei genitori erano molto impauriti all’idea di vedermi lontano da casa all’età di soli undici anni, sapevano che avrebbero sentito la mia mancanza e che avrei dovuto fin da subito imparare ad affrontare tutto da solo, ma sebbene sia stata dura per loro lasciarmi andare, hanno voluto assecondare la mia scelta sapendo che mi avrebbe reso molto felice. Una situazione simile si è ripresentata quando è arrivato il ...

Read More »

M° Marinel Stefanescu: l’arte nella verità della creazione

Marinel Stefanescu, nativo di Bucarest, viene iscritto, su indicazione di suo zio, il noto primo ballerino Gabriel Popescu, alla Scuola di ballo dell’Opera di Bucarest dove si diploma nel 1966 col massimo dei voti. Ancora allievo della scuola ricopre in teatro ruoli di solista e primo ballerino. Viene inviato a Mosca per un corso di perfezionamento al Teatro Bolshoi sotto la guida di Messerer e Iermolaiev e poi al Kirov di Leningrado con il famoso M° Pushkin. Nel 1968 riceve il primo premio e la medaglia d’oro al Concorso Internazionale di Danza a Varna a pari merito con Mihail Barishnikov, e viene nominato primo ballerino all’Opera di Bucarest. Nel 1969 riceve il premio per la miglior interpretazione al 1° Concorso Internazionale di balletto a Mosca. Accanto alla sua passione per il balletto scopre giovanissimo, la sua vocazione alla coreografia che già si esprime in creazioni personali in occasione della partecipazione ai Concorsi di balletto, con ‘a soli’ originali come quella su musica di Bach: “Ascolta le Voci”. Dal ’69 comincia la sua carriera internazionale, è ripetutamente invitato come artista-ospite protagonista di tutto il repertorio classico-romantico e moderno nei maggiori Teatri dell’Europa, dell’Unione Sovietica e dell’Asia. Da un punto di vista ...

Read More »

Intervista a Raffaele Lauro in vista della pubblicazione del suo nuovo libro “Dance The Love.Una stella a Vico Equense” [ESCLUSIVA]

Raffaele Lauro (Sorrento, 1944), illustre accademico, è molto attivo anche nel campo della politica. Ha ricoperto infatti importanti incarichi istituzionali di Prefetto della Repubblica, di Capo di Gabinetto di diversi Ministeri, di commissario straordinario del Governo per la lotta al racket e all’usura e di senatore della XVI Legislatura (2008-2013). Come scrittore, si contraddistingue per acume critico e prolificità. È giunto ormai alla quattordicesima opera narrativa, dopo aver esordito, nel 1987, con Roma a due piazze, edito da CEI (Premio Chianciano di Narrativa 1987 Opera Prima). Da quel momento la sua penna molto importante non si è più fermata, portando alla luce una cascata di pubblicazioni, compresi i tre romanzi de La Trilogia Sorrentina. Concepita come un triplice omaggio alle sue terre natali, dopo i romanzi Sorrento The Romance. Il conflitto, nel XVI secolo, tra Cristianesimo e Islam e Caruso The Song. Lucio Dalla e Sorrento, entrambi editi dalla GoldenGate Edizioni rispettivamente nel 2013 e nel 2015,  Dance The Love. Una stella a Vico Equense, in uscita nell’estate del 2016 sempre con la GoldenGate Edizioni, ne costituisce un’ottima conclusione. Nell’intervista che noi del www.giornaledelladanza.com gli abbiamo voluto rivolgere, in anteprima di pubblicazione, Raffaele Lauro ci parla del suo romanzo dedicato ...

Read More »

Davide Dato, nominato étoile alla Vienna State Opera Ballet [ESCLUSIVA]

In questi ultimi giorni, tante nomine importanti, hanno dato lustro al nostro paese e ai giovani talenti italiani, già affermati nel mondo della danza internazionale. A partire da Davide Dato, già Solista Dancer alla “Vienna State Opera Ballet”, il quale ieri sera, giovedì 26 maggio è stato nominato ufficialmente Étoile del Balletto dell’Opéra di Vienna in Austria. Al termine del “Don Chisciotte” con la coreografia di Rudolf Nureyev, il direttore del Corpo di Ballo viennese Manuel Legris, ha annunciato direttamente sul palcoscenico, davanti al festante pubblico, la prestigiosa nomina del nostro danzatore Davide Dato. Nato a Biella nel 1990, considerato fin da subito, da pubblico e critica, uno dei talenti italiani di sicuro interesse aveva in passato ottenuto adesioni importanti, in primis a Vienna con l’esclusivo ed ambito riconoscimento “Talento 2010 della Compagnia”. Precedentemente aveva collezionato altri importanti premi, tra i quali, la medaglia di bronzo all’ÖTR Contest 2007, l’Hope of the Ballet World Prize, il Grishko Special Prize e la Medaglia d’argento al Premio Roma 2008, il Primo premio assoluto e l’Orso d’oro al Festival di Vignale Danza 2008, il primo premio e la medaglia d’oro al Concorso Internazionale di Istanbul 2008, il Premio Sinfonie d’ autore 2010 ad ...

Read More »

Liliana Cosi, leggenda della danza di qualità [ESCLUSIVA]

  Liliana Cosi, milanese di nascita compie i suoi studi alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano sotto la guida della direttrice Esmée Bulnes e vi si diploma nel 1958 quale miglior allieva, ricevendo un premio dal Sovrintendente Antonio Ghiringhelli per le mani di Wally Toscanini. Viene subito assunta nel corpo di ballo della Scala con contratto a tempo indeterminato e partecipa a tutti gli spettacoli d’opera e balletto. Nel 1963 si aprono i primi scambi culturali tra il Teatro Bolscioi di Mosca e il Teatro alla Scala di Milano e viene inviata, in qualità di capogruppo, per un corso di perfezionamento e lì studia con Vera Petrovna Vasilieva, moglie del coreografo Galizovski. Di ritorno in Italia decide di frequentare un periodo di studi a Parigi agli Studi Vaquer del maestro Fianchetti. A Mosca torna nel 1965, nel ’66 e nel ‘67 dove studia con i maggiori maestri di quel tempo: Tikhomirnova, Messerer, Simionova, Ulanova, Jordan, Gherdt. Nel 1965 debutta al Palazzo dei Congressi del Cremlino come protagonista nel “Lago dei Cigni” con Boris Khokhlov. Di ritorno alla Scala è promossa Solista e le affidano il “Lago dei Cigni” con Paolo Bortoluzzi e “Cenerentola” di Prokofiev-Rodriguez con ...

Read More »

La maestra Samanta Togni ci parla della sua vittoria a Ballando con le Stelle 2016

  La maestra di danza Samanta Togni e l’attore Iago Garcia si aggiudicano la coppa dei vincitori dell’undicesima edizione di Ballando con le Stelle. Aveva soli tredici anni quando conquistava la finale a “Blackpool Dance Festival”, la più prestigiosa delle competizioni di ballo. Trasferitasi negli USA, gareggia per gli States con il celebre ballerino Maksim Chmerkovskiy. In Italia il programma “Ballando con le stelle” la rende nota in tutta la penisola, è Milly Carlucci a volerla come insegnante nel programma cult di Rai Uno. In seguito si alternano diverse esperienze a quelle delle competizioni di ballo, dal musical “la febbre del sabato sera” a “tutto questo……danzando”. Prima di parlare della tua vittoria, che esperienza è stata la versione “on the road” del programma di Rai 1. Cosa ti ha maggiormente colpito tappa dopo tappa? Abbiamo viaggiato da nord a sud dell’Italia incontrando centinaia di persone. Posso dire, in effetti, che quello che abbiamo riscontrato un po’ ovunque è stato il grande entusiasmo e la passione per la danza che la gente ci mette. È stato bellissimo essere accolti con tanto affetto. Poi, visto da vicino, si tocca con mano quanto alla nostra Italia piaccia ballare. Veniamo alla tua vittoria in questa bella ...

Read More »

Giornata internazionale della danza 2016: il messaggio di Lemi Ponifasio

Come ogni anno, l’ITI – International Theatre Institute chiede a un coreografo un messaggio per la Giornata Internazionale della Danza, che si svolge ogni anno il 29 aprile dal 1982. Dopo Israel Galvàn dell’anno scorso, il messaggio di quest’anno è una vera e propria poesia, scritta dall’artista e coreografo Lemi Ponifasio, originario delle Isole Samoa ma molto attivo in Nuova Zelanda, dove crea i suoi lavori basati su un ritmo decelerato, e su un’estetica estremamente personale, tra bianco e nero, chiariscuri e figure rituali che ridefiniscono totalmente il concetto di ciò che è convenzionale e ciò che non lo è. Di certo non è convenzionale il suo messaggio, scritto, appunto, in forma di poesia. Questo il testo, nell’originale inglese e nella traduzione a cura di giornaledelladanza.com: KARAKIA (Prayer) touch the cosmos the source of our divinity illuminating the face of the ancestors so we can see our children   woven above beside below unite all within our flesh and bones and memory   the Earth is turning humans in mass migration turtles gather in silent preparation the heart is injured   make dance a movement of love a movement of justice the light of truth KARAKIA (Preghiera) Tocca il cosmo ...

Read More »

Intervista Dorian Grori, co-responsabile del “Nuovo Balletto Classico” [ESCLUSIVA]

Dorian Grori è nato in Albania e si è diplomato presso l’Accademia di Danza di Tirana. Ha lavorato all’Opera di Tirana ricoprendo ruoli da Solista. In seguito, nel 2001, si trasferisce in Italia ed entra a far parte dell’Associazione Balletto Classico di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu, esibendosi in qualità di primo ballerino e partecipando a tutto il repertorio e alle nuove creazioni coreografiche classiche e neoclassiche della Compagnia e a tutte le tournée all’estero. In qualità di docente ha insegnato danza classica ai primi corsi presso l’Accademia del balletto di Tirana e attualmente svolge l’attività di maestro in Italia. (LEGGI ANCHE: LA COMPAGNIA E LA SCUOLA COSI.STEFANESCU NON CHIUDE, GRAZIE A 4 GIOVANI DANZATORI)     Gentile Dorian, innanzitutto le mie personali felicitazioni per la staffetta, che ha permesso il salvataggio della storica Compagnia e Scuola “Cosi-Stefanescu”, da parte tua insieme all’insegnante Nicoletta Stefanescu e ad altri due primi ballerini, Elena Casolari e Rezart Stafa. Come siete arrivati a questa lieta conclusione?   Giunti in un momento di crisi economica nella nostra realtà, come del resto nell’arte in generale, si è arrivati ad una svolta, che ha portato Liliana Cosi e Marinel Stefanescu alla decisione di chiudere. Quindi mossi dal ...

Read More »

Amici 15, Emanuele Caruso: “Tra qualche anno smetterò con le competizioni” [ESCLUSIVA]

Emanuele Caruso è stato il primo eliminato del serale di Amici 15, visto che ha perso la sfida finale contro Michele Lanzeroti. Ecco l’intervista al ballerino in cui parla della sua esperienza nel talent show di Canale 5, del rapporto con i professori ed anche qualcosa riguardo la sua vita privata. Com’è andata quest’esperienza? Beh, non posso che commentarla in maniera positiva. È stata un’esperienza stupenda. Vivere Amici è meraviglioso, ma rivederlo da fuori ancora di più. Ho un rammarico però, quello di essere uscito nella prima puntata senza aver avuto l’opportunità di farmi conoscere meglio dal pubblico. È un grande dispiacere. Come hai vissuto il ballottaggio con Michele? La tensione era altissima e, sinceramente, non mi aspettavo proprio di essere eliminato. Per me è stata una sorpresa. Ho vissuto bene il ballottaggio, anche se ovviamente la paura c’è sempre. Secondo te perché i professori hanno preferito lui a te? Non lo so! Qualcuno dei professori della mia squadra (Alex Braga, Fabrizio Moro, Kledi Kadiu, Alessandra Celentano e Natalia, ndr) deve aver rotto gli equilibri, preferendo Michele. Sicuramente è stata la mia disciplina ad aver influenzato il giudizio. Michele era molto più versatile anche negli altri tipi di danza. È stato ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi