Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Notizie

Notizie

GD Web TV: Restless Creature – Wendy Whelan

Nel 1984, Wendy Whelan entra nella Compagnia del New York City Ballet come apprendista; nel 1991 è promossa a Principal Dancer. In pochissimo tempo è diventata una figura rispettata ed amata da tutto l’ensemble e da tutto il mondo della danza. E in questo video, trailer del documentario Restless creature a lei dedicato, si racconta come questa danzatrice sia veramente un esempio da seguire, dentro e fuori dalla sala prove.   www.giornaledelladanza.com

Read More »

“Over Ground”: quando il corpo riflette sulla morte

Sabato 10 novembre 2018 i danzatori della Pryzmat Dance Company si esibiranno nell’ambito del ciclo di eventi culturali dal titolo Della morte e del morire, organizzato dall’Associazione Culturale dello Scompiglio. La programmazione tematica Della morte e del morire si snoderà lungo più di un anno (da settembre 2018 a dicembre 2019) con un ricchissimo cartellone con concerti, performances, mostre, workshops, discussioni e perfino attività per i più piccoli. Tema del ciclo di eventi culturali è il rapporto tra individuo e morte e a partecipare sono i vincitori di un bando internazionale al quale hanno partecipato più di cinquecento progetti artistici di svariata natura. Il rapporto tra essere umano e pericolo, quindi morte, è anche tema centrale di Over Ground, lo spettacolo che la compagnia di danza polacca con sede a Olsztyn metterà in scena questo sabato sul palco della Tenuta dello Scompiglio di Vorno (Lucca). La Pryzmat Dance Company, fondata nel 2007, si definisce come gruppo impegnato nella ricerca di sperimentalismi e contaminazioni formali. Oltre alla produzione di lavori coreografici la compagnia si prodiga in un’opera pedagogico/sociale di diffusione dei mezzi per l’espressione corporea, anche tramite corsi rivolti a tutti, indipendentemente da età e competenze. L’opera coreografica che andrà in ...

Read More »

Emozionante viaggio nella danza Jazz con “Dancing in New York” di Adriana Cava

Il 10 novembre 2018, il Teatro Nuovo di Torino ospita Adriana Cava Dance Company con Dancing in New York, concept e coreografie Adriana Cava ed Enzo Scudieri, musiche di autori vari, tra cui Tangerine Dream, Liza Minnelli, Michael Jackson, Silicone Soul, Pink Floyd e molti altri. Adriana Cava Dance Company nasce nel 1981 per volontà della coreografa torinese, pioniera del modern Jazz in Italia, intenzionata a valorizzare questo stile di danza di origine americana e ormai saldamente ancorata nel costume culturale italiano, conducendola al di fuori del piccolo schermo in cui è stata talvolta relegata, diffondendola nei teatri e portandola a contatto con ogni tipo di pubblico. Nota anche come Jazz Ballet, la compagnia si compone di dodici ballerini stabili spesso affiancati da artisti di fama internazionale come Andrè De La Roche, Steve La Chance, Vinicio Mainini, Thierry Sirou, Ilaria De Angelis, Laura Ruocco e Antonello Angiolillo. La nuova produzione del 2018, Dancing in New York, esprime perfettamente lo spirito che anima la compagnia. E’ un tuffo nella Grande Mela, patria della danza Jazz, un’esplorazione virtuale delle strade dell’affascinante e al contempo dura ‘città che non dorme mai’, di cui vengono svelati gli angoli più nascosti. Il viaggio è accompagnato ...

Read More »

“CHROMA_don’t be frightened of turning the page”: Alessandro Sciarroni “ipnotizza” gli spettatori con la sua danza

Partendo dall’osservazione dei fenomeni migratori di alcuni animali, Alessandro Sciarroni – vincitore del prestigioso Premio Europa Realtà Teatrali 2017 – ha lavorato sul concetto di rotazione e CHROMA_don’t be frightened of turning the page è l’ultimo dei suoi progetti. Attraverso l’azione del corpo che ruota intorno al proprio asse e che si sviluppa in un viaggio psicofisico emozionale, in una danza di durata, Alessandro Sciarroni ipnotizza lo spettatore. Ideatore e unico performer in scena, Sciarroni propone una coreografia che non si appiattisce su un’interpretazione univoca del movimento rotatorio, ma si apre a una pluralità di letture e di significati. Durante l’esperienza del progetto europeo Migrant Bodies, tra il 2014 e il 2015, l’artista ha sviluppato un’idea per una nuova pratica performativa profondamente germinale. Partendo dall’osservazione dei fenomeni migratori di alcuni animali che al termine della loro vita tornano a riprodursi e a morire nel luogo dove sono nati, l’artista inizia a lavorare sul concetto di turning. Il termine inglese viene tradotto e rappresentato in scena in maniera letterale, attraverso l’azione del corpo che ruota intorno al proprio asse e che si sviluppa in un viaggio psicofisico emozionale, in una danza di durata, nella stessa maniera in cui turning significa anche evolvere, cambiare. ...

Read More »

Il coraggio e la nobiltà dei sogni in “Jentu” di Stefano Mazzotta

L’11 novembre 2018, all’interno della XV edizione di Lasciateci Sognare, il Teatro ai Colli di Padova ospita la compagnia Zerogrammi con Jentu, regia e coreografia Stefano Mazzotta, drammaturgia Fabio Chiriatti, danzatori Stefano Mazzotta e  Chiara Guglielmi, musiche di autori vari. Produzione Zerogrammi e Storiedivento, coproduzione Pim Off, LUFT casacreativa, con il sostegno di Regione Piemonte, MIBACT Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Nata nel 2005 e diretta dal coreografo e danzatore Mazzotta, Zerogrammi utilizza nelle sue creazioni linguaggi, contesti e punti di vista trasversali alla danza e al teatro, quali fotografia, arti plastiche e letteratura, uniti a un’attenta ricerca drammaturgica e coreografica. Alla base di questa interdisciplinarietà, la convinzione che il confronto artistico sia generatore di ricchezza, in grado di dar vita a nuovi strumenti di crescita creativa, ampliare connessioni e creare opportunità di collaborazione in svariati contesti nazionali e internazionali. Non fa eccezione a tale illuminata visione Jentu, creazione per due danzatori ispirata al Don Quijote di Miguel De Cervantes, che trasla le imprese dei personaggi dell’opera all’oggi e ci spiega come sia importante accettare fallimenti e cadute da cui ci si rialza più forti, pur di perseguire il proprio ideale più profondo, riscoprendo l’importanza ...

Read More »

Sorrento Danza Premio Internazionale 2018: omaggio a Raffaella Pandolfi

  Si svolgerà nei giorni 8, 9, 10 e 11 novembre 2018, a Sorrento, presso il Teatro Tasso, “Sorrento Danza Premio Internazionale 2018”. La manifestazione, organizzata da Mario Pandolfi, fu ideata nel 2011 dalla coreografa Raffaella Pandolfi e giunge quest’anno alla sua VIII edizione con la direzione artistica di Amelia Wanderlingh, direttrice della Vancliffen Arts Foundation. L’evento, che si articola in workshop, concorso e piattaforma coreografica, ha come intento di offrire l’opportunità a giovani talenti di godere di scambi di alto prestigio artistico-culturale e di esibirsi nei diversi stili classico, moderno e contemporaneo e di presentare coreografie inedite nella sezione speciale “Orizzonti Coreografici”. La giuria è composta da coreografi e maestri di fama internazionale: Amelia Wanderlingh, Fabio Molfesi, Jonas Misurak, Lorena Coppola, Or Abudhaev, Rossanna Filipponi, Carla Coppola, Manuela Bianchini, Antonio Coloandrea, Rosaria Iodice,con la partecipazione del coreografo RAI Franco Miseria. Il giorno 11 novembre 2018 l’evento si concluderà con il “Gran Galà” finale, in cui, oltre alle esibizioni degli allievi classificatisi ai primi posti del concorso svoltosi nelle prime due serate, si potrà assistere anche a diverse performance di guest artists, tra cui due solisti della Scuola di Danza Harmony diretta dal Maestro Angelini; solisti dell’Accademia dello Spettacolo diretta da Irma ...

Read More »

“VN Serenade”: in scena il capolavoro di Balanchine con 28 danzatori

La creazione ricerca il rapporto più prossimo tra danza e musica, emancipando le potenzialità espressive del corpo, l’eleganza del gesto, la reversibilità che intercorre nello spazio tra impulso e decisione, tra determinazione e imprevisto in cui l’umano si esperisce come puro potenziale. La dimensione coreografica si avvale di due metodologie differenti nell’approccio alla forma, ma speculari nella generazione di un’esperienza estetica in cui lo spazio tra la realtà e l’apparenza, l’individuo e la collettività costituisce un rinnovato luogo di libertà per il sensibile, una diversa postura politica dei corpi. Verklärte Nacht nella versione del 1943 per orchestra d’archi apre la serata ed è l’incipit per articolare una danza viscerale, in un susseguirsi di duetti in cui è l’istinto del corpo nell’ascolto musicale a prevalere sul concetto, a disegnare l’immagine dinamica del gesto artistico. È la partitura di Schönberg, che lo stesso autore nel 1950 definisce come musica pura, a condurre l’interiorità, a far vibrare l’impersonale della danza come potenziale, come origine e materia di un senso a venire. Serenade op.48 in do maggiore per archi, è il primo balletto originale che Balanchine creò in America nel 1934 per gli studenti della Scuola dell’American Ballet Theatre. Il balletto è una pietra miliare nella ...

Read More »

GD Web TV: Aletta Collins – Blue Moon, Royal Ballet

Aletta Collins ha creato una nuova coreografia sulle musiche di David Sawer. La particolarità di questo nuovo lavoro è che sarà messo in scena solo da danzatrici e, soprattutto, saranno sulle punte. Blue Moon, questo il titolo della pièce, vedrà protagoniste le ballerine del Royal Ballet Romany Pajdak, Mayara Magri, Mica Bradbury, Fumi Kaneko, Beatriz Stix-Brunell, Kristen McNally e Hannah Grennell.     www.giornaledelladanza.com

Read More »

Beethoven/Ravel all’Opera di Lipsia, e la musica da concerto diventa balletto

All’Opera di Lipsia la musica classica da concerto diventa coreografia, nella spettacolare serata Beethoven/Ravel, la cui prima è andata in scena in data 27 ottobre 2018. Il programma tripartito presenta opere di Uwe Scholz, Stanton Welch e Mario Schröder. Lo spettacolo si apre con Settima Sinfonia di Scholz, che per anni è stato coreografo del Balletto di Lipsia, la musica quella del celebre pezzo sinfonico di Ludwig van Beethoven. La coreografia di Scholz, creata nel 1991, è ispirata all’idea alla base della sinfonia di Beethoven, quella cioè di creare musica pura, senza collegamenti extramusicali. Allo stesso modo Uwe Scholz rinuncia alla narrazione e mette in scena il movimento nella sua forma più pura. Scenografia e costumi sono ispirati al colorato quadro astratto “Beta Kappa” di Morris Louis. La seconda parte della serata si apre con la provocatoria musica del Concerto per Pianoforte in Sol di Ravel. La coreografia dell’australiano Welch, direttore artistico del Balletto di Houston, si chiama Tutù e ripercorre in modo molto ironico le tracce della danza classica tradizionale. L’ultimo pezzo della serata, Geschöpfe di Mario Schröder, coreografo e direttore attuale del Balletto di Lipsia, è ispirato alla musica di Beethoven “Le creature di Prometeo”. Alcuni dei danzatori entrano ...

Read More »

Gentian Doda: “Sei solo, ma non puoi ignorare ciò che ti circonda” [ESCLUSIVA]

Gentian Doda inizia la carriera di ballerino presso il Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto di Tirana, sua città natale. Tra le collaborazioni ricordiamo quella con Maurice Béjart, sotto il cui invito interpreta nel 2002 il ruolo principale de L’uccello di fuoco, quelle con Ohad Naharin, William Forsythe, Jiří Kylián, Orjan Anderson, Mats Ek e Wim Vandekeybus. Nell’ambito della carriera di ballerino lavora presso il Teatro Statale di Opera e Balletto dell’Azerbaigian, il Teatro Arena di Verona, il Balletto di Parma, la compagnia di Victor Ullate, la Compañía Nacional de Danza e lo Staatsballet Berlin.  I primi lavori da coreografo risalgono al 2005. Dal 2005 al 2010 è coreografo della Compañía Nacional de Danza di Madrid sotto la direzione di Nacho Duato e realizza più di sei lavori. Nel 2011 vince il primo premio dei concorsi di coreografia di Copenhagen e Hannover e il premio Scapino per la produzione. Da quel momento realizza opere per il New York Choreographic Institute, lo Scapino Ballet, la Compañía Nacional de Danza di Santo Domingo, lo Staatsballet Nürnberg, il Gärtnerplatztheater e il Teatro Massimo di Palermo. Si è anche dedicato a progetti indipendenti che ha portato in scena sui palchi di tutto il mondo. La ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi