Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Rubriche / Inform-azione

Inform-azione

La spina dorsale della danza 

Inform-azione di Joseph Fontano

Rivedendo il film “Billy Elliot”, ripresentato in televisione il 7 marzo, sono rimasto colpito come la prima volta che l’ho visto per la crudeltà e le  difficoltà che ancora oggi  un ragazzo  Europeo ha nel voler intraprendere la strada della danza. Non ci sono molti film che rappresentano queste tematiche,  e ogni volta sono rimasto colpito da qualcosa di diverso. Probabilmente non volevo accettare che nella sceneggiatura c’era una parte della mia vita o ancora meglio una parte della vita di tutti noi. Piango quando la passione di Billy non riesce a convincere la sua famiglia che la danza è per lui qualcosa di speciale. Ho pianto quando il padre finalmente cede alla passione di Billy, ho pianto quando lui lascia il suo paese, e ho pianto quando sulle note del Lago di Cigni, con la coreografia di Matthew Bourne, Billy vola in scena di fronte al suo amico del cuore e ai suoi familiari. Morale della favola è che grazie a una scuola privata di danza, in un paesino sperduto della Gran Bretagna, un talento è potuto nascere. Ma soprattutto grazie ad un insegnate che ha saputo coltivare e far nascere un talento visibilmente non molto “talentuoso”. L’insegnante ha ...

Read More »

InformAzione, “Buoni propositi”

Inform-azione di Joseph Fontano

 Come molte persone che si prefissano degli obiettivi per il nuovo anno, anche un danzatore dovrebbe farlo per migliorare la propria danza. Ecco alcuni suggerimenti e soluzioni, anche se tutti voi potete dare idee e scrivere nuovi propositi per danzare e studiare meglio. Lo streching, per un danzatore è fondamentale poiché egli deve essere flessibile. Tutti gli stilli richiedono un’eccellente flessibilità per eseguire correttamente i movimenti, dalla danza classica alla danza contemporanea passando per il modern e hip-hop. La vostra flessibilità ha un continuo bisogno di miglioramento, dovete prendere l’abitudine di fare allungamenti ogni sera prima di dormire e ogni mattina prima di fare colazione, e sarete stupiti di quanto più velocemente si diventa agili. Di sicuro vi farà piacere il miglioramento che sentirete sul corpo. Si diventa più forti. I danzatori devono essere forti e in buona salute fisica. La forza permette a un danzatore di muoversi rapidamente e proteggersi contro alcuni danni. Sarebbe importante aggiungere una serie di esercizi di potenziamento al vostro training quotidiano. Possono essere integrati tutta una serie di esercizi per rafforzare l’intero corpo per lavorare meglio con gli addominali, le braccia e il petto. Prova un nuovo stile di danza!  Tutti i danzatori possono ...

Read More »

Studiare per conoscere: il linguaggio nascosto dell’anima

Inform-azione di Joseph Fontano

Il movimento del corpo è una necessità e un diritto sin dalla nascita. Ci muoviamo per il piacere, per aspetti comuni, rituali per auto-espressione. Quando il movimento è consapevolmente strutturato ed eseguito con consapevolezza per se stessi, essa diventa danza. La danza è alla base della natura umana ed è una forma fondamentale di espressione individuale e culturale. È pre-verbale, ed ha inizio prima che le parole possano essere formate. Nei bambini è innata ancor prima che possiedano comando sulla lingua, ed è evocato quando i pensieri o le emozioni sono troppi potenti per le parole da contenere. La danza può essere gioco, preghiera, corteggiamento, svago, divertimento, e il bisogno umano di comunicare il senso della vita in arte, così come in tutte le società che creano forme di rappresentazioni visive, suoni e musica. Tutte le culture organizzano movimento e ritmo in una o più forme di danza. La danza può essere un potente mezzo artistico per comunicare i valori e le convinzioni circa l’esperienza umana. Si studia l’arte della danza per imparare il linguaggio del movimento corporeo, essa esprime e comunica l’essenza dell’umanità. L’educazione della danza serve oltre a stimolare la consapevolezza del movimento, a sviluppare una conoscenza estetica ...

Read More »

Partecipare ai concorsi di danza?

Inform-azione di Joseph Fontano

In generale, la mia opinione per chi partecipa ai concorsi di danza, è sicuramente positiva, ma sempre con moderazione; può diventare un mezzo di scambio, dando agli studenti una visione più ampia del mondo della danza, e facendo capire ai genitori l’impegno e l’importanza di quest’arte, con una diversa ottica verso i nuovi stili, tecniche, e  vari modi di insegnamento nel settore. I concorsi danno una mission da compere agli allievi, portando a termine un progetto coreografico sul palcoscenico. Ho avuto esperienze molto contrastanti come giudice e come pubblico per quanto riguarda i concorsi di danza, ho visto danzatori preparati eseguire bene le coreografie, con scelte di coreografie appropriate  e giudicati in modo equo. Seduto tra il pubblico ho visto genitori infuriati quando a volte si rendevano conto che i loro figli non erano preparati abbastanza e con costumi imbarazzanti ecc. C’è da dire però che l’altro lato della medaglia, rappresentato dalle scuole che “concorrono” ai concorsi, dovrebbero avere più consapevolezza nella preparazione dei propri allievi, in modo da poterli inscrivere nelle “categorie” adatte secondo la loro padronanza della tecnica e artisticità. A mio parere, non è positivo per “tutti” partecipare a un concorso se non si è preparati abbastanza. ...

Read More »

Quanto dura la carriera di un danzatore?

Inform-azione di Joseph Fontano

Il mestiere del danzatore è un lavoro molto impegnativo a livello fisico, egli è in parte atleta, performance artist, poeta, e in parte guerriero. È necessario avere una solida base di salute per essere in grado di intraprendere la strada di danzatore professionista e una voglia di apprendere una cultura ferrea per poter eventualmente sviluppare la carriera in altri ambiti in quest’arte dello spettacolo dal vivo. I danzatori devono prendere cura del proprio corpo attraverso una formazione costante con lezioni giornaliere, con approfonditi riscaldamenti e condizionamento dell’apparato scheletrico muscolare. E’ importante per chi vuole intraprendere questa carriera di avere una alimentazione sana ed equilibrata, nutrirsi con molte proteine per la forza muscolare e carboidrati per la resistenza necessaria che richiedono le molteplici ore di attività fisica da svolgere. Quando i danzatori non sono in scena, devono essere in grado di bilanciare il loro lavoro con il riposo, in modo di essere al top il giorno dopo per la lezione, ma soprattutto per le estenuanti prove. La strada intrapresa comporterà un costante controllo del proprio corpo, quindi fisioterapisti, massaggi per aiutare il corpo a rilassarsi, quindi prendersi cura di se e rimanere in buona salute. Negli ultimi anni i danzatori hanno ...

Read More »

Spesso i limiti non sono reali

Inform-azione di Joseph Fontano

La disabilità è un argomento che vale la pena affrontare nel settore della danza. Molto spesso si pensa che solo corpi “perfetti” e modellati possono avvicinarsi alla danza, vista come la perfezione da raggiungere. Mentre al contrario si parla e si conosce poco degli aspetti terapeutici che si hanno sul corpo, ma soprattutto sulla mente. Danzare ci fa stare bene, fa gioire, e sopratutto è un atto sociale. Anche nello studio della danza, così come per la danza classica, contemporanea ecc. le lezioni sono collettive e quindi c’è un aspetto sociale e un confronto durante tutto l’atto dell’imparare. Non si impara a danzare da soli, ma è un’azione sublime che porta con se delle poetiche profonde attraverso l’utilizzo di un linguaggio corporeo non verbale, dando la possibilità di esprimere quello che la parola non può fare. Uomini e donne con varie disabilità in tutto il mondo partecipano attivamente sia negli spettacoli di danza amatoriale che professionale. Compagnie professionali di danza contemporanea, come Axis Dance Company negli Stati Uniti d’America e CandoCo nel Regno Unito presentano coreografie di ensemble misto di danzatori abili e diversamente abili. Persino la Cina ha dedicato molte risorse nella creazione di compagnie con disabilità. In Italia ...

Read More »

Vivere di danza contemporanea?

Inform-azione di Joseph Fontano

Dove si studia la danza contemporanea in Italia e in Europa? Ci sono compagnie professionali? Molti giovani talenti hanno voglia di studiare la danza contemporanea ad altissimo livello, e in Italia ci sono varie scuole di danza private che offrono lo studio della danza contemporanea a buoni livelli, oltre all’unica Accademia dello stato. Di sicuro manca una struttura che si occupa solo e unicamente della danza contemporanea o ancora della cultura della danza contemporanea così come avveniva negli anni settanta e ottanta a Roma presso il Centro Professionale di Danza Contemporanea. La danza contemporanea non è fare solo dei movimenti liberi o con modalità diverse dalla danza classica. La danza contemporanea è un modo per affrontare la ricerca del corpo senza concetti prestabiliti, e oggi più che mai attraverso l’interazione tra le varie arti dello spettacolo dal vivo e non. Negli ultimi anni la danza contemporanea ha avuto una visibilità notevole. Moltissime compagnie di danza estere sono transitate in Italia nei festival più importanti a livello nazionale e internazionale, facendo conoscere sempre di più questa forma di danza estremamente valorizzata all’estero. In Italia le compagnie di danza contemporanea vivono sul filo del rasoio, in quanto, solo alcune di quelle più ...

Read More »

La transizione del danzatore

Inform-azione di Joseph Fontano

I danzatori condividono una devozione verso una forma d’arte che richiede disciplina, dedizione e impegno. I danzatori subiscono diverse umiliazioni, una di queste è la bassa retribuzione che si riceve come professionisti, impegnati unicamente in molte ore di lavoro e di sforzo richiesto per perfezionare la loro arte, subendo inoltre il rischio di lesioni fisiche e stress emotivo, per iniziare una carriera che rischia di iniziare dalla scuola elementare, per poi terminare a circa quaranta anni (Sempre nel 2014, crescerà di 12 mesi, da 45 a 46 anni, anche la soglia minima di età per il pensionamento dei danzatori – legge Fornero). Per i danzatori professionisti, al raggiungimento della loro carriera nello spettacolo dal vivo, le difficoltà economiche, psicologiche ed educative sono tali da avere una conseguenza per il resto della loro vita. Dobbiamo sostenere un’attività culturale che poggia su realizzazione umana, e dobbiamo comprendere le difficoltà nel momento della transizione di una carriera professionale di tale importanza. La rubrica vuole mettere a disposizione semplici risposte ai danzatori alla fine della loro carriera sul palcoscenico, vera risorsa culturale attraverso la loro esperienza e professionalità. I danzatori che hanno svolto per anni loro attività professionale sul palcoscenico sono un patrimonio culturale ...

Read More »

Un’opportunità unica e innovativa per l’Italia

Inform-azione di Joseph Fontano

Gentili lettori inizio questo quinto appuntamento della rubrica Inform-Azione rispondendo in modo chiaro e semplice a una lettera ricevuta da una danzatrice che mi ha posto alcune domande.   Cara Emanuela, ti ringrazio per i complimenti sulla nuova rubrica da me curata, ma soprattutto di aver condiviso con me il tuo percorso didattico e professionale come allieva, danzatrice e docente. (Emanuela)“la ringrazio fortemente per la nascita della rubrica Inform-Azione, dove penso sia una bellissima occasione di condividere pensieri e dubbi che molto spesso sono presenti nel nostro settore. Ogni grandissimo artista ha dato una propria chiara definizione di ciò che per egli significhi la parola danza.” L’occasione di poter scrivere in una rubrica, nasce dalla genialità del giornaledelladanza.com che ha voluto accogliere le mie opinioni su argomenti che non sempre sono discussi apertamente ma riguardano la nostra vita all’interno del settore danza. Poter stare in rete e online con argomenti che di solito non si affrontano, è una grande opportunità per diffondere la voce della danza che spesso non trova “spazio”. Quando mi fanno la domanda “Maestro che cos’e per lei la danza? ” io replico dicendo che “non posso identificare cos’è la danza, poiché cerco tutti i giorni attraverso il mio ...

Read More »

Inform-azione di Joseph Fontano: Il primo lavoro…

Inform-azione di Joseph Fontano

Nel nostro quarto numero comincerò parlando della prima grande occasione di lavoro. La cosa sorprendente è che quest’occasione volerà via talmente in fretta, che sarà  vissuta  in modo da ottenere il massimo da ogni singolo secondo di essa. Il primo lavoro da danzatore è un’opportunità incredibile, è una sfida enorme. Ogni momento è un’occasione per essere sempre più vicino al ruolo che desideravate, quindi dovete essere sempre pronti a essere il migliore. Attenzione a volte ci si può dimenticare di vivere una sana competizione e accettare solo quello che ci viene chiesto di fare. Una sana competizione vi aiuterà a ottenere un lavoro piuttosto   che solo volerlo, tale atteggiamento non deve cambiare mai nell’approccio alla tua danza e nella ricerca di un lavoro. Le audizioni offrono la possibilità di dimostrare ai coreografi il tipo di preparazione che hai avuto. È necessario, nella maggiore parte dei casi arrivare pronti anche con materiale fotografico (fotografia headshot –viso e/o di danza, se richiesto). Il termine cattle call (raduno del bestiame) si riferisce a audizioni dove partecipano centinaia di danzatori. Questo tipo di audizione può anche durare un intera giornata con vari callback- possibilità di essere richiamati per esibirsi di nuovo, come di solito succede, ...

Read More »