Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Un classico nella letteratura per la danza: “Il libro del balletto” di O. F. Regner

Un classico nella letteratura per la danza: “Il libro del balletto” di O. F. Regner

Un classico nella letteratura per la danza: Il libro del balletto di O. F. RegnerSi deve alla casa editrice milanese Ghibli, la ristampa di un testo fondamentale nell’ambito della storiografia sulla danza e il balletto. Il libro del balletto di Otto Friedrich Regner, pubblicato la prima volta nel 1956, è tornato alla ribalta grazie a questa nuova edizione che assume davvero una grande importanza. Sia gli appassionati del settore, sia i cultori e gli studiosi della materia, infatti, potranno usufruire di questo volume, per avere un solido supporto teorico nelle loro letture interessate o studi specialistici.

Otto Friedrich Regner è uno scrittore, giornalista e critico di danza tedesco, attivo nella prima metà del Novecento. La sua popolarità come studioso e scrittore di danza è stata raggiunta, oltre che con questa opera, grazie anche a Reclams Balletführer, un volume dalla chiara impronta saggistica. Il libro del balletto, invece, offre un’esauriente ricostruzione della storia della rappresentazione coreografica nel corso del tempo. Segue, con gusto documentario e analitico, le varie fasi di trasformazione di quel meraviglioso linguaggio artistico che, con meccanismi quasi artigianali, plasma la materia fatta di corpi e movimenti labili, per creare forme estetiche ed effimere. Quel tanto di effimero da rendere il balletto la disciplina più fluida fra tutte, di cui risulta difficilissimo categorizzare, o anche solo frenare, l’inarrestabile processo di evoluzione. Quasi un ponte verso il futuro di cui è impossibile vedere la parte finale di approdo sicuro.

La scansione del testo in capitoli segue un duplice criterio: temporale e, soprattutto, geografico. Una visione cronologica d’insieme della storia del balletto è contenuta infatti nel primo capitolo, una vera e propria carrellata dall’origine cortigiana, presso la corte di Luigi XIV nel XVI secolo, al momento saliente del passaggio dal balletto classico alla “nuova danza” di Isadora Duncan o Rudolf Von Laban, per citare alcuni tra i maggiori pionieri.

Nei capitoli successivi, invece, la suddivisione evidenzia le varie zone del mondo, che si sono dimostrate vere e proprie “culle di gestazione” per il balletto: il balletto russo, il balletto inglese, l’America e le altre isole come l’Italia, la Germania, la Svezia e la Danimarca. Tutto questo flusso di pagine scritte è costantemente impreziosito da bellissimi intermezzi di foto storiche.

Dal balletto antico a quello moderno, dal Ballet de cour al balletto romantico, la varie stagioni vengono affrontate con estrema cura e precisione. Dalla cornice, i palcoscenici più prestigiosi, ai protagonisti, grandi danzatori come Lifar, Balanchine, Massine e tanti altri, questo libro assume l’aspetto di un grande quadro di soggetto storico dai colori limpidi e sgargianti. Si potrebbe benissimo aggiungere che è uno dei quadri più belli che siano mai stati realizzati, a parole, sulla storia di un’arte in continua trasformazione.

 

Leonilde Zuccari

www.giornaledelladanza.com

 

Check Also

Il gioco perverso dell’umanità in “Beast without beauty” di Carlo Massari

Il 24 novembre 2019, all’interno di Wonderland Festival 2019, il Teatro Idra di Brescia ospita ...

“Ballata d’autunno”, spettacolo di circo-danza, in scena il 22 novembre

Domani, venerdì 22 novembre al Teatro delle Arti di Lastra a Signa primo appuntamento della ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi