Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Metafora dell’arte e della vita nel Lago dei cigni, ovvero Il canto, del Balletto di Roma

Metafora dell’arte e della vita nel Lago dei cigni, ovvero Il canto, del Balletto di Roma

balletto-di-roma-presenta-lago-dei-cigni_05

Tra i più apprezzati autori della danza contemporanea italiana, Fabrizio Monteverde firma per la compagnia del Balletto di Roma, Il lago dei cigni, ovvero Il canto, nuova e originale versione del famosissimo balletto, che sarà rappresentata il 10 gennaio 2015 al Teatro Morlacchi di Perugia, prima tappa del nuovo anno di una tournée che attraverserà tutta Italia fino a maggio 2015.

Il Balletto di Roma nasce nel 1960 dal sodalizio artistico di due icone della danza italiana, Franca Bartolomei, prima ballerina e coreografa dei principali teatri italiani e stranieri e l’étoile Walter Zappolini, già direttore della Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.

Tra le originali coreografie firmate da artisti italiani della danza contemporanea nel nuovo e vivace percorso artistico intrapreso dalla compagnia, si inserisce Il lago dei cigni, ovvero Il canto, forte dell’originalità registica che caratterizza le creazioni di Monteverde.

Il coreografo prende infatti spunto dal racconto di Anton Čechov, Il canto del cigno appunto (storia dell’incontro imprevisto tra un vecchio attore con un’importante carriera alle spalle e il suo suggeritore), per condurre lo spettatore ad una riflessione sull’intreccio inscindibile tra arte e vita, per capire se sia quest’ultima ad influenzare la prima o se non sia piuttosto l’arte ad imitare la vita.

Sulla scena, un gruppo di anziani danzatori, interpretati dai bravissimi ballerini della Compagnia, abilmente mascherati grazie al laboratorio scenografico Crea FX, che eseguono il balletto inteso come percorso biografico del loro lavoro e della loro vita, il cui illusorio fine è sconfiggere il passare inesorabile del tempo con la sola cosa che davvero possiedono: l’arte della danza.

In questa inedita versione dell’opera di Pëtr Il’ič Čajkovskij, l’interprete diventa il suo personaggio, dimenticando per poche ore le grettezze della vita quotidiana, per ritrovarle però alla fine dello spettacolo, in un continuo tentativo di rinnovamento che non si compie mai pienamente, metafora dell’arte stessa e vera originalità del balletto.

Il lago dei cigni, ovvero Il canto è la terza nuova produzione del 2014 del Balletto di Roma che, patrocinato dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e con oltre mille spettacoli realizzati negli ultimi anni, si conferma una delle compagnie più energiche e produttive sulla scena contemporanea della danza in Italia. 

ORARI & INFO

10 gennaio 2015 – Ore 18.00

Teatro Morlacchi
Piazza Morlacchi, 13
Perugia

Telefono:075 575421 – 075.57542222

E-mail: biglietteria@teatrostabile.umbria.it

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Magia e acrobazie danzate nello spettacolare “The Wolf-Cappuccetto Rosso” di Michelangelo Campanale

Il 17 novembre 2019, al Teatro Momo di Mestre (VE) sarà in scena The Wolf ...

Raffaella Giordano danza “Celeste – appunti per natura”

In un solo, molto personale, Raffaella Giordano porta in scena Celeste appunti per natura, una scrittura ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi