Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Romeo e Giulietta 1.1”: rinnovamento di un “classico” per Zappalà

“Romeo e Giulietta 1.1”: rinnovamento di un “classico” per Zappalà

“Romeo e Giulietta 1.1”: rinnovamento di un “classico” per Zappalà

 

A chiusura della sezione danza dell’edizione #Follia2016 del Festival Orizzonti di Chiusi va in scena in prima nazionale Romeo e Giulietta 1.1, ultimo lavoro della compagnia Zappalà Danza, in scena al Chiostro di San Francesco a Chiusi (SI) venerdì 5 e sabato 6 agosto alle ore 22:30.

Lo spettacolo spalanca le porte al nuovo progetto artistico firmato dal coreografo siciliano, Antologia, che intende essere non soltanto una mera ripresa o rivisitazione delle creazioni che hanno formato il repertorio della compagnia, ma anche un trampolino di lancio per tuffarsi in nuove visioni della medesima danza, attraverso anche la semplice (ma non banale) reinterpretazione dei nuovi componenti performativi che ne danno caratterizzazione.

E, dunque, perché non partire proprio da un “classico”, vale a dire quel Romeo e Giulietta. Sfocatura dei corpi datato 2006? Un lavoro che, dieci anni dopo, subisce un rinnovamento, più che una mera revisione, in cui il concetto-chiave della sfocatura ne determina la trasformazione al cento per cento.

Cosa ci fa sentire sfocati, quando ci sentiamo sfocati? Tecnicamente, (in ottica, fotografia, cinema), la sfocatura è una questione di distanza. La distanza tra il centro focale dell’obiettivo e “l’oggetto” inquadrato; se questa distanza è inferiore o superiore ad una certa misura l’oggetto risulta, appunto, sfocato. Riportando tutto ai due amanti di Verona ci sentiamo sfocati quando “percepiamo” che la distanza tra noi e il mondo, tra noi e l’amato non è quella giusta; quando la distanza che ci separa dall’essere amato è condizionata dal proprio essere nel mondo; quando siamo, ci sentiamo, crediamo di essere, troppo vicini, o troppo lontani. Siamo tutti Romeo e Giulietta. (orizzontifestival.it).

A dare corpo a cotanto spessore interpretativo sono Maud de la Purification, ballerina francese classe 1983, formatasi alla National School of Marseille e al Conservatoire National of Toulouse; e Antoine Roux-Briffaud, allievo del Nantes Conservatory e del Lyon High National Conservatory. Il sodalizio professionale con la compagnia di Zappalà ha inizio nel 2007 per lui e nel 2011 per lei, ma – in ogni caso – è contrassegnato da un altissimo livello tecnico e qualitativo, necessari entrambi a dare senso alle opere messe in scena.

Le musiche scelte per Romeo e Giulietta 1.1 sono di John Cage, Sergej Sergeevič Prokof’ev e dei Pink Floyd, mentre i testi sono a cura di Nello Calabrò. Dello stesso Zappalà sono anche le luci e i costumi, mentre il plauso per i movimenti di danze da sala (presenti nella messinscena) va a Simone Viola e Antonio Cascone.

La creazione è prodotta da Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza – Centro di Produzione della Danza, in co-produzione con Orizzonte Festival. Fondazione e in collaborazione con “Le Mouvement Mons” Festival (Belgio), nonché con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Regione Siciliana – Ass.to del Turismo, Sport e Spettacolo.

Insomma, tutti elementi più che validi per non perdere l’occasione di rivivere le emozioni di un “classico” che ha segnato il repertorio di una delle compagnie italiane più straordinarie nel panorama della danza contemporanea.

 

ORARI & INFO

5-6 agosto ore 22:30

Chiostro di San Francesco

Chiusi (SI)

Tel: + 39 345 9345475 (Biglietteria/Box Office Orizzonti Festival)

www.orizzontifestival.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Compagnia Zappalà Danza / Romeo e Giulietta 1.1 © Franziska Strauss

Check Also

E’ morto Manuel Frattini, lutto nel mondo della danza, aveva 54 anni

È morto Manuel Frattini: addio al divo del musical, della danza, e volto noto della ...

“Palermo Palermo” di Pina Bausch, torna in Sicilia dopo trent’anni

“Palermo Palermo”, il memorabile spettacolo che Pina Bausch dedicò alla città e che segnò la ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi