Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Gli allievi della Scuola di Ballo Accademia alla Scala al Piccolo Teatro di Milano

Gli allievi della Scuola di Ballo Accademia alla Scala al Piccolo Teatro di Milano

Accademia Scuola di Ballo Scala 

Ritorna l’atteso spettacolo istituzionale della Scuola di Ballo Accademia alla Scala. Tra gli allievi quest’anno emerge un gruppo di giovani talenti degni di nota per tecnica e ambizione. Il futuro della danza si presenta sul palcoscenico del Piccolo Teatro di Milano.

Il Maestro Frédéric Olivieri, direttore del Dipartimento Danza, propone una selezione di coreografie sugli Etudes di Carl Czerny, al fine di presentare i diversi livelli accademici degli allievi: dai giovanissimi che affrontano coreografie più semplici, ai più grandi che eseguono variazioni di alto livello.

Serenade: uno dei balletti più noti di George Balanchine: creato nel 1934, si ispira alla Serenata in do maggiore per orchestra d’archi di Čajkovskij. Il coreografo russo inverte l’ordine dei movimenti per restituire un’atmosfera delicata e una vena malinconica. Uno degli esempi più alti del neoclassicismo di Balachine. Sono semplicemente danzatori in movimento su un bel pezzo di musica – ha detto Balanchineuna serenata, una danza al chiaro di luna: questo è Serenade.

The Unsung: creazione di José Limón del 1971, il balletto vede otto danzatori impegnati in una serie di movimenti che si ispirano alle danze dei Nativi americani. Nessun accompagnamento musicale, solo i passi ritmici dei ballerini, che alternano situazioni d’insieme e assoli. Una tecnica, quella di Limón, che è divenuta un punto di riferimento per le scuole europee e americane, e una delle basi del linguaggio della danza moderna e contemporanea.
Napoli: uno spumeggiante “divertissement”, un capolavoro romantico del 1842 che il Maestro Olivieri ha ripreso dall’originale di August Bournonville. Il primo coreografo del Teatro Reale di Copenaghen non solo seppe valorizzare la danza maschile ma ha regalato un balletto gioioso e pieno di virtuosismi. Gli ingredienti ci sono tutti: personaggi bizzarri e sempre in vena di scherzi, due innamorati separati dalle avversità e un perfido demone del mare. Il risultato è un allegro balletto in tre atti, che non può che concludersi con un tripudio di danze tra nastri colorati e tamburelli.

 

 

ORARI & INFO

 

dal 7 all’11 maggio, ore 20.30-16.30

Piccolo Teatro Strehler

largo Greppi, 1 – Milano

Tel: 848.800.304

www.piccoloteatro.org

 

Michele Olivieri

  foto di Lidia Crisafulli

 www.giornaledelladanza.com

Check Also

Raffaella Giordano danza “Celeste – appunti per natura”

In un solo, molto personale, Raffaella Giordano porta in scena Celeste appunti per natura, una scrittura ...

Viaggio alla scoperta del corpo e delle emozioni con “Deserto digitale” di Nicola Galli

Il 15 novembre 2019, al Teatro Petrella di Longiano (FC) sarà in scena Deserto digitale, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi