Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / PROSPETTIVE01 – “Sine Tempore”: un progetto di Antonio Colandrea e Luigi Bilancio

PROSPETTIVE01 – “Sine Tempore”: un progetto di Antonio Colandrea e Luigi Bilancio

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti in continua evoluzione. Ideata e curata da Lorena Coppola, la rubrica si propone di raccogliere una serie di interviste e di articoli mirati a dar voce e spazio a tutte le fasce creative del mondo coreutico che costituiscono giovani realtà in via di sviluppo ed espansione, progetti innovativi, o realtà già consolidate, di spiccato talento, meritevoli di attenzione. Un luogo di rivelazione e di incontro di nuove prospettive.

Queste splendide immagini, scattate a Palazzo D’Avalos, ex carcere di Procida,  ritraggono i danzatori Alessandro Staiano e Anna Chiara Amirante negli scatti d’autore di Luigi Bilancio nell’ambito del progetto dal titolo SINE  TEMPORE ideato dal coreografo Antonio Colandrea e dal fotografo Luigi Bilancio. Il progetto nasce dal  sodalizio  di  due  professionisti  del  mondo  dell’arte  che condividono  l’interesse  per  la  danza:  l’uno,  attraverso  la  gestualità,  esprime  i  moti dell’anima, l’altro ne cattura le emozioni con la fotografia.

Figli della terra flegrea sentono  un forte senso di appartenenza all’intero territorio campano, ricco per il suo patrimonio paesaggistico,  storico-culturale,  per  il  folkore  ed  il  calore  umano. Il progetto nasce dal desiderio, a partire dalle singole competenze professionali,  di valorizzare l’essenza della cultura campana e a tal fine concorre la presenza di Tersicorei del prestigioso Teatro San Carlo di Napoli, primo teatro d’Europa ed unico, dal XVIII secolo, a non aver mai cessato la sua attività. SINE TEMPORE si pone l’obiettivo di individuare siti monumentali, sparsi su tutto il territorio campano quali  simboli  storico  culturali  di  un  dato  territorio,  valorizzarli attraverso  l’arte  della  danza  e  della  fotografia. 

I monumenti  diventano interpreti, insieme ai danzatori, di una visione fotografica carica di sentimento. Il successo del progetto di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale della Campania trova così compimento nel principio che l’emozione vissuta in un luogo ne rende indelebile il suo ricordo. Il progetto si compone di tre momenti: a prima parte prevede la selezione dei siti monumentali di interesse e la scelta dei danzatori del Teatro San Carlo, diversi per ogni singolo sito (ogni sito avrà i propri danzatori). Lo studio accurato  tra  i  due  protagonisti,  monumento  e  danzatore/i diventerà  una  composizione  fotografica  in  cui  i  due  soggetti  saranno  in  perfetta armonia.

La seconda parte prevede l’esposizione, nel monumento prescelto, delle opere fotografiche realizzate nella prima parte. L’evento/mostra così prodotto rappresenterà lo scenario entro il quale si esibiranno gli stessi danzatori ritratti nelle immagini fotografiche, i quali,  attraverso un’inedita creazione coreografica, daranno vita alle immagini stesse, suggerendone una completa fioritura emozionale. Ogni singolo sito sarà protagonista di un momento esclusivo. La terza parte prevede un momento conclusivo: il vernissage fotografico delle opere realizzate  nella  seconda  parte.  Nel  contempo,  i  danzatori,  protagonisti  dei  singoli eventi,  interpreteranno  un  nuovo  ed  inedito  corale  coreografico,  ispirati  dalle  opere fotografiche in mostra. L’evento darà una veduta d’insieme  delle mille sfaccettature della cultura campana, valorizzandone l’essenza.

 

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Luigi Bilancio

Check Also

“Interconnessioni 2019”: la danza contemporanea in scena nel cagliaritano

Fino al 3 agosto Settimo San Pietro si trasforma nella casa della danza contemporanea e ...

Marco D’Agostin racconta con grinta e innovazione l’amore per la danza in “First love”

Il 25 luglio 2019, al Centro di creazione e produzione delle arti contemporanee Centrale Fies ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi