Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Spellbound presenta Rossini… come non si era mai visto!

Spellbound presenta Rossini… come non si era mai visto!

Spellbound presenta Rossini… come non si era mai visto!

 

Le arti della musica e della danza, spesso indissolubilmente legate, sono capaci di regalare emozioni profonde e indimenticabili. Se, invece, la danza diviene l’escamotage per celebrare e, in qualche modo, emulare il sublime della musica, allora l’esperienza dei sensi è unica e insostituibile. Con questo obiettivo il coreografo Mauro Astolfi ha certamente firmato la sua ultima creazione per lo Spellbound Contemporary Ballet, Rossini Ouvertures, in scena in prima assoluta mondiale al Teatro Rossini di Pesaro il 25 febbraio alle ore 21.

Come si evince chiaramente sia dal titolo sia dalla location, lo spettacolo è ispirato al celeberrimo compositore Gioachino Rossini e inserito in un’intensa settimana di eventi artistici denominata Una grazia, un certo incanto. Pesaro per i 200 anni della Cenerentola e il non compleanno di Rossini (21-28 febbraio).

A partire da quest’occasione, per Rossini Ouvertures, realizzato con il contributo del MIBACT in collaborazione con il Comune di Pesaro & AMAT, ha inizio una tournée tutta italiana – partendo da un’anteprima in forma di studio al Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma il 22 febbraio – che si protrarrà fino alla fine del 2017, calcando rispettivamente i palcoscenici de: il Teatro Guglielmi di Massa il 18 marzo; il Teatro Signorelli di Cortona (AR) il 20 marzo, il Teatro Vascello di Roma dal 23 al 26 marzo; il Teatro Metropolitan di Piombino (LI) l’11 aprile, il Teatro Verdi di Padova il 5 maggio; il Cortile Mercato Vecchio di Verona il 7 luglio; il Teatro Romano di Ferento (VT) il 29 luglio; il Teatro Traiano di Civitavecchia (RM) il 17 novembre; il Teatro Flavio Vespasiano di Rieti il 19 novembre; il Teatro Lauro Rossi di Macerata il 22 e 23 novembre; il Teatro La Fenice di Senigallia (AN) il 25 novembre; il Teatro Petrarca di Arezzo il 29 novembre; e, infine, il Teatro Mancinelli di Orvieto (TR) il 3 dicembre.

La lettura della cronaca dell’epoca sulla vita di Gioachino Rossini, quello che di lui dissero altri grandi compositori, in special modo Beethoven, ha acceso il mio interesse per conoscere l’aspetto psicologico dell’uomo Rossini. Mazzini lo definì “un titano di potenza e di audacia, il Napoleone di un’epoca musicale”. Wagner disse che “fu il primo, vero, grande, venerabile uomo mai incontrato nel mondo della musica”.
Una personalità così potente e incredibile capace di comporre in soli 13 giorni il
Barbiere di Siviglia mi ha letteralmente riempito la testa di suggestioni, di immagini, di simboli, di scene non legate alle singole opere del musicista, ma piuttosto un atterraggio su quel mondo, un’esplorazione per cercare, “vedere” attraverso le potenti immagini sonore di Rossini, lasciarmi trasportare da tutta quella forza e poter immaginare per un attimo di averlo conosciuto! (M. Astolfi).

A dare corpo a una tale sublime “rappresentazione” celebrativa del compositore marchigiano un gruppo di nove danzatori, ormai componente l’ensemble della compagnia da moltissimi anni, dalle qualità virtuosistiche ed espressive che li contraddistinguono superbamente: Fabio Cavallo, Alice Colombo, Maria Cossu, Giovanni La Rocca, Mario Laterza, Giuliana Mele, Caterina Politi, Giacomo Todeschi e Serena Zaccagnini.

Per la realizzazione, invece, dell’intera struttura scenica e performativa, un cast creativo capeggiato dallo stesso Astolfi (in qualità sia di regista sia di coreografo) e composto da: Marco Policastro (disegno luci e set concept, insieme ad Astolfi); Filippo Mancini (realizzazione scene); CHIEDISCENA (scenografia); Verdiana Angelucci (costumi), Alessandra Chirulli (assistente coreografo) e Valentina Marini (direttore generale).

Insomma, uno spettacolo davvero imperdibile per ricordare colui che, meritatamente, nel 2018 sarà “il testimonial della bellezza italiana nel mondo”.

 

ORARI & INFO

25 febbraio ore 21

Teatro Rossini

Piazza Lazzarini, 1 – Pesaro

Tel: +39 0721 387621

www.teatridipesaro.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Spellbound Contemporary Ballet / Rossini Ouvertures © Cristiano Castaldi

Check Also

“Ragazzi della danza”. Nico Benedetti da Polignano a Mare alla conquista del successo tra coreografia e impegno

    Forza, energia, talento ma soprattutto unione e fratellanza: questi sono stati gli elementi ...

Spondilolisi e Spondilolistesi: quando una vertebra lombare “scivola”

  Nei due articoli precedenti abbiamo preso in considerazioni le più frequenti cause di dolore ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi