Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Tag Archives: Maria Grazia Garofoli

Tag Archives: Maria Grazia Garofoli

Intervista a Antonio Desiderio, il manager delle stelle della danza

Antonio Desiderio nasce a Roma il 19 Agosto 1976. Inizia lo studio del pianoforte e della tecnica classica all’età di 11 anni con il M° Giuseppe Annese del Teatro dell’Opera di Roma. Successivamente si completa e si perfeziona con il M° Vinicio Colella dell’Accademia Nazionale di Danza e con il M°Marianna Starc con cui apprende la tecnica dell’accompagnamento della danza. In seguito a questo, comincia a lavorare come pianista accompagnatore presso i maggiori centri professionali di danza quali A.I.D., I.A.L.S., C.E.D., Balletto di Roma, Artem e lavorando con maestri come Robert Streiner, Luc Bouy, Gaetano Petrosino, Alfonso Paganini, Flaminia Buccellato, Luisa Signorelli, Bruce Michaelson, Alessandro Molin, Sabrina Cerrone, Stephan Fournard, Brunella Vidau, Tuccio Rigano,Ivana Gattei, Denys Ganio.  Per perfezionarsi consegue gli attestati sulle Tecniche Accademiche presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma, Musica in Relazione alla Danza e Storia e Stili della Danza presso la Royal Academy of Dance. Contemporaneamente all’attività pianistica, si iscrive all’Università Tor Vergata di Roma dove consegue attestato in Informatica giuridica e successivamente nel 2004 la laurea in Giurisprudenza con tesi di laurea sperimentale sui profili pubblicistici di riforma degli enti lirici.  Nel 2006 consegue il Master in management artistico-musicale presso il CEIDA di Roma con il massimo dei voti e la certificazione del Trinity College di Londra in inglese e Business English. Dal 2004 svolge l’attività di rappresentanza ...

Read More »

PROSPETTIVE01 – “Romeo e Giulietta”: vivere un sogno o un sogno da vivere?

"Napoli Ballet Gala"

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti in continua evoluzione. Ideata e curata da Lorena Coppola, la rubrica si propone di raccogliere una serie di interviste e di articoli mirati a dar voce e spazio a tutte le fasce creative del mondo coreutico che costituiscono giovani realtà in via di sviluppo ed espansione, progetti innovativi, o realtà già consolidate, di spiccato talento, meritevoli di attenzione. Un luogo di rivelazione e di incontro di nuove prospettive. Si svolgeranno il 27 e il 28 gennaio 2018 presso il Centro Ariota le audizioni tenute da Margherita Parrilla per individuare i cinquanta elementi del nascituro corpo di ballo per il Romeo e Giulietta di Maria Grazia Garofoli, musiche di Piotr Ilich Ciaikovskij ed arrangiamento di Marco Schiavoni, che debutterà il 21 luglio 2018 a Tivoli. La prima rappresentazione risale all’8 maggio 2016 al Teatro Municipale di Piacenza con Giuseppe Picone e Letizia Giuliani. Lo spettacolo rientra nella sesta edizione del progetto didattico ed artistico “Danza & Professione”, ideato e diretto da Sergio Ariota, che ebbe luce il 24 novembre 2013 al PalaPartenope con “Serata di Balletto”, a cui sono seguiti poi negli anni altri grandi titoli ...

Read More »

“Bentornati Italiani”: un omaggio alle identità italiane

“Bentornati Italiani”: un omaggio alle identità italiane

Andrà in scena Venerdì 29 luglio 2016, alla Valle dei Templi di Paestum, il Gala Bentornati Italiani, per la direzione artistica di Stefano Forti. Un titolo dal sapore campanilistico per un doveroso auspicio e un’incrollabile speranza: che la Cultura e l’Arte della nostra nazione siano sempre più strumento di crescita, benessere, socializzazione e di promozione del paese e dei nostri talenti. Bentornati Italiani è un omaggio alle identità italiane, in un mondo in cui tempi e distanze hanno assunto nuove dinamiche e in cui l’artista, sebbene per sua vocazione cittadino del mondo, ha bisogno di recuperare un patrimonio culturale fatto di luoghi, storia, tradizioni, sapori, colori che hanno determinato ciò che siamo oggi e di attingere dalla sua terra nuova linfa vitale, grande forza e rigogliosa creatività. Una serata evento che presenta un mix tra repertorio classico e contemporaneo interpretata con maestria ed eleganza da giovani e talentuosi artisti di raffinata bravura: Amanda Mata  (Compagnia del Teatro di Magdeburg); Marco Dalia (Theater Lüneburg); Giuseppe Ragona (Teatro di Dortmund e Hamburg Ballet); Daniele Silingardi (ENB); Giada Zanotti (prima ballerina dello Staatsoper di Hannover); Jasmine Cammarota  e Angelo Perfido (Béjart Ballet); Francesco Bax (Compagnia IckAmsterdam diretta da Emio Greco); La Padula Alessio Domenico  ...

Read More »

Danzando Rota al Teatro Romano di Verona con la coreografia di Maria Grazia Garofoli

Omaggio a Rota, la produzione di balletto della Fondazione Arena di Verona, sarà ospite dell’Estate Teatrale Veronese 2012 al Teatro Romano per due serate giovedì 16  e sabato 18 agosto alle ore 21, étoiles ospiti  Giuseppe Picone e Alejandro Parente. Omaggio a Rota, trittico coreutico dedicato al compositore nel Centenario della nascita, porta la firma della Direttrice del Corpo di ballo dell’Arena di Verona Maria Grazia Garofoli: Le Molière imaginaire (suite), Romeo e Giulietta (estratti orchestrati ed arrangiati dal M° Francia) e La Strada (suite). Dirige l’Orchestra areniana il Maestro Marcello Rota, fra i più apprezzati interpreti del repertorio di Nino Rota. Il Corpo di ballo dell’Arena di Verona si esibisce a fianco delle étoiles  Giuseppe Picone e Alejandro Parente  impegnati nei ruoli principali. Per omaggiare Rota sono state scelte le sue due più celebri musiche espressamente create per la danza: Le Molière imaginaire e La strada. Nino Rota ha composto la partitura de Le Molière imaginaire nel 1976 su progetto del coreografo Maurice Béjart per celebrare i 300 anni dalla morte del commediografo francese. Ne è risultato uno spaccato della vita e del teatro di Molière, una “biographie onirique”, per dirla alla Béjart. Il balletto ripercorre la continua lotta di Molière all’impostura, ...

Read More »

Le dichiarazioni di Maria Grazia Garofoli, Domenico Luciano e Matteo Ruggiero a favore del Prof. Testa

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Maria Grazia Garofoli – Ho appreso con stupore e dispiacere la soppressione del Premio Positano che ha accompagnato per tanti anni i sogni e le speranze di tutti noi “mondo danza”. Spero ardentemente in un ripensamento. Domenico Luciano – Sono rimasto molto sorpreso e turbato quando ho saputo che, dopo 40 anni, la Direzione Artistica del Premio Positano non era più del Prof. Alberto Testa. Il Prof. Testa, oltre ad essere un uomo di grande cultura, è anche un uomo con una grande sensibilità artistica. Qualsiasi siano state le motivazioni per il cambio di Direzione, credo che si sia mancato di rispetto ad un uomo che ha fatto tanto per la Danza in Italia, escludendolo di punto in bianco dall’evento senza neanche pensare di onorare e celebrare una vita dedicata all’arte della Danza. Matteo Ruggiero – Ho avuto la fortuna in maniera indiretta un po’ di anni fa di stare accanto al Prof.Testa, proprio lì a Positano, per due edizioni e poi in altre occasioni, ed ho notato come, al di là della passione che il Professore sente per la danza, ha, in particolar modo, un amore profondo per Positano, e di conseguenza per il Premio, che ha tirato ...

Read More »

Debutta “Blue Moon”: in scena a Verona la nuova creazione per la Fondazione Arena di Verona con Giuseppe Picone

Meno due giorni al debutto della nuova produzione della Fondazione Arena di Verona Blue Moon; il balletto sarà in scena il 18, 19 e 21 agosto ospitato nella splendida cornice del Teatro Romano e proposto nell’ambito dell’Estate Teatrale Veronese giunta alla sua sessantatreesima edizione. Inaugurata lo scorso 29 giugno da un concerto jazz, la manifestazione approda il prossimo giovedì al suo primo appuntamento della stagione con la danza e lo fa proponendo l’ultimissima creazione di Maria Grazia Garofoli, che dal 1999 dirige il Corpo di ballo della Fondazione Arena di Verona. Blue Moon racconta una storia ricca di incontri, di musiche e di personaggi che ruotano intorno al locale omonimo, luogo immaginario della memoria degli anni d’oro del jazz. E la musica è di certo un elemento fondante del racconto: la colonna sonora del balletto sarà composta per lo più da musiche di Claude Bolling, pianista, compositore e direttore d’orchestra francese, ma anche da celebri standard del jazz, con esecuzione dal vivo da parte dell’Ensemble strumentale dell’Arena di Verona. Ad impreziosire lo spettacolo, che si preannuncia sin da ora invitante, sarà la presenza dell’ètoile internazionale Giuseppe Picone in qualità di primo ballerino ospite, che torna a lavorare con la coreografa ...

Read More »

Il cielo di Roma si è tinto di stelle per il Galà della Danza

Lo scorso 29 maggio alle ore 21.00 si è aperto il palcoscenico del Teatro Argentina di Roma che, grazie all’attenta organizzazione del Gruppo Guardiano, ha regalato alla città eterna il Gran Galà di Danza Città di Roma, patrocinato dal Comune di Roma, dalla Provincia di Roma e dalla Regione Lazio, sotto la sapiente direzione artistica di Antonio Desiderio e la regia di Marcello Sindici con Maria Grazia Garofoli, nota coreografa e direttrice del corpo di Ballo dell’Arena di Verona, in qualità di madrina della serata. Un ringraziamento particolare è stato fatto a Mikelart, sponsor ufficiale della serata, oreficeria leader specializzata nella realizzazione di gioielli per la danza, che ha creato gli omaggi consegnati ai danzatori. Tante le étoiles che si sono succedute sul palco per una serata che ha coniugato la bellezza del balletto classico, attraverso capolavori che non hanno epoca, come gioielli incastonati negli spettacoli più famosi del grande repertorio, con la straordinaria modernità dell’interpretazione semplice e raffinata degli artisti impegnati: Anna Osadcenko e Marijin Rademaker (Stuttgart Ballet), Ilenia Montagnoli e Tommaso Renda (Arena di Verona), Natalia Pelayo e Alejandro Parente (Teatro Colon Buenos Aires), Adeline Pastor e Vittorio Galloro (Aaton Ballet Teatro Essen/Balletto classico Reggio Emilia); Bojana Nenadovic ...

Read More »

Dal mondo della danza le speranze ed i desideri per il 2011

A cura di Alessandro Di Giacomo Ci accingiamo ad intraprendere questo nuovo anno con la speranza di poter raccontare, quanto più possibile, di questa meravigliosa arte che è la Danza. E’ con questo spirito che il giornaledelladanza.com vuole dare il Benvenuto, in questo 2011, ai propri lettori, raccontando sogni, progetti e desideri per il futuro, dei grandi artisti del panorama internazionale della danza. I sogni nel cassetto di … Roberto Bolle “Spero di poter continuare a mantenere una crescita professionale. Bisogna costruire anche dopo anni l’introspezione di un personaggio e rimettersi in gioco ogni volta. La ricetta? Sacrificio e dedizione”. Gabriella Borni “Mi piacerebbe lavorare di più in Italia. Vorrei che qui tante cose cambiassero, che si potessero avere anche degli scambi culturali nei quali poter condividere opinioni e altro, crescendo sempre di più. Non basta Facebook, bisogna parlarsi a voce incontrarsi e soprattutto fare tanto”. Matilde Brandi “Sogno di poter rifare un grande varietà come si faceva in passato, ad esempio i grandi sabato sera di Rai Uno. Spesso in televisione guardo con piacere gli spezzoni dei vecchi varietà ed ogni volta spero di poter rivedere dei grandi show come sono stati quelli, con al seguito un grandissimo stuolo ...

Read More »

Maria Grazia Garofoli racconta la sua “Cenerentola”

  Stasera al Teatro Filarmonico andrà in scena Cenerentola, che aveva già avuto una sua prima edizione nel 2006-2007. Che Cenerentola è quella che gli spettatori potranno vedere nell’allestimento della Fondazione Arena di Verona, qual è la chiave di lettura? Sì, si tratta di una riedizione a cui ho apportato solo delle piccole modifiche nella struttura che non intaccano la trama. È una storia che nulla toglie alla magia della fiaba, ma è più moderna. L’alone magico resta inalterato, sia nella coreografia che nell’impianto narrativo, ma tutto è meno barocco, meno lezioso e più moderno, più essenziale. Non ho voluto dare chiavi di lettura diverse dall’originale, l’unica rilettura personale riguarda la figura della Fata Buona, che ho immaginato come la madre di Cenerentola che dall’aldilà vede la figlia soffrire ed interviene in suo aiuto con un incantesimo attraverso il quale, non solo trasforma Cenerentola, ma fa ringiovanire il padre che diventerà poi il cavaliere che presenta Cenerentola alla festa. Ho voluto rappresentare così l’amore materno, sempre d’aiuto, soprattutto nei momenti più difficili, una figura sempre vicina. Alla fine tutto torna come prima, ma Cenerentola resta la principessa che è diventata. Molti coreografi si sono avvicendati nel raccontare in danza la ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi