Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Tag Archives: Simona Bertozzi

Tag Archives: Simona Bertozzi

Scomposizione del movimento e analisi delle potenzialità del corpo in “Anatomia” di Simona Bertozzi

Il 13 settembre 2019, all’interno di MITO SettembreMusica di Torinodanza Festival 2019, al Teatro Gobetti di Torino sarà in scena Anatomia, coreografia e danza Simona Bertozzi, musiche e live electronics Francesco Giomi. Una produzione Compagnia Simona Bertozzi / Nexus 2016, in collaborazione con Tempo Reale. Con il contributo di Mibact e Regione Emilia Romagna e con il sostegno di H(ABITA)T – Rete di Spazi per la Danza/Mousiké. Considerata una delle figure più innovative ed espressive del panorama della danza contemporanea indipendente in Italia, Bertozzi concentra i suoi progetti artistici sulla meccanica e la mobilità del corpo, realizzando un sorprendente percorso di ricerca e scrittura coreografica che conquista critica e pubblico. In tale iter artistico si inserisce Anatomia, nato dall’incontro tra il corpo biologico della coreografa e quello sonoro del compositore fiorentino Giomi. Il suono, infatti, permette alla performer di esplorare le potenzialità della propria struttura anatomica, alimentando a sua volta il gesto sonoro del musicista in uno scambio reciproco di dinamicità, creando canali attraverso cui analizzare le possibilità cinetiche e i limiti morfologici del corpo. Da tale esplorazione emergono rapporti complementari tra velocità e lentezza, tra silenzi e impulsi ritmici. Ogni gesto e ogni respiro originano da una scelta, talvolta ...

Read More »

A Biennale danza la prima italiana di “Ilinx – Don’t stop the dance” di Simona Bertozzi

Il 23 giugno 2019, all’interno di Biennale Danza, la Sala d’Armi dell’Arsenale di Venezia ospita la prima italiana di Ilinx – Don’t stop the dance, concept, regia e coreografia Simona Bertozzi con Marcello Briguglio, musica eseguita dal vivo Egle Sommacal. Produzione Nexus 2019
per Biennale Danza 2019. Con il contributo di MiBAC, Regione Emilia Romagna, residenze creative H(ABITA)T – Rete di Spazi per la Danza / Mousiké. Danzatrice, coreografa e performer, fresca vincitrice del Premio Hystrio Corpo a Corpo 2019, Bertozzi continua la ricerca coreografia già iniziata con il progetto Homo Ludens ispirandosi alla concezione dell’attività ludica umana espressa dello scrittore, sociologo e antropologo Roger Caillois. Secondo Caillois, le forme del gioco possono sostanzialmente ricondursi a quattro categorie fondamentali: agon, ovvero la competizione; alea, il desiderio e il piacere di abbandonarsi ai capricci del fato; mimicry, il fingere all’interno del gioco di essere qualcun altro; ilinx, l’eccitazione vissuta durante il gioco a causa di forze estranee sulle quali non si possiede alcun controllo. Ilinx-Don’t stop the dance si dipana quindi come un gioco individuale e personale, un’insolita riflessione sulle motivazioni intime e profonde che spingono l’artista all’azione, una testimonianza della sua solitudine e dell’universo ludico in cui si muove, e della ...

Read More »

La Biennale di Venezia: XIII Festival Internazionale di Danza Contemporanea

Dieci giorni ‒ dal 21 al 30 giugno 2019 – con 29 spettacoli di 22 coreografi e compagnie da tutto il mondo per il XIII Festival Internazionale di Danza Contemporanea diretto da Marie Chouinard e organizzato dalla Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta con il sostegno della Regione Veneto. Cinque le prime assolute, nove quelle nazionali e otto gli interventi inediti creati per il teatro all’aperto nel cuore della città; numerosi incontri con gli artisti; un ciclo di film: tutto negli spazi dell’Arsenale –Teatro alle Tese, Teatro Piccolo Arsenale, Sale d’Armi, Giardino Marceglia – ma anche al Teatro Malibran e in Via Garibaldi. Sono i Leoni, artisti che condividono strategie compositive originali e un approccio multidisciplinare alla danza, alfieri di un’idea estesa e “permeabile” di questa disciplina, a dare il via il 21 giugno al Festival e a marcarne la fisionomia. Alessandro Sciarroni, Leone d’oro alla carriera, artista di formazione “mista” tra arte, teatro e coreografia è a Venezia con Your Girl, spettacolo-rivelazione, e Augusto, dove la pratica fisica e vocale attraverso la quale viene concesso agli interpreti di esprimersi è esclusivamente quella della risata a oltranza. Anche Steven Michel – con studi di mimo, danza, percussioni – e ...

Read More »

Slancio vitale e valore del gesto con “Joie de vivre” di Simona Bertozzi

Il 16 febbraio 2019 al Teatro Palamostre di Udine andrà in scena Joie de vivre, ideazione e coreografia Simona Bertozzi, musica e regia del suono Francesco Giomi, canto Giovanni Bortoluzzi e Ilaria Orefice, drammaturgia Enrico Pitozzi, interpreti Wolf Govaerts, Manolo Perazzi, Sara Sguotti e Oihana Vesga. Una produzione ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione, Fondazione Teatro Comunale di Modena, Associazione Culturale Nexus, con il contributo di MIBAC, Regione Emilia Romagna, Fondo Regionale per la Danza d’Autore, con il sostegno di Fondazione Nazionale della Danza-Aterballetto, l’Arboreto Teatro Dimora di Mondaino. Coreografa, danzatrice e performer bolognese laureata DAMS, vincitrice di prestigiosi riconoscimenti tra cui il Premio del pubblico al Festival 17 Masdanza, International Contemporary Dance Festival of the Canary Islands e il concorso coreografico GD’A-Giovani Danzautori dell’Emilia Romagna, nel 2008 Bertozzi fonda la Compagnia Simona Bertozzi/Nexus con la quale crea opere innovative apprezzate in Italia e all’estero, e partecipa a numerosi Festival nazionali e internazionali. Partendo dallo studio del comportamento delle piante, le forme di vita più antiche e diffuse sul nostro pianeta, Joie de vivre indaga sull’inclinazione alla vita e sulle azioni che ogni essere vivente compie nell’inarrestabile tentativo di guadagnarsi uno stato di felicità, intesa come esperienza di appagamento di ogni ...

Read More »

MilanOltre Festival 2018 … e la danza continua

Nuove linee internazionali per la 32ª edizione di MilanOltre Festival, diretta da Rino De Pace, che volge lo sguardo ad Oriente ed esplora nuove latitudini con un focus su Corea del sud e Cina. Accoglie inoltre nuovamente grandi artisti come Louise Lecavalier che nella precedente edizione ha infiammato il pubblico del Festival con la sua inesauribile energia. Ma anche nuove linee nazionali con il battesimo di Artisti Italiani Associati (AIA) che unisce MilanOltre a Roberto Zappalà, Diego Tortelli, Simona Bertozzi, Susanna Beltrami/DanceHauspiù nella comune visione di una danza nazionale di grande valore, di uno stile contemporaneo in evoluzione, di un pubblico sempre più partecipe. E MilanOltre quest’anno ha una grande anteprima il 17 settembre con Bach Project, primo appuntamento della neonata rete MilanOltre/MiTo Settembre Musica/Torino Danza. Il dittico che ruota intorno alla nuova coreografia di Diego Tortelli (Artista Associato a MilanOltre), Domus Aurea, danzata da 16 interpreti sulle Suite Francesi di Bach eseguite dal vivo dall’ensemble musicale Sentieri selvaggi e sulla Sarabande di Jiří Kylián. Il Festival debutta il 27 settembre 2018 con il focus su Laboratory Dance Project di Seoul, stile coreografico elegante e aggressivo e danzatori dallo straordinario talento in un mix tra danza contemporanea, hip hop, arti marziali ...

Read More »

Creazione artistica, azione e intenzione in “Prometeo: il dono” di Simona Bertozzi

Il 30 maggio 2017, all’interno del Festival Interplay, presso Lavanderia a vapore di Collegno andrà in scena la prima regionale di Prometeo: il dono, ideazione e coreografia Simona Bertozzi, musiche Francesco Giomi, interpreti Aristide Rontini, Stefania Tansini, Bertozzi, produzione Nexus 2015, con il contributo di MIBACT e Regione Emilia Romagna. Coreografa, danzatrice e performer, vincitrice del concorso Giovane Danza d’Autore 2007 e del premio del pubblico a Masdanza17 Festival Internazionale di Danza contemporanea di Canarias 2012, selezionata per Aerowaves 2007 e per Fringe Festival Edimburgo 2013, Bertozzi è considerata una tra le più affermate coreografe italiane e conduce con la sua compagnia Simona Bertozzi/Nexus un percorso di ricerca e scrittura coreografica di grande successo. Prometeo: il dono è il secondo di cinque quadri coreografici facenti parte del progetto Prometeo e racconta la creatività umana come un dono, che si realizza attraverso il gesto e il movimento generati dall’intenzione, dall’azione e dall’emozione di chi lo mette in essere. Spettacolo intenso, profondo e coinvolgente che spinge a ritrovare e accendere la scintilla dell’arte che vive in tutti noi. ORARI & INFO 30 maggio 2017, ore 21.00 Lavanderia a Vapore Corso Pastrengo, 51, 10093 Collegno TO Telefono: +39 011 432 0786 Stefania Napoli Fotografie: Luca Del ...

Read More »

Simona Bertozzi presenta “Prometeo: Architettura” a Parma

Prassi pedagogica e creazione scenica si intrecciano nel fortunato spettacolo interpretato da un gruppo di adolescenti emiliano-romagnole. Inserendosi in una traiettoria nella quale l’azione pedagogica è parte integrante della pratica creativa, da tempo Simona Bertozzi dedica parte della propria attività alla trasmissione del sapere coreografico: un fare in cui la formazione diviene gesto artistico a tutto tondo. È in questo preciso milieu che si inserisce il 19 maggio 2017 si inserisce un prezioso appuntamento al Teatro al Parco di Parma nell’ambito della rassegna May Days – incontro con la danza d’autore, ossia lo spettacolo Prometeo: Architettura, forte di debutto e repliche in prestigiosi Festival e rassegne in tutta Italia e dell’apprezzamento della più autorevole critica coreutica nazionale In questo spettacolo, quinto dei sei quadri che ho dedicato al mito di Prometeo ‒ afferma Simona Bertozzi ‒ La prospettiva del tracciato coreografico è agita da un gruppo di giovanissime danzatrici del territorio bolognese e ravennate, alle prese con la condivisione di un habitat, di uno spazio severamente occupato dalla loro necessità di dare vita a immagini, visioni e proiezioni, strutture d’azione. Micro narrazioni ambientali in cui la testimonianza depositata dai corpi rivela una specie in crescita e in dialogo con le ...

Read More »

II edizione di “Circo Massimo” al Duse di Bologna. E la nuova danza si fa in quattro!

II edizione di “Circo Massimo” al Duse di Bologna. E la nuova danza si fa in quattro!

  Giunge alla seconda edizione (VEDI ANCHE: “CIRCO MASSIMO”, IL PROGETTO COREUTICO FIRMATO FABRIZIO FAVALE) il progetto artistico, curato dal coreografo Fabrizio Favale, denominato per l’occasione Circo Massimo Experiment IV, in scena al Teatro Duse di Bologna dal 10 al 12 maggio alle ore 21. Le tre serate di spettacoli, performate nel ridotto DUSEpiccolo per soli 80 spettatori, vedono l’alternarsi di quattro coreografi di fama nazionale e internazionale, esibenti sul palcoscenico una sequela di lavori assai differenti tra loro, ma, in ogni caso, simbolo di una ricerca coreutica contemporanea unica nel suo genere: si tratta di Simona Bertozzi, Tilman O’Donnell, Ioannis Mandafounis e Caterina Basso, ai quali si aggiunge anche lo stesso coreografo “padrone di casa”. Fabrizio Favale si forma all’American Dance Festival. Come danzatore riceve nel 1996 il “premio della critica come miglior danzatore italiano dell’anno”. Nel 2011 la “Medaglia del Presidente della Repubblica al talento coreografico italiano”. Nel 1999 fonda la compagnia Le Supplici. I suoi lavori sono attualmente invitati alla Biennale de la Danse de Lyon e al Théâtre National de Chaillot, Paris. Caterina Basso dal 2009 inizia la collaborazione con Ambra Senatore, ora direttrice del Centre Chorégraphique National de Nantes, come interprete e co-autrice. Nel 2013 ...

Read More »

A maggio torna Interplay Festival a Torino

INTERPLAY è il festival che in primavera, quest’anno dal 6 al 30 maggio, porta a Torino e dintorni (Moncalieri e Collegno in primis) compagnie e danz’autori da tutto il mondo, selezionando il meglio della nuova scena contemporanea, e che sostiene in modo particolare le giovani promesse della danza contemporanea, attraverso i più importanti network nazionali e i progetti di supporto e promozione. Nella diversità delle poetiche, delle urgenze artistiche, anche quest’anno Interplay porterà in scena la complessità del vivere contemporaneo, attraverso un dialogo interculturale con artisti, danzatori, musicisti, video maker provenienti da 12 paesi europei ed extra-europei. Quest’anno saranno presenti 20 compagnie, 11 italiane e 9 straniere. E per la prima volta, Interplay si apre al bacino del mediterraneo, con una sezione del festival dedicata alle compagnie provenienti da diversi paesi arabi. Protagonisti di questo progetto saranno i libanesi Guy Nader con TTTTTT, sintesi di “Time Takes The Time Time Takes”, per 5 interpreti; e Bassam Abou Diab con lo struggente UNDER THE FLESH; e il tunisino Hamdi Dridi, in TU MEUR(S) DE TERRE, una danza della memoria, quella del padre scomparso. Tra gli italiani, da segnalare In girum imus nocte et consumimur igni di Roberto Castello il 19 maggio all’Astra di Torino; il bel Prometeo:Il Dono di Simona Bertozzi alla Lavanderia a ...

Read More »

Simona Bertozzi a Bologna racconta corpi, spazi e sonorità con “Anatomia”

Il 21 dicembre 2016, il Teatro Arena del sole di Bologna ospita la Compagnia Simona Bertozzi/Nexus con Anatomia, regia e coreografia di Simona Bertozzi, musiche e live electronics di Francesco Giomi, co-autore Enrico Pitozzi. Coreografa, danzatrice e performer, la Bertozzi si laurea al Dams, approfondendo successivamente la sua formazione in danza contemporanea tra Italia, Francia, Spagna, Belgio e Inghilterra, collaborando, tra gli altri, con Tòmas Aragay e Virgilio Sieni. Nel 2007 vince il concorso coreografico GD’A (Giovani Danzautori dell’Emilia Romagna), ed è la coreografa italiana selezionata per il Festival Aerowaves di Londra, mentre nel 2008 forma la sua compagnia, creando lavori, in forma solistica e con diversi gruppi di artisti, che trovano ampia distribuzione nazionale e internazionale. Tra questi Anatomia, interpretato dalla Bertozzi e Giomi (compositore di musica sperimentale), opera che prende vita dall’incontro tra due corpi, uno biologico, l’altro sonoro, in un continuo rapporto tattile tra la materia organica e quella sonora. La performance racconta come il corpo organico e il suo spazio si modifichino e si scindano e analizzino acusticamente, facendo scaturire un’immagine, prodotta da linee di forza, aperture nello spazio, forme del corpo e tempo. ORARI & INFO 21 dicembre 2016, ore 21.00 Teatro Arena del sole ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi