Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / I grandi interpreti del balletto incontro con Roberto Bolle

I grandi interpreti del balletto incontro con Roberto Bolle

Roberto Bolle

MilanOltre continua nel suo tentativo di avvicinare i diversi linguaggi che caratterizzano la danza: il balletto, la danza contemporanea, il teatro danza, la performance fisica, veri e propri pianeti che a volte non comunicano tra loro, pur facendo parte dello stesso universo. Una missione che MilanOltre si è dato fin dalle sue origini perché il dialogo tra le arti fosse sempre più aperto e offrisse nuovi orizzonti.

Nell’attesa del programma autunnale 2014 MilanoOltre organizza, per il ciclo I grandi interpreti del balletto, un incontro giovedì 3 aprile, alle ore 14.00,  con Roberto Bolle.

L’incontro condotto da Valeria Crippa del Corriere della Sera e introdotto da  Alberto Bentoglio Università degli Studi,  si terrà presso l’Aula Magna dell’Università Statale di Milano, Via Festa del Perdono, 7 – ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

Incontri, traffici, contatti, incroci, punti di vista… la sezione di MilanOltre che tradizionalmente accoglie gli appuntamenti tematici e di approfondimento torna anche fuori stagione, questa volta parlando di balletto, degli interpreti maschili che hanno lasciato una traccia indelebile nella storia del repertorio classico.

Roberto Bolle è  senz’altro oggi il ballerino più conteso dai teatri e dai coreografi di tutto il mondo. Ha iniziato giovanissimo i suoi studi nella Scuola di ballo del Teatro alla Scala di Milano. Il primo a notarlo fu il più grande danzatore della storia, Rudolf Nureyev, che gli affidò il ruolo di Tadzio nell’Opera Morte a Venezia. Roberto aveva solo 15 anni e un futuro da stella davanti a sé. Nel 1996 venne nominato primo ballerino da Elisabetta Terabust e fu un evento storico, poiché alla Scala non era mai successo che un danzatore ricevesse tale nomina a soli 21 anni e poi in seguito étoile.

Riconosciuto da tempo come il principe della danza per la sua strabiliante tecnica e per la sua bellezza scenica, Roberto Bolle ricopre spesso il ruolo del principe, che gli calza a pennello. D’altra parte il suo fisico scultoreo incarna perfettamente l’ideale di bellezza classica e i suoi grandi occhi chiari, su un volto dai lineamenti estremamente delicati, esaltano questo suo aspetto da “principe azzurro”. Oggi è l’emblema della danza italiana nel mondo.

Un fuoriclasse d’eccezione, Roberto Bolle, ci accompagnerà illuminando un percorso fatto di storie, immagini, video. Questo incontro è parte di una più ampia collaborazione con il prof. Alberto Bentoglio del Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università Statale che alla storia di MilanOltre e alle professioni artistiche dello spettacolo ha dedicato un corso monografico, riservando ampio spazio alla danza e ai suoi interpreti.

http://www.unimi.it/ www.robertobolle.com 

Sara Zuccari

Direttore www.giornaledelladanza.com

Check Also

Sergei Polunin, “l’enfant terrible della danza”, è diventato papà. Complimenti!

Sergei Polunin Il “Cattivo ragazzo” della danza, così è stato soprannominato dai tabloid internazionali, per ...

Attività online del Museo Teatrale alla Scala, molti gli appuntamenti imperdibili

Il Museo Teatrale alla Scala propone da domenica 29 marzo un calendario di eventi digitali ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi