Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Anche Loredana Furno e Matteo Levaggi a RomainDanza

Anche Loredana Furno e Matteo Levaggi a RomainDanza

Anche il Balletto di Torino ha partecipato a RomainDanza, la prima edizione della Fiera della Danza tenutasi a Roma il 14, 15 e 16 gennaio. Per saperne di più abbiamo incontrato il Direttore Loredana Furno ed il coreografo Matteo Levaggi.

Signora Furno, con quali aspettative il Balletto di Torino partecipa a RomainDanza?

Le aspettative ci sono sempre, in qualsiasi cosa facciamo, principalmente ci piace prendere parte a queste nuove iniziative proprio per la freschezza e le novità che apportano rivolgendosi ai giovani, in perfetta sintonia con il Balletto di Torino che è una Compagnia anagraficamente molto giovane.

Con la Compagnia siete spesso alla ricerca di giovani talenti, che tipo di qualità riscontrate negli ambienti di danza?

Si, noi cerchiamo spesso dei nuovi danzatori talentuosi ed anche qui a Romaindanza terremo un’audizione. Per quanto riguarda la qualità devo dire che in questo momento riscontriamo una forte tecnica nei ballerini maschi.

Trova che la disciplina sia cambiata negli anni?

Da noi siamo abbastanza rigorosi, il ballerino ha chiaramente la propria libertà artistica ma tutto ciò che riguarda la preparazione è assolutamente molto rigido. Il nostro coreografo, Matteo Levaggi, è molto attento e pretende molto dai ballerini.

Ciao Matteo, quale spettacolo presenta qui a RomainDanza il Balletto di Torino?

Qui presentiamo una trilogia, Chamber Studio, creata quest’anno per il Festival Internazionale di Miami su musiche di Johann Johannsson. E’ un pezzo per sette danzatori che rievoca questo pezzo musicale dal titolo Melodia.

La prossima stagione del Balletto di Torino?

Stiamo preparando una nuova creazione che proporremo ad ottobre. L’idea è quella di lavorare sulla musica de La Bella Addormentata, inserita però in contesto che non sarà quello classico ma in un concept completamente nuovo a cui stiamo lavorando.

Tra poco terrete un’audione per la Compagnia proprio qui in fiera, che elementi state cercando?

In ogni audizione cerchiamo di mantenere lo standard dei ballerini che già fanno parte della compagnia, osserviamo molto la tecnica mentre fisicamente abbiamo tutti ragazzi molto diversi tra di loro, su questo non ci imponiamo dei canoni fissi.

 

Alessandro Di Giacomo

Check Also

PROSPETTIVE01 – Ezio Tangini: “Il Butoh per me è la ricerca di una danza autenticamente vera”

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti ...

Le grandi lezioni di vita che impariamo dalla danza

Danzare insegna molto più che eseguire uno chassè, migliorare la flessibilità e aumentare la forza ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi