Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Black Swan – Il Cigno Nero in uscita sul grande schermo venerdì 18 febbraio, intarvista a: Darren Aronofsky

Black Swan – Il Cigno Nero in uscita sul grande schermo venerdì 18 febbraio, intarvista a: Darren Aronofsky

Con l’uscita venerdì 18 febbraio del film Il cigno nero – Black Swan, il balletto torna sul grande schermo. Ne abbiamo approfittato per intervistare Darren Aronofsky il regista del film che ci guiderà all’interno della storia e ci racconterà come nasce questa idea.

Nel tuo ultimo film, The Wrestler, eravamo nel mondo molto violento del wrestling, con Il cigno nero – Black Swan, ti interessi invece al mondo più delicato del balletto. Come mai questo passaggio da un estremo all’altro?

Alcune persone considerano il wrestling come la più bassa delle forme d’arte, mentre altri ritengono che il balletto sia la più alta, ma in realtà hanno qualcosa di molto simile. Mickey Rourke come wrestler vive delle esperienze assolutamente paragonabili a quelle di Natalie Portman come ballerina. Entrambi sono degli artisti che utilizzano i loro corpi per esprimersi, ma sono minacciati dai malanni fisici, perché i loro corpi sono gli unici strumenti che hanno per comunicare. La cosa interessante per me era trovare due storie collegate in quelli che potrebbero sembrare dei mondi distanti. I due film sono legati anche da un’interpretazione principale che va ben oltre quello che appare in superficie. Il ruolo di Nina è decisamente diverso da tutto quello che Natalie ha fatto finora e lei è arrivata a un altro livello. Interpretare Nina è stato un impegno atletico tanto quanto recitativo.

 Come è avvenuta la scelta di Natalie Portman per la parte di Nina? Non hai avuto paura di scegliere un’attrice che non fosse una ballerina professionale?

Poco dopo aver iniziato a pensare all’idea per Il cigno nero – Black Swan, ho incontrato Natalie e ci siamo presi un caffé a Times Square. Lei aveva fatto molto balletto in passato prima di diventare un’attrice e ha continuato a svolgere questa attività nel corso degli anni per mantenersi in forma. Mi ha detto subito che una delle cose che ha sempre voluto fare era interpretare una ballerina. Il balletto è qualcosa per cui devi iniziare ad allenarti quando hai quattro o cinque anni, cambia i corpi e li trasforma. E’ veramente difficile che un’attrice che non abbia vissuto questa esperienza possa interpretare una ballerina professionista in maniera convincente. Sono convinto che questo lavoro fisico abbia permesso a Natalie di trovare un collegamento con l’impegno emotivo che doveva esprimere.

 Nelle altre parti troviamo Vincent Cassel e Winona Ryder, questa scelta invece come si è svolta?

Vincent è uno dei miei attori preferiti al mondo. Sono un grande fan del suo lavoro, sia nelle pellicole francesi che in quelle americane. Qui interpreta un personaggio machiavellico, il direttore artistico che pensa solo all’arte e che non si preoccupa delle vittime che abbandona lungo la strada. E’ stato magnifico lavorare insieme per questo ruolo, anche perché lui si muove magnificamente. Per quanto riguarda Winona, lei era fantastica per il ruolo, essendo lei stessa una superstar. Penso che il pubblico troverà un forte legame con lei nei panni della celebre prima ballerina che viene sbattuta fuori mentre Nina arriva per rimpiazzarla.

 Molti parlano del tuo stile di regia molto specifico, caratterizzato dall’uso della camera a mano. Cosa ci puoi dire a riguardo?

Mi piaceva l’idea di girare un thriller psicologico soprattutto con la camera a mano, perché non riuscivo a pensare a un’occasione in cui questo fosse stato già fatto. Talvolta, ci sono state alcune scene nei thriller in cui vedi il punto di vista del mostro con una camera a mano, ma realizzare tutto in questo modo, con uno stile documentaristico, rappresentava qualcosa di unico e inedito. Ho ritenuto che portare una macchina a mano nel mondo del balletto avrebbe permesso di esplorarlo meglio, così come è avvenuto con il wrestling per The Wrestler. La camera sta ballando e ruotando assieme ai ballerini. Cattura l’energia, il sudore, il dolore e i primi piani artistici.

 Come mai il tema dello specchio e dell’immagine di se è molto presente nel film?

Nel mondo del balletto ci sono specchi ovunque. I ballerini guardano sempre se stessi, quindi il loro rapporto con l’immagine riflessa rappresenta una componente importante di quello che sono realmente. I registi sono anche affascinati dagli specchi ed è un elemento che è già stato sfruttato, ma io volevo portarlo a un altro livello. Visivamente, abbiamo spinto molto su quello che significa guardare in uno specchio. Gli specchi sono diventati una maniera fondamentale di osservare il personaggio di Nina, che è molto legato al doppio e ai riflessi.

 Il Lago dei cigni è onnipresente nel film, com’è stato far incontrare il balletto e il cinema in questo modo?

Dalle musiche, i costumi e i set, fino ad arrivare alla fusione di coreografie e lavoro svolto per le riprese, tutti gli aspetti della lavorazione delle scene del Lago dei cigni hanno rappresentato una profonda esperienza di apprendimento, ma ogni cosa ha portato i suoi frutti. Abbiamo iniziato sapendo poco del balletto, su come girarlo e come interessare il pubblico, ma ritengo che il film funzioni veramente e riesca a collegare la gente a questa forma artistica, rendendola accessibile.

TRAMA DEL FILM

IL CIGNO NERO – BLACK SWAN segue la storia di Nina (Portman), una ballerina in una compagnia di balletto a New York, la cui esistenza, come avviene per tutte le ragazze impegnate in questa professione, è completamente assorbita dal ballo. Lei vive assieme alla madre, la ballerina in pensione Erica (Barbara Hershey), che sostiene fortemente l’ambizione professionale della figlia. Quando il direttore artistico Thomas Leroy (Vincent Cassel) decide di rimpiazzare la prima ballerina Beth Macintyre (Winona Ryder) per la produzione che apre la nuova stagione, Il lago dei cigni, Nina è la sua prima scelta. Ma Nina ha una concorrente: la nuova ballerina Lily (Kunis), anche lei in grado di impressionare Leroy. Per Il lago dei cigni c’è bisogno di una ballerina che possa interpretare il Cigno bianco con grazia e innocenza, ma anche il Cigno nero, ingannevole e sensuale. Nina si cala perfettamente nei panni del Cigno bianco, ma Lily è la personificazione del Cigno nero. Mentre le due giovani ballerine trasformano la loro rivalità in un’amicizia contorta, Nina comincia a conoscere meglio il suo lato oscuro e lo fa in maniera tale da rischiare di essere distrutta.

Sara Zuccari

Direttore del www.giornaledelladanza.com

Check Also

Addio a Gino Landi, coreografo, regista e maestro del varietà del sabato sera

È morto a Roma all’età di 89 anni Gino Landi   celebre coreografo e regista del ...

Lindsay Kemp rivive al Teatro Manzoni di Milano

Lindsay Kemp torna a Milano dopo quasi 50 anni! Giovedì 19 gennaio 2023 alle ore ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi