Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Dancing at Dusk: 38 danzatori di 14 Paesi africani danzano Pina Baush [VIDEO]

Dancing at Dusk: 38 danzatori di 14 Paesi africani danzano Pina Baush [VIDEO]

La sagra della Primavera (Le Sacre du printemps) è probabilmente il lavoro più noto della danzatrice e coreografa tedesca Pina Bausch (1940 – 2009). La sua versione dell’opera omonima di Igor Stravinsky debuttò nel 1975 facendo grande scalpore nel mondo della danza: trenta ballerini su un palcoscenico coperto di terra, a torso nudo o con abiti leggeri, misero in scena una coreografia essenziale e potente, in un evento che fece storia.

Una nuova versione dello spettacolo avrebbe dovuto girare per i teatri del mondo nella primavera del 2020, grazie a una co-produzione di Sadler’s Wells (UK), Pina Bausch Foundation (Germania) ed École des Sables (Senegal).

Conosciuta come la “madre della danza contemporanea africana”, la ballerina e coreografa franco-senegalese Germaine Acogny ha visto per la prima volta il Rito della primavera di Pina Bausch interpretato da ballerini del balletto dell’Opéra di Parigi. Presentata con la storia del sacrificio umano e delle relazioni di genere, non poteva fare a meno di tracciare parallelismi tra la coreografia ritualistica e le tradizioni della sua terra d’origine africana.

VIDEO

Immagine anteprima YouTube

“In Africa, così come nelle culture europee come l’antica Grecia, era abbastanza normale sacrificare giovani vergini femminili per ottenere qualcosa dagli dei”, dice Acogny, tradotto da suo marito Helmut Vogt da casa loro un’ora fuori da Dakar , Senegal. “Per me, vedere The Rite of Spring ha messo in evidenza somiglianze storiche e culturali tra Africa ed Europa. Ho pensato che se fosse ballato da un gruppo di ballerini africani, avrebbe portato un’energia molto speciale al pezzo.”

A causa dell’emergenza Covid-19, la tournée è stata annullata, ma poco prima del lockdown la compagnia – composta da 38 ballerini di 14 diversi Paesi africani – ha deciso di fare un’ultima prova sulla spiaggia, vicino alla sede dell’ École des Sables in Senegal. La spettacolare performance è stata ripresa da Florian Heinzen-Ziob che l’ha trasformata in un film, intitolato Dancing at Dusk – A moment with Pina Bausch’s The Rite of Spring, visibile on demand con un contributo di 5 sterline fino al 31 luglio 2020. 

“I ballerini provengono tutti da culture e background tecnici molto diversi. Non sarebbe stato facile per loro imparare la coreografia di Pina”, spiega Acogny“Ma quando ho visto il risultato del loro duro lavoro, energia e capacità di apprendimento, mi ha confermato quello che avevo sempre pensato: che sebbene siano molto diversi dagli stili occidentali, le danze tradizionali africane offrono una base molto solida, e consentire ai ballerini di adattarsi ai nuovi movimenti. È stato incredibile vedere “.

Redazione www.giornaledelladanza.com

Check Also

PROSPETTIVE01 – Ezio Tangini: “Il Butoh per me è la ricerca di una danza autenticamente vera”

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti ...

In occasione di ‘Spoleto d’estate 2020’ in collaborazione con la Settimana Internazionale della Danza e Russian Ballet College

Venerdì 14 agosto 2 spettacoli | ore 18.30 e 21.30 | Teatro Nuovo Gian Carlo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi