Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Il 19 ottobre 2020: riapertura della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli

Il 19 ottobre 2020: riapertura della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli

Il 19 ottobre 2020: Riapertura della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli, diretta da Stéphane Fournial,  per ri-cominciare a coltivare l’eccellenza:

Entro la fine del mese di settembre sarà pubblicato sul sito del Teatro San Carlo  di Napoli il protocollo di sicurezza per l’accesso ai locali del teatro, così la notizia viene annunciata sui social ufficiali dello stesso teatro.

————————————————————————————————

Alla fine della guerra, nel 1944, la prima ballerina della Scala, Bianca Gallizia, decise di accettare l’invito di Pasquale Di Costanzo a ricostruire la Scuola di Ballo del San Carlo: così il teatro, oltre che riprendere con entusiasmo l’attività lirica e sinfonica, tornava ad essere un punto di riferimento importante per la danza in Italia. Dopo più di cent’anni, la Scuola – soppressa nel 1841 – tornava a vivere.

Nel 1812, sotto il regno di Gioacchino Murat, il compositore e ballerino Pietro Hus aveva raccolto la sfida lanciata dai governanti francesi e, insieme a Louis Stanislav Henry e Salvatore Taglioni (zio della celebre Maria), aveva dato vita a corsi per 32 ragazzi: 16 maschi e 16 femmine. Fu subito un grande successo, tanto che l’anno dopo i francesi fondarono un’accademia simile anche alla Scala di Milano. Ma fu con il ritorno dei Borbone sul trono delle Due Sicilie che la scuola sancarliana prese forma. Un regolamento molto rigido stabiliva che per essere ammessi i ragazzi dovevano avere un’età tra i 7 e i 12 anni e un certificato di polizia che ne attestasse la moralità. Insomma, entrare al San Carlo costituiva un titolo di merito: superato l’esame di ammissione, gli alunni, per completare la loro educazione musicale, dovevano imparare a suonare il violino se maschi e, se femmine, addestrarsi al solfeggio. L’allievo aveva diritto alla preferenza nella scrittura al San Carlo e, dopo sei mesi di esercizio, poteva anche partecipare agli spettacoli con una retribuzione che variava dai 2.640 ai 15.000 ducati l’anno. Come dire: un futuro assicurato.

Altri tempi, altri scenari. Il 15 marzo del 1950, presente l’allora sindaco di Napoli Domenico Moscati e il sovrintendente Di Costanzo, dopo lunghi preparativi Bianca Gallizia inaugurava la sua nuova Scuola. L’affiancavano Milly Wanda Clerici (già prima ballerina alla Scala) e un segretario-coordinatore, Guido Graziosi. Subito furono messi in cantiere due corsi, uno regolare e l’altro accelerato, entrambi completamente gratuiti. Per il programma regolare – otto anni di studio – furono ammessi allievi dagli 8 ai 12 anni, mentre il corso accelerato era destinato agli allievi tra i 13 e i 16 e durava solo 5 anni. Accanto allo studio della danza furono inserite materie complementari: repertorio del balletto, tecnica della danza moderna, danza di carattere, storia e teoria della musica, canto e solfeggio. In due anguste stanzette, al quinto piano del teatro, la Gallizia con i suoi allievi riuscì a formare un vero e proprio Corpo di Ballo e a portare in scena, in vent’anni circa, ottanta balletti e una settantina di coreografie all’interno di opere liriche. Il metodo di studio era basato sulle teorie di Enrico Cecchetti e fu aggiornato nel 1967 con l’inserimento della tecnica russa conosciuta con il nome della sua ideatrice, Agrippina Vaganova.

Nel 1973, dopo più di ventitré anni di attività a Napoli, Bianca Gallizia lasciò la direzione della Scuola alla sua più stretta collaboratrice, Milly Wanda Clerici. Nel non facile periodo che seguì si alternarono alla guida dell’accademia di danza Tony Ferrante, Zarko Prebil, Giuliana Pensi.

Successivamente, dal 1990 al 2015, la Scuola è passata alla direzione di Anna Razzi. Romana, di origini partenopee, diplomata alla Scuola dell’Opera, la Razzi è stata prima ballerina e étoile alla Scala fino al 1985, danzando con Nureyev, Bortoluzzi, Schauffus, Petit, Dupont. Dopo più di venticinque anni, la Direzione della Scuola di Ballo è stata affidata dall’ottobre del 2015 a Stéphane Fournial, Cavaliere delle Arti e delle Lettere titolo conferito dal Ministro della Cultura Francese Frédéric Mitterrand, apprezzato per le innumerevoli esperienze internazionali.

Redazione www.giornaledelladanza.com

Photo: Francesco Squeglia

Check Also

La Danza scende in piazza: Flash Mob #VIVODIDANZA per chiedere al Governo sostegno!

Flash mob / mobilitazione nazionale delle Scuole di Danza e di Balletto giovedì 22 ottobre ...

Tutto quello che i principianti (e non solo) devono sapere sul balletto

Tutti noi possediamo un istinto naturale per la danza. Fin da bambino, infatti, l’essere umano ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi