Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Michele Abbondanza e Antonella Bertoni: la prova provata che non sappiamo più provare

Michele Abbondanza e Antonella Bertoni: la prova provata che non sappiamo più provare

Corpi emblemi di una cieca società: “Gli orbi” di Abbondanza/Bertoni

Excursus semiserio

Ed eccoci qua privati del minimo sindacale per lavorare: il “tu mi guardi e io faccio” respirando la stessa aria, non è più possibile. E poi sai, noi che in gioventù abbiamo visto Animal-house, ricordiamo che quando una cosa dura nel tempo e quindi si fa più dura, i duri cominciano a giocare (to play, recitare, suonare).

E con un vetro in mezzo o attraverso un video, non solo non è la stessa cosa: semplicemente non è.

Crediamo che per un teatro e una danza sani, a maggior ragione in questo periodo, servirebbero inspirazioni ed espirazioni sane, ancorché in solitaria, cogliendo, se vivi da artista (ars, artis=mestiere), la preziosità che un eremitaggio forzato può nascondere.

Beninteso che di questi tempi, la questione più che logica é pneumatologica, noi creativi del movimento, in questa “danza immobile” alla quale siamo sottoposti, dovremmo almeno fare in modo che le mascherine che indossiamo nascondano e rivelino nello stesso tempo, anche forme fantastiche; come a dar forma allo status quo creativo del portatore.

Qualche idea per creativi titubanti: novelli Joker? Il nero nasone di Pulcinella, phantom, the mask fino alla bianca algidità delle maschere orientali…e ognuno inventi quella che vuole.

Ancora una volta, parlando di teatro (danza) e quindi della vita, più che ispirazioni ci vorrebbero dinamiche e volatili traspirazioni dal vivo, l’indispensabile effluvio del teatro che non può passare da quei vetri, in quel baratto tra sangue e lacrime che dovrebbe sovrascrivere l’origine ed essenza del teatro stesso: il  separarmi (sipario!) da te mentre ti sussurro “guardami”, “ascoltami” e poi giudicami.

Ognuno è il “suo” teatro, il suo strumento; sai che sempre lo puoi suonare, sempre ti ci puoi muovere dentro e questa condizione che stiamo vivendo di solitudine e assenza di sguardi dovrebbe indurci, invece che a ripetere quello che facevamo dal vivo  attraverso click monologanti e sbarre da tastiera, anche ad una riflessione verso un autocentratura formativa e creativa.

E allora facciamo finta che io ero….(così si dice nelle fiabe):

Il Maestro più bravo del mondo e che sto preparando un assolo! (ad esempio…) e allora giro la luce in dentro, respiro quel mondo (non chiede altro che essere respirato) e parto.

Insomma bisognerebbe provare ad entrare, con la visionarietà che dovrebbe essere lasciapassare sicuro di ogni salvifico anticorpo, in quello stato mentale e situazione fisica che caratterizza quel particolare momento che chiamiamo:  “prove”.

Magari se ci riusciremo da soli (provare, provarci, vuol già dire: riuscirci), il risultato quale che sia, sarà una grande conquista per le eventuali lezioni, condivisioni e prove collettive che prima e dopo dovranno ricominciare per forza!

Ma al di qua dal vetro (e non al di là) et voilà:

La prova provata che sappiamo allenarci e provare.

Auspichiamo che quel germogliare di primavera, al quale ora ci è negato l’accesso, corrisponda ad un identico germogliare dentro ognuno di noi. Altrimenti temiamo che quei vetri di cui sopra, attraverso i quali non possono passare gli odori del teatro, saranno una barriera che tenteremo sempre inutilmente di oltrepassare.

In fondo il simbolo del teatro stesso è rappresentato da due mascherine: una che piange e l’altra che ride, decidiamo di volta in volta quale mettere, sapendo che una può contenere l’altra e che il mondo in cui siamo immersi può essere anche un meraviglioso contagio perpetuo.

Senza paure, senza vetri, quel “guardami”, provando una danza o una scena, potrà diventare “..mi guarderai e sarà ancor più bello”.

Compagnia Abbondanza/Bertoni

  (MA)

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Il mito contemporaneo di Dimitris Papaioannou, un linguaggio che fonde corpo e arte visiva a Reggio Emilia

Il Festival Aperto 2021, tredicesima edizione, si svolge a Reggio Emilia dal 18 settembre al ...

Al via la 35ma edizione di “MilanOltre”

Trentacinque volte MILANolTRE. Fino al 10 ottobre il Festival farà danzare Milano per la trentacinquesima ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi