Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “I dream”: una riflessione sul presente – memoria di Michele Abbondanza

“I dream”: una riflessione sul presente – memoria di Michele Abbondanza

I dream

Domenica 9 aprile, alle ore 18.15 al Teatro Mecenate di Arezzo, nell’ambito della rassegna Invito di Sosta va in scena l’ultimo spettacolo: presente l’autore, coreografo e danzatore Michele Abbondanza con il suo I dream, creato insieme ad Antonella Bertoni e prodotto dalla Compagnia Abbondanza/Bertoni.

Lo spettacolo è un viaggio frastagliato all’interno dell’immaginario di Michele Abbondanza, nome storico della nuova danza italiana anni Ottanta e co-fondazione della Compagnia Abbondanza/Bertoni.

Per la prima volta da solo sul palco, l’autore ripercorre la sua carriera artistica danzando, suonando, cantando e recitando in una performance ironica ed emozionante.

Usando le parole di Michele Abbondanza: “Questa prima occasione di solitudine scenica mi induce all’outing coreografico, a una riflessione sul presente in forma di memoria. Proprio la forma, dopo iniziali effluvi di parole, è uscita fuori prepotentemente e così, partito da un punto, mi ritrovo misteriosamente in un altro. Un punto non a caso; un punto che in fondo, conosco bene, dove il corpo, i suoi contorni, spasmi, fragilità, eccessi e difetti, assurgono a unici e definitivi simboli. Capita che alcune visioni ti prendano le gambe, ti facciano infilare una parrucca e non ti impediscano più di recitare una patetica felicità. E allora danzi la danza degli altri: quando una scimmia balla la polka, tutte le altre scimmie ballano la polka. Poi nel continuum di una reminiscenza dai contorni psichedelici, l’incontro con le maestre passanti che ti insegnano che il movimento non può essere che tuo, unico ed irripetibile, perché solo se è così lo puoi condividere e trasmettere. E allora cerchi i tuoi simili, perché l’unione fa la forza, e fai e sfai un gruppo. E poi l’altra metà del cielo, e poi un angelo e poi l’inferno e poi, e poi… il cabaret di ricordi continua, stante e nonostante il disincanto canto; finalmente canto. È una vita che voglio cantare. Mi lascio volentieri travolgere e stravolgere. Come in un sogno.”

ORARI & INFO

9 aprile ore 18.15

Teatro Mecenate

Arezzo

www.sostapalmizi.it

www.giornaledelladanza.com

 

Check Also

Storia della Danza: Alla scoperta dei Balletti Dimenticati di Flavia Pappacena

  Cesare in Egitto di Gaetano Gioia (Napoli, Teatro San Carlo, 27 giugno 1807)   ...

“Ragazzi della danza”. Nico Benedetti da Polignano a Mare alla conquista del successo tra coreografia e impegno

    Forza, energia, talento ma soprattutto unione e fratellanza: questi sono stati gli elementi ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi