Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La Compagnia Excursus alla Rassegna “Che Danza Vuoi” del Teatro Greco

La Compagnia Excursus alla Rassegna “Che Danza Vuoi” del Teatro Greco

Il 1 e il 2 ottobre 2011, nell’ambito della Rassegna “Che Danza vuoi?”, al Teatro Greco di Roma la Compagnia Excursus diretta da Ricky Bonavita e Theodor Rawyler presenterà  in anteprima la sua nuova produzione, suddivisa in due quadri:

Zero Uno, coreografia Marica Zannettino, musica: Trentemoeller, Aimee Mann, Chicane, Isobel Campbell & Mark Lanegan, con Vincenzo Abascià, Valerio De Vita e Marica Zannettino. Il titolo allude al sistema numerico binario del campo informatico, linguaggio in cui la ripetizione di sole due cifre, attraverso infinite combinazioni, riesce a dare un’immagine virtuale della realtà. Il numero perfetto è due.

“Un inevitabile dualismo scinde la natura, così che ogni cosa è una metà, e suggerisce a un’altra metà di completarla: come spirito e materia, uomo e donna, pari e dispari, soggettivo e oggettivo, dentro e fuori, sopra e sotto, moto e stasi, sì e no…” (Ralph Waldo Emerson).

Zero Uno è prodotto dalla Compagnia Excursus in collaborazione con 369gradi e CORE nell’ambito di un progetto più ampio di promozione e sostegno a coreografi emergenti.

Dies festi, progetto artistico di Ricky Bonavita e Theodor Rawyler, coreografia e regia Ricky Bonavita, musica Edouard Lalo, David Holmes, Tim Simenon, Mpampis Vasilos, Los Panchos, Lola Beltran, con Vincenzo Abascià, Ricky Bonavita, Enrica Felici, Ester Parisi, Alessandro Sebastiani, Marica Zannettino.

Nei giorni di festa si trascende la quotidianità, per entrare in uno spazio diverso, delimitato dal tempo, nel quale rivedere relazioni e regole. Un rituale di iniziazione sospeso e rarefatto proietta cinque danzatori in un mondo astratto, governato da un disordine geometrico. Un personaggio misterioso, che non svela il suo volto, domina la scena con la propria presenza-assenza, è lui “il moderatore” che alterna momenti lirici e drammatici, ludici ed ironici, che mette alla prova, che si mette in gioco, e che determina la fine.

In questa produzione il coreografo si interroga sulle possibilità di strutturare e destrutturare un proprio linguaggio compositivo costruito nel tempo, approfondendo ulteriormente il lavoro sull’interprete per ampliarne il registro, in un processo di sottile sovversione e ribaltamento delle strutture acquisite.

La Compagnia Excursus parte dal principio di “digressione”, come simbolo del discorso coreografico di Ricky Bonavita, delle sue atmosfere rarefatte, della gestualità che, ispirandosi al quotidiano, è trasfigurata in surreale e stilizzata espressione. Il vasto repertorio della compagnia dà spazio alla ricerca di un formalismo astratto, alla creazione di universi onirici e simbolici, ma anche all’esplorazione dei rapporti interpersonali e a tematiche legate al mondo dei giovani.

Fondata nel 1994 da Ricky Bonavita e Theodor Rawyler, la Compagnia Excursus si è costruita nel panorama della danza italiana una propria identità, distinta per dinamismo e vivacità. Protesa verso la creazione contemporanea e la multimedialità, la compagnia si relaziona attraverso spettacoli, produzioni ed eventi con il proprio pubblico, con i mass-media e con numerose istituzioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero. In tournée in Italia, in Svizzera, nei paesi dell’UE e in Africa (Egitto) la compagnia ha presentato fino ad oggi 18 creazioni in più di 300 spettacoli, con successo di pubblico e critica.

ORARI & INFO

1 e 2 ottobre 2011, ore 21:00

Rassegna “Che Danza vuoi?”

Teatro Greco

Via R. Leoncavallo 10

00199 Roma

Tel. (+39) 06 8607513

promozione@teatrogreco.it

www.teatrogreco.it

www.excursus.it

Lorena Coppola

Check Also

“B.L.U.E”: a Firenze il musical completamente “inventato”!

Come dev’essere un musical al tempo del digitale? Interattivo, chiaro. E se è il pubblico ...

L’étoile Sylvie Guillem, la più amata da Nureyev, oggi vive nella sua fattoria

Sylvie Guillem ha “ridisegnato la figura della ballerina”, come si legge nella motivazione del Leone ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi