Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Accademia Nazionale di Danza, omaggio a Zarko Prebil nella ricorrenza della morte

Accademia Nazionale di Danza, omaggio a Zarko Prebil nella ricorrenza della morte

  

Grazie alla Professoressa Mariangela Olmeda che ha voluto ricordare oggi su questa testata il Maestro Prebil ed una vita vissuta nella passione per la danza perché è sempre la vita che vogliamo ricordare anche nei giorni del lutto.

Maria Enrica Palmieri

Direttore AND

Omaggio a Zarko Prebil

Zarko Prebil (08/01/1934-12/06/2016), un illustre personaggio del mondo della danza, maestro di metodologia, tecnica accademica, ripetitore dei balletti di repertorio.

Fu chiamato dall’Accademia Nazionale di Danza dalla direttrice Giuliana Pensi nel 1978 per il corso di perfezionamento nel quale si sono formate molte insegnanti: Clarissa Mucci, Annamaria Galeotti, Francesca Corazzo, Giuseppina Ercolani e tante altre.

Il Maestro ha lasciato in loro un’impronta didattica di altissimo livello.

Amava la danza più della sua stessa vita ed era sempre alla ricerca dell’interpretazione perfetta ed anche nei virtuosismi cercava sempre l’eccellenza.

Ha lasciato l’Accademia nel 2015 con grande rammarico perché, nonostante i suoi 81 anni, era ancora in grado di dare molto ai suoi allievi. 

Non potremo mai dimenticare il suo sguardo severo ma anche pieno di amore.

Noi pianisti abbiamo avuto la fortuna di lavorare con lui ed apprendere, nel corso degli anni, le più raffinate sfumature della musica legata alla danza.

Nonostante la difficoltà di lavorare con un Maestro della sua levatura, tornerei sicuramente indietro per riprovare la carica emotiva che sprigionava dalle sue intense lezioni.

M° Mariangela Olmeda

www.giornaledelladanza.com

 

Zarko Prebil, ballerino, coreografo e maître de ballet croato (Spalato 1934). Dopo aver compiuto gli studi presso il Teatro dell’Opera di Zagabria ha fatto parte della compagnia di quel teatro (1951-55) per poi passare al Teatro dell’Opera di Stato di Belgrado (1955-65). Ha successivamente proseguito i suoi studi a Mosca (Istituto di Stato per le Arti del Teatro), diplomandosi maestro e coreografo.

Giunto in Italia nel 1968 per l’allestimento al Teatro dell’Opera di Roma di Giselle, è rimasto da allora nel nostro Paese collaborando con numerosi teatri d’opera italiani e stranieri, per la ripresa di molti celebri balletti del repertorio sovietico, tra cui Il Lago dei Cigni, Don Chisciotte, Cenerentola

Per gran parte  la sua vita è stato uno dei più grandi maestri dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma. 

 

Check Also

Danza: emozione in movimento

Le emozioni costituiscono una parte essenziale della pratica e della performance di un danzatore che ...

Frasi di danza – Elisabetta Terabust– ispirazioni, riflessioni e passione

Mi affascina di un danzatore ciò che non si può definire: l’anima. O una persona ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi