Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Addio alla fine”: il coraggio di essere vulnerabile

“Addio alla fine”: il coraggio di essere vulnerabile

Addio alla fine-ph. Judith Zwikker

Addio alla Fine chiude il ciclo della danza d’autore del Napoli Teatro Festival. In questa produzione Emio Greco e Pieter C. Scholten ritornano allo stile dei loro primi lavori: poca teatralità, solo corpo e danza come punti di partenza iniziali per raffigurare il potere dell’individuo che si sente responsabile e il coraggio di essere vulnerabile.

In una danza intensa interpretata da tutta la compagnia, Greco e Scholten mostrano che è possibile trasmettere dinamica ed energia, basandosi sul principio per cui l’energia passa da un individuo ad un altro che procede grazie ad essa. La coreografia è una ricerca per un punto zero fisico e mentale che sfocia in sfinimento e apre la strada a nuove esperienze, visioni e vigore.

Per la creazione di Addio alla Fine Emio Greco e Pieter C. Scholten si sono ispirati al libro di Hans Boutellier, The improvising society (2013), in cui l’autore sostiene che nella società attuale ogni individuo è pensato per agire all’interno di una rete più ampia. Boutellier afferma che nella nostra società i punti di riferimento morali diventano sempre più fluidi e le persone ridefiniscono i propri standard all’interno delle reti sociali a cui appartengono.

Per questo motivo Boutellier propone un nuovo ordine sociale, “the network society”. In tale società la coesione e la collaborazione tra tutte le reti esistenti rappresentano la chiave per scongiurare la complessità della vita.  Ma Addio alla Fine si ispira anche al film di Federico Fellini E la Nave Va (1983).

Nel film varie celebrità del mondo dell’arte salpano su una nave per l’addio in mare alla più grande cantante lirica di tutti i tempi. Fellini mostra come l’idolatria, la posizione sociale, gli orientamenti politici, la nazionalità, la sete di potere e l’amore possono turbare le relazioni umane. Fellini conclude il suo film con un nuovo inizio inatteso, come un finale “happy ending”, la nave viene silurata e un giornalista rema in barca con un rinoceronte alla ricerca di nuovi orizzonti.

ORARI& INFO

Venerdì 13 e Sabato 14 giugno 2014

Sala delle Locomotive

Museo di Pietrarsa

Traversa Pietrarsa, Napoli

Tel. (+39) 081 472003

Napoli Teatro Festival Italia

Fondazione Campania dei Festival

Via dei Mille, 16, Napoli

Tel. +39 081 19560383

info@napoliteatrofestival.it

www.napoliteatrofestival.it

 

Lorena Coppola

Foto di Judith Zwikker e Alwin Poiana

www.giornaledelladanza.com

 

Check Also

Luciana Savignano

Luciana Savignano la stella della danza italiana dai tratti orientali

L’étoile di fama mondiale e bellezza particolarissima. Luciana Savignano è la musa che ha ammaliato ...

L’icona della danza contemporanea Carolyn Carlson entra all’Académie des Beaux-Arts

L’artista franco-americano ha reso popolare la danza contemporanea in Francia e in Europa, diventando un’icona. ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi