Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Al Teatro San Carlo di Napoli torna “Lo Schiaccianoci” di Giuseppe Picone

Al Teatro San Carlo di Napoli torna “Lo Schiaccianoci” di Giuseppe Picone

Schiaccianoci - Foto Francesco Squeglia

Lo Schiaccianoci di Pëtr Il’ič Čajkovskij torna al Teatro San Carlo di Napoli per la Stagione di Balletto 2017-18. Venerdì 22 dicembre 2017 alle ore 16:00 si terrà la prova generale dello spettacolo, aperta al pubblico, dedicata nell’ambito del “San Carlo per il sociale” ai volontari animalisti di Napoli. Parte del ricavato sarà devoluta all’associazione Animal Day, che organizza la manifestazione annuale per i diritti degli animali e sarà da questa destinata a rifugi e associazioni animaliste più attivi sul territorio cittadino. Il Garante dei Diritti Animali del Comune di Napoli, Stella Cervasio, spiegherà l’attività dell’Animal Day, che divulga le leggi sul benessere animale e aiuta gli attivisti contro il randagismo e le altre violazioni dei diritti delle specie diverse dalla nostra.

Lo Schiaccianoci sarà in programma da sabato 23 fino al 30 dicembre 2017 con doppio spettacolo ogni giorno alle ore 17:00 e alle ore 21:00. Per la prima volta a Napoli sarà presentata la coreografia da Marius Petipa firmata dal direttore del Corpo di Ballo del San Carlo, Giuseppe Picone, che ha debuttato lo scorso anno a Palermo. Mikhail Agrest, specialista del repertorio, dirigerà l’Orchestra stabile. In scena ci saranno i primi ballerini del Royal Ballet, Vadim Muntagirov e Akane Takada, e al debutto a Napoli Casey Herd e Marta Petkova, assieme ai solisti, ai primi ballerini e al Corpo di Ballo del San Carlo, con la partecipazione del Coro di Voci Bianche diretto da Stefania Rinaldi e degli allievi della Scuola di Ballo diretta da Stéphane Fournial. L’allestimento con scene di Nicola Rubertelli, costumi di Giusi Giustino e luci di Bruno Ciulli, è quello tradizionale del San Carlo ma con alcune novità.

La mia versione di “Schiaccianoci” firmata lo scorso anno per il Teatro Massimo di Palermo e adesso ulteriormente arricchita per il San Carlo ‒ sottolinea Picone ‒ è immersa in una dimensione magica e fiabesca. Per accentuare l’atmosfera da sogno di questo splendido balletto, ho voluto inserire altri elementi sempre di Nicola Rubertelli all’interno della scenografia: un nuovo albero di Natale, una nuvola che fa volare lo Schiaccianoci nel mondo della Fata Confetto e altri pannelli scenici per le danze di carattere. La coreografia si distacca dalle innumerevoli versioni del titolo che ho danzato nel corso della mia carriera. Qui, ho voluto segnare un netto contrasto tra la realtà di Clara e il suo mondo fantastico animato dalla Fata Confetto separando i due ruoli per cui ho scelto due diverse interpreti.

Terzo titolo di Čajkovskij della stagione dei balletti dei teatri imperiali russi, Lo Schiaccianoci debuttò il 6 dicembre 1892 al Mariinskij di San Pietrobrugo. Fu il direttore Ivan Aleksandrovič Vševoložkij a suggerire al compositore il soggetto, tratto dalla versione di Alexandre Dumas del racconto di Ernst Theodor Amadeus Hoffman, ritenuta “più gradevole” e meno concentrata sui misteri dell’inconscio infantile rispetto al testo originario. Petipa puntava infatti sul potenziale spettacolare della storia: la festa di Natale, la battaglia dei topi, il viaggio in paesi incantati. Tra reale e fantastico, la vicenda narra della piccola Clara che sogna lo schiaccianoci a forma di soldato, ricevuto in dono, prima minacciato e poi salvato dai topi, e poi trasformato in un principe che la conduce verso terre ignote, fino al risveglio mattutino.

Come in La Bella Addormentata e nel Lago dei Cigni, la bellezza della coreografia incontra una straordinaria musica di Čajkovskij. Detto anche il “balletto dei valzer”, Lo Schiaccianoci è una partitura raffinata ed evocativa che vive di propria autonomia e di interesse musicale. Prima della messinscena del balletto, il compositore ne diresse una versione in forma di Suite orchestrale. Classico senza tempo, per il grande coreografo George Balanchine “è uno dei bei doni della danza, non soltanto per i bambini, ma per chiunque ami l’elemento magico del teatro: ha un incanto perenne, che non dura soltanto i giorni di Natale, ma tutto l’anno…”.

ORARI & INFO

Venerdì 22 dicembre 2017, ore 16:00

Prova generale aperta al pubblico

Il San Carlo per il sociale

Spettacoli:

Sabato 23 dicembre 2017, ore 17:00 e ore 21:00

Giovedì 28 dicembre 2017, ore 17:00 e ore 21:00

Venerdì 29 dicembre 2017, ore 17:00 e ore 21:00

Sabato 30 dicembre 2017, ore 17:00 e ore 21:00

Teatro di San Carlo

Via San Carlo 98f, Napoli

Info e biglietteria: +39 081 7972331

www.teatrosancarlo.it

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Francesco Squeglia

Check Also

Al Teatro dell’Opera di Roma lo spettacolo torna “live” con Pandora

Al Teatro dell’Opera di Roma lo spettacolo torna “live” con lo streaming gratuito di venerdì ...

Carla Fracci, Manuel Legris e la Scala per Rai Cultura una masterclass su “Giselle”

Per  il Corpo di Ballo della Scala il 2021 si apre all’insegna di Giselle: la ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi