Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Danzare rende più intelligenti e più a lungo, un dato scientifico

Danzare rende più intelligenti e più a lungo, un dato scientifico

Partiamo dalla definizione scientifica di intelligenza: capacità di affrontare e risolvere con successo situazioni e problemi nuovi o sconosciuti, e complesso delle facoltà cognitivo- emotive che concorrono a tale abilità.

L’intelligenza quindi è strettamente connessa alla nostra capacità cognitiva ed è molto indagata dalla comunità scientifica. Numerosi studi hanno dimostrato i benefici per la salute della danza sul nostro stato psicofisico, grazie alla riduzione dello stress e all’aumento del livello di serotonina. Di recente, però, è emerso un altro fondamentale vantaggio: se praticata frequentemente, la danza aumenta la capacità cognitiva a tutte le età.

L’Albert Einstein College of Medicine di New York ha condotto uno studio su ventuno anziani dai 75 anni in su e ha analizzato l’effetto sul cervello di attività quali lettura, scrittura, l’uso si strumenti musicali, giocare a tennis, a golf, nuotare, ballare, e via dicendo. Una delle sorprese emerse da tale lavoro è stata che, pur apportando rilevanti benefici cardiovascolari, quasi nessuna delle attività fisiche offriva protezione contro la demenza senile e l’Alzheimer, a eccezione del ballo che, effettuato con regolarità, comporta la più rilevante riduzione del rischio di degenerazione cognitiva e fisica.

Il neurologo Robert Katzman di UC San Diego School of Medicine ha dimostrato inoltre che la danza aumenta la riserva cognitiva e la complessità delle sinapsi neuronali, tesi comprovata anche dallo psichiatra della Harvard Medical School, Joseph Coyle, secondo cui la corteccia cerebrale e l’ippocampo sono plastici e si ricablano in base al loro utilizzo. Il nostro cervello, infatti, ricollega costantemente i suoi percorsi neurali, se necessario, ma se non è necessario, non lo farà.

Quando le cellule cerebrali muoiono e le sinapsi si indeboliscono a causa del naturale invecchiamento, perdiamo dunque l’accesso alle informazioni memorizzate e immagazzinate nell’ippocampo. Le attività che richiedono un processo decisionale rapido, come la danza appunto, risvegliano il sistema neuronale che rimane attivo e vigile. Inoltre, modificando gli schemi abituali di pensiero grazie a passi sempre nuovi, il processo creativo aumenta, e le sinapsi e le connessioni neuronali sono maggiormente stimolate.

Perché ballare apporta più benefici di altre attività alle nostre abilità mentali? La risposta è semplice: danzare significa integrare contemporaneamente diverse funzioni cerebrali, cinestesiche, razionali, musicali ed emotive, aumentando ulteriormente la connettività neurale.

C’è uno stile di danza migliore di un altro a tale scopo? La risposta questa volta è più complessa: ogni stile apporta i suoi benefici, tuttavia quelli codificati, in cui vengono ripetuti sempre gli stessi passi, non generano i medesimi vantaggi di altri che richiedono cambiamenti e riadattamenti continui, e che perciò sollecitano maggiormente la necessità di nuovi percorsi neurali.

Variare stile e cimentarsi con classi di livelli più avanzati costituiscono quindi un grande stimolo. Più decisioni prendiamo, più la nostra intelligenza viene sollecitata e si mantiene attiva e funzionante. In definitiva, balliamo, tanto e spesso, e invitiamo i ragazzi a farlo, aiutiamo noi stessi e loro a costruire una vita più sana, lunga e attiva.

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Bando Solocoreografico – Solo Dance Festival Torino 2023

SOLOCOREOGRAFICO è un festival di danza solista che si svolge in diverse città in Italia ...

Il 27 febbraio al Costanzi ‘Lezione dimostrativa della Scuola di Danza Opera di Roma’

Il 27 febbraio 2023 al Costanzi alle 19.00 la Scuola di Danza del Teatro dell’opera ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi