Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “El amor brujo e Cavalleria Rusticana”: un dittico firmato Renato Zanella

“El amor brujo e Cavalleria Rusticana”: un dittico firmato Renato Zanella

El amor brujo Cavalleria rusticana - Ph.ENNEVI

Due pièce, una firma che fa rima con garanzia: al Teatro Filarmonico di Verona va in scena il dittico El amor brujo, Cavalleria Rusticana, con la regia di Renato Zanella, con la partecipazione dell’orchestra, del coro e del corpo di ballo della Fondazione Arena di Verona. Direttore Jader Bignamini, scene e costumi Leila Fteita.

El amor brujo (L’amore stregone) è un balletto in un atto e due scene su musica di Manuel de Falla e libretto di Gregorio Martínez Sierra. È la storia del fantasma di un amore che perseguita la gitana Candelas, che troverà la soluzione nella danza come metafora di morte, ma anche vita e magia, e la cui versione più celebre è quella di Gades. Cavalleria Rusticana è un melodramma in un unico atto di Pietro Mascagni, su libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci, tratto dalla novella omonima di Giovanni Verga. 

La scena si svolge in un paese siciliano il giorno di Pasqua. A sipario calato si sente Turiddu cantare una serenata a Lola, sua vecchia fidanzata che durante il servizio militare di Turiddu ha sposato Alfio. La scena si riempie di persone in festa e giunge Santuzza, attuale fidanzata di Turiddu, che chiede a mamma Lucia notizie del figlio. La madre risponde che Turiddu è andato a Francofonte a comprare il vino, ma Santuzza le dice che è stato visto in paese durante la notte. Lucia replica stizzita, ma giunge Alfio che le domanda del vino: Lucia riferisce che Turiddu è andato a Francofonte per comprarne, ma Alfio replica di averlo visto al mattino vicino casa sua. Alfio si allontana e Santuzza svela a Lucia la relazione tra Turiddu e Lola. Lucia, attonita, invoca la Madonna e si allontana. Giunge Turiddu che discute animatamente con Santuzza; quindi interviene anche Lola e le due donne si scambiano battute ironiche. Dopo che Lola è entrata in chiesa, la discussione tra Turiddu e Santuzza degenera in lite violenta fino a che, gettata a terra da Turiddu, Santuzza gli augura la malapasqua. Quindi Turiddu entra in chiesa. Santuzza, rialzatasi, vede arrivare Alfio e gli racconta la tresca della moglie. Dopo la messa Turiddu offre vino a tutti i paesani ed anche ad Alfio, ma questi rifiuta. Allora Turiddu getta via il vino e, con la scusa di un abbraccio, morde l’orecchio ad Alfio sfidandolo a duello. Turiddu corre a salutare la madre e, ubriaco, le dice addio affidandole Santuzza. Poco dopo si sente un forte vociare e un urlo sovrasta gli altri: “Hanno ammazzato compare Turiddu!”.

Un dittico da non perdere, da vedere e ascoltare. Senza sosta.

ORARI & INFO

8 marzo ore 15.30

10 marzo ore 19.00

12 marzo ore 20.30

15 marzo ore 15.30

Teatro Filarmonico

Via dei Mutilati, 4

Verona

Tel: 045 800 2275

www.arena.it

 

Redazione www.giornaledelladanza.com

Foto ENNEVI

Check Also

“Polina, danser sa vie” alla Rocca Medievale di Castiglione del Lago

Domenica 25 e lunedì 26 luglio le strade e la Rocca Medievale di Castiglione del ...

Grande successo per il Gala finale del Concorso Internazionale di Danza di Spoleto 2021

Il Galà dei vincitori del Concorso Internazionale di Danza di Spoleto, con l’impeccabile direzione artistica ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi