Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Il senso del ballo di coppia: Samantha Dona e Marco Pennesi

Il senso del ballo di coppia: Samantha Dona e Marco Pennesi

Pennesi-Dona

In vista dei campionati mondiali di danze latinoamericane a Miami, la coppia finalista Samantha Dona e Marco Pennesi si racconta a Passi di Danza. Ballare di coppia è un altro modo affascinante per esprimersi danzando. E quando si è molto giovani danzare in coppia può rivelarsi una grande esperienza di vita.

 

Marco Pennesi e Samantha Dona siete una giovane coppia di ballo. Quando vi siete conosciuti?

Il primo incontro è avvenuto circa otto anni fa, proprio in una discoteca latina. Io ballavo da un anno circa e facevo animazione. Lei era alle prime armi, ma abbiamo capito subito che sarebbe nato un progetto insieme.

Marco tu hai studiato arti marziali e più in generale hai fatto tanto sport. Nel ballo ti è servito?

Assolutamente si. Le arti marziali non son altro che una forma di danza. Ti insegnano ad acquisire padronanza del tuo corpo, coordinare i movimenti, controllare la respirazione e migliorare gli equilibri sia fisici che mentali. Tutte caratteristiche necessarie anche nella danza.

Per te Samantha l’importanza di studiare modern jazz o danza classica è stata una scelta mirata o casuale?  

Inizialmente è stata una scelta casuale. Avevo 14 anni e una mia compagna di scuola mi ha “trascinata” ad un corso di danza moderna. L’avventura è iniziata per gioco ma in poco tempo si è trasformata in una vera e propria passione. Finché all’età di 18 anni non ho conosciuto il mondo dei balli di coppia ed è stato amore a prima vista. Da quel momento lo studio della danza è stato sempre mirato ad acquisire le tecniche utili per gli spettacoli e per le gare.

Nella mia rubrica Passi di Danza metto in risalto le qualità del danzare in coppia. Cosa significa per voi ballare insieme?

È un momento di alta condivisione, le emozioni che si provano nel momento in cui balliamo insieme oppure quando entriamo in scena al momento di una gara o di uno show sono uniche. Ogni singolo spettacolo o gara è un’ esperienza fantastica di coppia che accresce fortemente il nostro legame, rendendoci sempre di più una cosa sola.

Quando penso alla danza immagino un ragazzo e una ragazza giovani e belli come voi. Cosa fate per curare la vostra immagine?

La cura del proprio aspetto fisico è sicuramente un fattore importante, quindi è importante mantenere la propria forma fisica con allenamenti costanti e seguendo una dieta equilibrata (con qualche sgarro ogni tanto). Ma non eccediamo nella cura esasperata del nostro corpo, la serenità che si prova nel poter coltivare la propria passione fa emergere la bellezza racchiusa dentro al corpo.

Samantha pensi che sia fondamentale la gestualità e il portamento per una donna, anche se si danza in coppia?

Certamente. Per poter danzare con un partner è fondamentale essere padroni del proprio corpo e dei propri equilibri. Anche se prima di danzare in coppia bisogna saper danzare da soli.

Nei vostri corsi di ballo avete introdotto delle novità? Se si quali?

Il nostro metodo d’insegnamento si contraddistingue per l’attenzione al dettaglio. A noi piace molto spiegare con precisione ogni aspetto di una dinamica di coppia di modo da rendere l’allievo consapevole e padrone degli strumenti che gli forniamo. Il tutto accompagnato da un’abbondante dose di freschezza e serenità in grado di trasformare l’apprendimento in un percorso piacevole.

Il vostro  stile di danza è quello tipicamente caraibico. L’ultimo successo ottenuto in Olanda vi ha qualificato ai campionati mondiali accedendo alle semifinali del The world latin dance cup a Miami. Di cosa si tratta?

Si tratta di una gara di elevato prestigio nel modo caraibico, che richiama ballerini da tutto il mondo. La sua bellezza risiede nel fatto che la competizione è suddivisa in diverse categorie, ed ognuna di esse è governata da regole ben precise. Avendo vinto una delle qualificazioni organizzate in tutto il mondo, accederemo direttamente alle semifinali. Sarà un grande onore per noi essere una delle poche coppie a rappresentare l’Italia nella categoria danze caraibiche di coppia.

Un vostro pensiero (non di coppia) per concludere l’intervista

Samantha: La danza non è solo una disciplina sportiva, ma uno stile di vita basato sull’arte. Avere la possibilità di vivere della propria passione è il dono più grande che la vita può offrire, e sarò sempre grata per questo.

Marco: Io considero la danza, in generale (di qualsiasi essa si tratti), la disciplina sportiva di più elevato livello spirituale ed emotivo. Essa ha il potere di eliminare differenze sociali, culturali, di età, insomma di ogni tipo. Di giorno siamo ingegneri, avvocati, dottori, artigiani, dipendenti pubblici o studenti, ma quando il ballo sale in cattedra siamo tutti uguali: persone con delle emozioni, con le nostre sicurezze e insicurezze , con piccoli sogni o con sogni ancora più grandi. La danza è una forma d’arte e una forma di comunicazione non verbale. Il ballo ti permette di scoprire veramente a fondo il tuo io e ti insegna a prendere coscienza delle tue insicurezze, delle tue emozioni che possono aiutarti nella vita di tutti i giorni. Insomma la danza è la suprema forma di comunicazione non scritta che permette a tutte le persone del mondo di interagire tra loro.

 

Massimiliano Raso  

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Opera di Roma, Caracalla 2022 il Balletto

La stagione estiva dei Balletti del Teatro dell’Opera di Roma, diretta da Eleonora Abbagnato, ritorna ...

Al via “Fuori Programma 2022” in scena in 4 spazi della Capitale

Un ricco programma di spettacoli, incontri, laboratori, residenze creative e progetti speciali: Fuori programma, l’appuntamento ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi