Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Informa- Azione: ‘Dove si comincia…’

Informa- Azione: ‘Dove si comincia…’

Inform-azione di Joseph Fontano

Per la seconda puntata di Informa-Azione vorrei affrontare lo  stato d’animo di un danzatore  nelle varie delusioni  che egli può incontrare durante la sua carriera di studente e poi come danzatore professionista.

Sappiamo che il danzatore può sentirsi deluso da una moltitudine di fattori, e la prima cosa è capire come intervenire, è fondamentale   far capire loro che le delusioni sono un normale andamento della vita, e nella stessa situazione ognuno di noi vivrebbe lo stesso disagio e lo stesso sentimento  verso l’accaduto.

Molte cose cambiano durante la carriera di un danzatore, che  generalmente inizia quando si è molto giovani e che prosegue fino al pensionamento. Dopo molta dedizione e determinazione al lavoro non si arriva sempre dove si sarebbe  voluto.

E’ vero che con un maggiore impegno e perseveranza molti danzatori raggiungono quello che davvero hanno sognato, anche se molti, si rendono conto durante il loro percorso di studio della danza che non si ha abbastanza talento  come  danzatore, ma questo non significa dover abbondare questa arte. Dovete pensare a quanto tempo, energia e passione avete investito nello studio della danza e indirizzare e utilizzare il proprio talento in un’altra direzione. Si può  cambiare metodo, tecnica, cambiare scuola e maestro per ritrovarsi.

Quando un danzatore dopo aver partecipato a una audizione per una produzione o per una coreografia e non viene preso, questo  non vuol dire che non si ha talento, ma è solo  che il coreografo cercava un altro tipo di danzatore.

Ci sono possibilità collaterali che possono dare molte soddisfazioni, e a volte anche più di danzare sul palcoscenico. Si può insegnare, essere un assistente o un coreografo, o ancora indirizzarsi con la giusta preparazione verso la regia televisiva, il giornalismo o critico per la danza, insegnare una materia accademica, medico per la danza etc.

Serve capire da subito, dal primo giorno di studio della danza, che  durante questo lungo percorso che si è intrapreso ci saranno dei cambiamenti. Il nuovo approccio nell’insegnamento dell’arte coreutica deve includere più strade e indurre ad avere meno delusioni.

Lo stesso accade con i danzatori che negli enti lirici e sinfonici  vanno in pensione a 46 anni. Loro custodiscono un patrimonio culturale inestimabile. E così come accade al giovane studente o danzatore, anche i professionisti possano andare incontro a delusioni e non sapere più quale direzione prendere dopo una carriera sul palcoscenico. Molti di questi talenti potrebbero sfruttare la loro professionalità e il sapere  continuando nel settore come docente, assistente o coreografo.

Una soluzione utile potrebbe essere quella di affrontare l’ammissione al biennio specialistico, che dà l’accesso all’unico istituto di danza (Accademia Nazionale di Danza) autorizzata a rilasciare un diploma accademico di primo e secondo livello. Il diploma di secondo livello dà la possibilità eventualmente ad insegnare presso i licei coreutici. Purtroppo non è possibile  intraprendere questo percorso per chi non è in possesso di una laurea di primo livello, o un diploma accademico di primo livello. Andrebbe rivista la normativa sulla modalità di accesso al corso biennale dando il giusto riconoscimento ai 15, 20, 30 anni di attività professionale riconoscibili per accedere  al biennio specialistico. Questo metodo esiste già in molti paesi nel mondo, e anche l’Italia potrebbe raggiungere  la massima qualità in questo settore.

Inviate per mail le vostre esperienze, domande e eventuali proposte riguardo il settore danza. Apriamo insieme un dialogo Informa-Azione.

Joseph Fontano

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Audizione per progetto site-specific – CCN/Aterballetto

Audizione presso Fondazione Nazionale della Danza, via della Costituzione 39 Reggio Emilia: 4 aprile 2024 ...

Gremese editore presenta due libri a Danzainfiera 2024

  Sabato 24 febbraio alle ore 17:15 Flavia Pappacena presenterà Jia Ruskaja. Dalla danza libera ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi