Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La Bella e la Bestia del Malandain Ballet Biarritz a Vicenza

La Bella e la Bestia del Malandain Ballet Biarritz a Vicenza

Malandain Ballet Biarritz

Continuano gli appuntamenti della stagione di Danza del Teatro Comunale di Vicenza con una produzione internazionale da non perdere: sabato 4 marzo alle 20.45 e domenica 5 marzo alle 18.00, il Malandain Ballet Biarritz porterà in scena La Bella e la Bestiaballetto di grande fascino ed eleganza, su coreografia di Thierry Malandain e musica di Tchaikovskji.

La Bella e la Bestia è stato presentato in anteprima al Teatro dell’Opera di Versailles nel dicembre 2015 ed ha debuttato in prima mondiale alla Biennale della Danza di Lione in settembre, ottenendo un consenso unanime di critica e di pubblico. Definito dalla stampa francese “un balletto di una bellezza toccante, con una profusione di invenzioni coreografiche che inserisce a pieno diritto, e senza dubbio alcuno, Thierry Malandain sul podio dei coreografi francesi”, sarà in Italia in pochissime date (dopo Vicenza sarà al Teatro Verdi di Pordenone martedì 7 marzo), anche grazie alla co-produzione cui ha partecipato anche la Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza.

Raffinatissimo, come tutti lavori del coreografo francese che dà il nome alla Compagnia, il balletto per 22 danzatori, di chiara matrice neoclassica, si ispira alla versione surrealista del film del 1946 di Jean Cocteau. La messa in scena è minimalista e rigorosa, permeata di un alto grado di simbolismo in cui la Bella incarna l’animo umano e le sue fragilità, mentre la Bestia rappresenta la forza vitale e gli istinti primordiali. Solo alla fine del confronto, potrà esserci una sintesi dei due opposti e naturalmente un lieto fine, come si conviene ad una fiaba. Parlando del suo ultimo lavoro, il coreografo spiega: “Unità perduta o natura umana straziata, comunque sia, sulle pagine di alcune sinfonie di Tchaïkovski lo spettacolo richiama un po’ la formula del teatro nel teatro. Nella nostra versione la Bestia liberatasi dai suoi demoni interiori sposerà la Bella in una giornata di sole splendente, entrambi abbagliati dallo splendore del bello sulla ridente menzogna del caso”.

Per questa creazione de La Bella e la Bestia Thierry Malandain, si ispira non solo al film omonimo di Jean Cocteau, ma anche alla riduzione originale del racconto della scrittrice Jeanne-Marie Leprince de Beaumont: sulle note della Sinfonia n. 6 di Tchaikovski, la Patetica, Malandain trasfigura gli elementi simbolici del racconto (l’amore, la rosa, la chiave, il cavallo, lo specchio, il guanto) facendoli diventare, attraverso la forza creatrice dell’amore, in grado di rivelarli e trasformarli, i punti di riferimento entro cui tessere la trama coreografica dei gesti, tutta volute e arabeschi, slanci e riprese, pensati sia per l’ensemble che nei passi a due. Le scenografie indicano i passaggi da un quadro coreografico all’altro, come si trattasse di girare le pagine di un libro prezioso, mentre i costumi sontuosi di Gallardo rendono omaggio alla poesia del film di Cocteau.

ORARI&INFO:
La Bella e la Bestia
4 marzo, ore 20.45 – 5 marzo, ore 18.00
Teatro Comunale Vicenza,
Viale Giuseppe Mazzini, 39 – Vicenza
www.tcvi.it

Greta Pieropan
Foto: Olivier Houeix Yocom
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Roberto Altamura

PROSPETTIVE01 – Roberto Altamura: “Mi piace pensare che questo strano 2020 possa essere una sorta di anno 0 da cui ripartire”

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti ...

Il Presidente Elisabetta Casellatti premia Carla Fracci e omaggia la danza in Senato

“Più leggera dell’aria, più lieve di un sospiro”. Così la critica ha definito negli anni Carla Fracci, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi