Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Un libro per l’estate… Mara Terzi, Carmen italiana all’estero, si racconta nel libro di Olga Karasso

Un libro per l’estate… Mara Terzi, Carmen italiana all’estero, si racconta nel libro di Olga Karasso

MaraTerzi Copertina

Olga Karasso, scrittrice e redattrice, è l’autrice di una biografia dedicata a Mara Terzi, una carmen italiana la cui arte flamenca varca l’oceano, arrivando perfino in Giappone. Edito dalla casa editrice Anima, Mara Terzi – Quando i sogni dell’anima si sono fatti Danza è una biografia innovativa, in quanto composta da una serie di interviste, veri e propri racconti che la scrittrice riceve direttamente da Mara Terzi o dalla madre Teodolinda.

Si racconta la vita e il percorso artistico di una ballerina classica, che studia in Polonia e si diploma al Teatro dell’Opera di Stato di Varsavia. Ma  l’intensità e la forza espressiva del flamenco giocano su di lei un fascino irresistibile. La inducono così a tradire il balletto classico per quella che è sempre stata fin da bambina la sua più grande passione, il flamenco, una vocazione intramontabile, un sogno dell’anima appunto, che andava necessariamente realizzato.

Vola così in Andalusia per continuare i suoi studi e completare la sua formazione con i maestri di flamenco di maggior fama internazionale, tra i quali Antonio Canales, Javier De La Torre e Carmen Cortez. Fonda la sua compagnia, Ballet y Flamenco Mara Terzi, con la quale si esibisce nei più importanti teatri con gli spettacoli Carmen Gitana, Risvegli, Eco dell’Alma, per poi intraprendere una lunga tournée attraverso l’Italia con Concerto Flamenco.

Il vero cavallo di battaglia è rappresentato però da Carmen da lei coreografato e interpretato, e rappresentato ben 18 volte nei più grandi teatri giapponesi, incluso il maestoso Bunka Kaikan di Tokyo. D’altronde quello di Mara Terzi con la Carmen fu un vero e proprio colpo di fulmine avvenuto alla tenera età di 4 anni come lei stessa ci racconta nel libro: “Come ti ho già detto, avevo non più di quattro anni quando mia madre mi portò al Teatro Donizetti di Bergamo a vedere, ovvio per la prima volta, la Carmen di Bizet. Da quel momento l’opera che, col suo sensualissimo tragico intreccio tra passione  e morte, non cessa da ben più di un secolo di ammaliare sia pubblico che critica, mi occupò letteralmente le prime fantasie infiammandomi del desiderio di diventare un giorno una grande ballerina”.

Leonilde Zuccari

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Festival Danza Estate 2024 in scena con Paesaggi Presenti a Bergamo dall’8 al 22 giugno

Il Festival Danza Estate si appresta a celebrare la sua 36ª edizione con il tema ...

Una vita per la danza Éric Vu-An: stella tra le stelle

Molteplici personalità del mondo culturale e dello spettacolo, figure internazionali della danza, gente comune, istituzioni, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi