Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / NID Platform Cagliari 2023: tutto il programma

NID Platform Cagliari 2023: tutto il programma

“Natura, fluidità, modi unici di occupare lo spazio che ci circonda, concentrazione durante la performance, flusso di contatti, emozioni. Il performer perde la sua forma originale per trasformarsi in qualcosa di sfuggente e unico” è il concept attorno al quale si sviluppa NID Platform Cagliari 2023. Un’edizione complessa e ricca caratterizzata da 17 spettacoli in 4 giorni, tre panel per riflettere su diversi aspetti della danza, un punto di incontro per le compagnie.

E’ stata presentata presso MiC – Ministero della Cultura a Roma la settima edizione di NID Platform – La nuova piattaforma della danza italiana intitolata Fluidity corpo spazio movimento; sono intervenuti: Antonio Parente (Direttore Generale dello Spettacolo – Ministero della Cultura), Paolo Truzzu (Sindaco del Comune di Cagliari), Andrea Floris (Capo Segreteria Assessore della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Sport e Spettacolo – Regione Autonoma della Sardegna), Francesco Giambrone (Presidente AGIS), Marco Parri (Presidente FEDERVIVO – AGIS), Patrizia Coletta (Presidente ADEP/FEDERVIVO-AGIS), Valeria Ciabattoni (Capo commissione artistica NID – New Italian Dance Platform) e Antonio Giua (Coordinatore NID Platform 2023 – Ass.ne EE.LL. per le Attività Culturali e di Spettacolo e CeDAC Sardegna – Circuito Multidisciplinare della Sardegna – Capofila RTO – ADEP/AGIS). La manifestazione si svolge a Cagliari da mercoledì 30 agosto a sabato 2 settembre.

NID Platform è un progetto nato dalla condivisione d’intenti tra gli organismi della distribuzione della danza aderenti ad ADEP (Associazione Danza Esercizio e promozione), FEDERVIVO-AGIS e costituiti in RTO (Raggruppamento Temporaneo d’Operatori), la Direzione Generale Spettacolo del MiC e le Regioni di riferimento con lo scopo di promuovere e sostenere la migliore produzione coreutica italiana. Mette in contatto le compagnie italiane e gli operatori del settore italiani e internazionali, creando un dialogo tra produzione e distribuzione e dando visibilità alla qualità artistica della scena italiana, nel rispetto della pluralità di linguaggi e poetiche che essa esprime. L’edizione 2023 si realizza con il sostegno del MiC – Ministero della Cultura – Direzione Generale Spettacolo e della Regione Autonoma della Sardegna. Per quest’anno il R.T.O. ha nominato partner capofila e organizzatore della manifestazione l’Ass.ne Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo (Ass.ne EE. LL.) in collaborazione con il Ce.D.A.C. Sardegna – Circuito Multidisciplinare Sardegna. È coordinatore di NID 2023 – oltre che Consulente direzionale per l’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo (Ass.ne EE. LL.) – Antonio Giua.     

La vocazione internazionale di NID Platform conferma anche quest’anno una serie di residenze bilaterali, grazie al partenariato interistituzionale tra la Direzione Generale Spettacolo del Ministero della Cultura e i

diversi Istituti Italiani di Cultura coinvolti nei progetti di residenza e la collaborazione con organismi ed istituzioni straniere di prestigio e di rilevanza nazionale nei rispettivi paesi d’origine: con il Québec grazie al

sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Montréal, del Conseil des Arts et des Lettres du Québec e della Delegazione del Québec a Roma; con la Germania grazie al sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Colonia

e con il Regno Unito grazie al sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra e del British Council. Nel 2023 sono state avviate anche nuove sinergie con la Norvegia grazie al sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Oslo, dell’Ambasciata di Norvegia a Roma e del Performing Arts Hub Norway, con Taiwan grazie al sostegno dell’Ufficio italiano di promozione economica commerciale e culturale di Taipei e dell’Ufficio di Rappresentanza di Taipei in Italia e con l’Austria grazie al sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Vienna.

Anche quest’anno NID prevede le due sezioni Programmazione e Open Studios ma con due novità. La prima riguarda Open Studios che includerà una produzione ospite, con debutto già effettuato e presentata agli  Open Studios 6° edizione NID Platform, Salerno 2021. Nella sezione Programmazione è invece inserito un progetto “fuori formato”, ovvero ideato per spazi non teatrali, con durata o svolgimento non convenzionale, che prevedono il coinvolgimento attivo del pubblico, l’interazione con dispositivi tecnologici e/o sensoriali e installazioni.

Come per le precedenti edizioni, gli spettacoli sono stati selezionati tramite call pubblica da una commissione italiana e internazionale coordinata da Valeria Ciabattoni (Direttore Ce.D.A.C. – Circuito Multidisciplinare Sardegna) e composta, per la sezione Programmazione da Paolo Cantù (Direttore generale e artistico presso Fondazione I Teatri di Reggio Emilia), Francesca Corona (Direttrice artistica del Festival d’Automne di Parigi), Walter Mramor (Direttore Circuito Danza della Regione Friuli Venezia Giulia), Marie Josée Beaubien (Assistente alla programmazione e responsabile della comunicazione digitale, Agora de la danse di Montréal), Béatrice Horn (consulente artistico, Biennale di Lione), Katharina Kucher (co-direttrice Tanzmesse nrw di Düsseldorf). Per la sezione Open Studios dai già citati Paolo Cantù, Francesca Corona e Walter Mramor, da Paolo Brancalion (Responsabile dei progetti danza de L’Arboreto – Teatro Dimora / La Corte Ospitale: Centro di Residenza Emilia Romagna) e Lorenzo Conti (Consulente artistico per la danza presso il Centro Culturale LAC Lugano Arte e Cultura). I progetti saranno ora presentati nei principali teatri di Cagliari ad oltre 300 operatori nazionali e internazionali allo scopo di creare una rete tra produzione e distribuzione, e offrire visibilità alla qualità artistica della scena italiana, nel rispetto della pluralità di linguaggi e poetiche ch’essa esprime.

Gli otto spettacoli di Open Studios insieme alla produzione ospite animeranno due palcoscenici della città e uno spazio all’aperto nella giornata inaugurale della rassegna, che prenderà il via mercoledì 30 agosto, alle 14.30 al Teatro Massimo con Plein Air, la coreografia di Marina Donatone è un’indagine sul tocco e su ciò che resta di esso, un percorso tra aderenza e scollamento, ricordo e scoperta, una ricerca che si muove tra l’immediatezza dell’esperienza tattile concreta e la persistenza del ricordo della sensazione. Alle 15.00 tocca a Fabrizio Favale che torna a danzare un lavoro coreografico in forma di assolo intitolato Danze Americane, riflessione sulle eredità della stagione delle sperimentazioni danza Moderna e Postmoderna Americana da cui egli stesso proviene. Alle 15.30 Do-around-the-world, regia di Parini Secondo, interpretato da Sissj Bassani e Martina Piazzi che lavorano sul movimento tramite atti ecologici, remixando idee altrui trovate online, assemblando coreografie attraverso il campionamento, ispirandosi qui al mondo del gioco, in particolare dal salto della corda che diventa un pretesto meditativo, acustico e visivo.

Alle 16.00 in scena Decisione consapevole, coreografia e concetto di Roberto Tedesco che nasce da un esercizio per sessioni di improvvisazione per le quali è stata creata una mappa concettuale di 4 parole chiave. A NID Platform la danzatrice Laila Lovino lavora sulla parola “isolamento”. Alle 17.00 la manifestazione si sposta al Teatro Doglio con una produzione di Tir Danza, Umlaut, concept e coreografia e interpretazione di Giuseppe Vincent Giampino che studia il corpo e le sue possibilità attraverso la disciplina fisica circense. Alle 18.00 Cancan, concept e coreografia Fabritia D’Intino che in scena parte dall’immaginario rivoluzionario e festante del Can Can e ne propone variazioni energetiche e figurative per offrire allo spettatore uno scorcio laterale sulla relazione fra intrattenimento, erotismo e virtuosismo. Alle 18.30 Deserto Tattile di Nicola Galli, secondo episodio della sua ricerca coreografica dedicata al deserto e alla più ampia nozione di paesaggio. Qui la visione immaginifica del deserto prende forma nel rinnovato desiderio di indagare i tratti della società contemporanea e il riflesso dell’attività umana sul mondo. Alle ore 19:00 in Piazza San Cosimo Sara Sguotti e Arianna Ulian sono autrici e interpreti di CrePa, un montaggio di parole, suoni e gesti attorno all’immagine di una crepa, alludendo alla condizione effimera di ogni vivente. Alle 19.45, nuovamente al Teatro Doglio si terrà l’incontro con gli autori degli open studios dal titolo Looking forward: meet the artist. La prima giornata si chiude alle 21.15 al Teatro Doglio con la produzione ospite da Open Studios 6° edizione NID Platform, Salerno 2021, Un discreto protagonista, concetto e direzione di Alessandra Paoletti e Damiano Ottavio Bigi di Fritz Company, nasce nel periodo pandemico, è incentrato sul tema della frammentazione dell’unità e la sua dissoluzione e si sviluppa da un frammento di tempo che si espande e che viene esplorato nella relazione, nell’armonia e nel contrasto tra le due figure in scena.

La seconda giornata di NID, giovedì 31 agosto, si apre alle 10.30 all’Hub Culturale Sa Manifattura con Italian Windows – tour tra le poetiche delle realtà presenti ai desk, a cura di Carmelo A. Zapparrata, critico e studioso di danza. A seguire dalle 11.30 alle 13.00 un focus sulla Danza in Sardegna coordinato da Fabio Acca (Università di Torino) dal titolo Sardegna. Sguardi dal futuro.

Al Teatro Doglio, alle 19.00 al via gli spettacoli della sezione Programmazione, con Paola Bianchi e Valentina Bravetti che propongono Brave, spettacolo frutto di un lungo lavoro di ricerca intorno al tema della compresenza di due corpi diversi e un’indagine approfondita sull’accettazione di limiti invalicabili. Al Teatro Massimo, alle 21.00 Andrea Costanzo Martini è autore di Première, una produzione realizzata interamente online con i danzatori del Balletto di Roma che ne celebra l’umanità e ne indaga le biografie, le storie uniche e irripetibili di ognuno, dal più delicato al più selvaggio e feroce.

Venerdì 1 settembre dopo Italian Windows – Tour tra le poetiche delle realtà presenti ai desk a cura di Carmelo A. Zapparrata, dalle 11.30 alle 13.00 si svolge il Panel sulle piattaforme internazionali PLATFORM OR WHAT? coordinato dalla dance critic and scholar Elisa Guzzo Vaccarino.

Si prosegue nel pomeriggio con le proposte della sezione Programmazione. Alle 15.00 al Teatro Massimo Nobody Nobody Nobody It’s Ok Not To Be Ok, la coreografia di Daniele Ninarello che, partendo dall’esperienza autobiografica, propone un progetto pensato come una serie di azioni “proteste”, un discorso danzato che indaga le memorie e le tracce lasciate sul corpo dalla cultura del controllo, della violenza e dell’offesa. Alle 18.00 al Teatro Doglio Greta on the beach, la coreografia di Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco che riflette sulla condizione umana, un viaggio sospeso tra sogno e realtà ispirato alle parole apocalittiche di Nevil Shute, quelle inquietanti e abissali di T.S. Eliot e la voce di Greta Thumberg, che risuona come speranza di redenzione. Alle 20:30 all’Auditorium del Conservatorio di Musica va in scena Shoes On, la coreografia di Luna Cenere che per la prima volta dirige due performer senza essere in scena e che si compone di un archivio di gesti e movimenti che dalle forme più ancestrali evolve fino a posture proprie dell’atletica o della danza.

La giornata conclusiva, sabato 2 settembre, inizia all’Hub Culturale Sa Manifattura con Cross Currents, Correnti della danza italiana tra eredità, metamorfosi e nuovi linguaggi, il Panel di Produzione Danza coordinato dalla giornalista e critica di danza e di teatro Rossella Battisti che si terrà dalle 11.30 alle 13.00.

Dalle 15.00 ultimi appuntamenti con gli spettacoli: in scena al Teatro Massimo Inferno, coreografia di Roberto Castello, una tragedia in forma di commedia seducente, piacevole, coinvolgente, brillante e divertente sull’invadenza dell’ego. Alle 17.00 all’Auditorium del Conservatorio di musica, il C.G.J. Collettivo Giulio e Jari presentano Pas de deux nel quale due danzatori manovrano i propri corpi, reinterpretando il tema del pas de deux, sistema scenico che nella storia del balletto ha sempre messo in luce il profondo valore del legame e della relazione. Alle 19.30 al Bastione di Saint Remy la produzione Fuori Formato Atmosferologia, coreografia di Michele Di Stefano con la compagnia MK. Un formato modulare, con cast e durate variabili, dedicato alla città e alla visione prospettica del paesaggio urbano. Il pubblico fruisce la performance in cuffia, affacciato nel caso di Cagliari al suggestivo Bastione di Saint Remy.

Sara Zuccari

Check Also

Biennale Danza 2024, consegnati i Leoni a Caprioli e Harrell

Sono stati consegnati nel corso della cerimonia a Ca’ Giustinian i due principali premi della ...

CollettivO CineticO: “OMUS. Chiedi alla pelle di rispondere”

Nell’ambito di Bolzano Danza 2024, il 26 luglio 2024, al Teatro Comunale di Bolzano, Francesca ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi