Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Stuttgart Ballet compie 60° anni. Quattro coreografi per l’occasione

Stuttgart Ballet compie 60° anni. Quattro coreografi per l’occasione

Negli ultimi 60 anni, il Balletto di Stoccarda ha deliziato il suo pubblico con nuove opere. Dal 1961 sono state presentate quasi 400 anteprime mondiali e oltre 200 anteprime, un record che solo poche altre aziende possono vantare. Il cartellone NEW/WORKS unisce quattro coreografi che esemplificano perfettamente lo slancio innovativo del Balletto di Stoccarda.

Christian Spuck e Marco Goecke sono stati entrambi coreografi residenti dello Stuttgart Ballet, rispettivamente dal 2001 al 2011 e dal 2005 al 2018. Come tali hanno definito il profilo contemporaneo dell’azienda per quasi due decenni. Spuck, attualmente direttore artistico del Balletto di Zurigo, si è fatto un nome con il suo “Gesamtkunstwerke” drammaturgicamente intelligente, altamente musicale ed estremamente vario. Goecke, attualmente direttore del Balletto del Teatro di Stato di Hannover, è noto in tutta Europa per il suo stile di danza altamente idiosincratico, inimitabile e innovativo. Entrambi questi danzatori altamente individuali tornano alle loro radici artistiche, commissionati dal direttore artistico Tamas Detrich per creare nuove opere per la stagione del 60° anniversario del balletto di Stoccarda.

Una terza prima mondiale sarà creata da Edward Clug. Il vocabolario del movimento altamente estetico di Clug, così come l’atmosfera indimenticabile e la delicatezza poetica delle sue opere, lo hanno reso uno dei coreografi più ricercati d’Europa. Le sue precedenti collaborazioni con lo Stuttgart Ballet hanno conferito alla compagnia alcune delle opere più singolari dell’ultimo decennio.

La serata si chiuderà con la prima tedesca di Blake Works di William Forsythe . Forsythe è lui stesso un ex coreografo residente del Balletto di Stoccarda, un genio della danza e un ribelle il cui lavoro rivoluzionario ha cambiato il volto del balletto del XX secolo. Nel 2016, ha creato un nuovo lavoro sulla musica blues-jazzy del cantautore James Blake. Come se avesse distillato la sua vasta conoscenza del balletto in 30 minuti mozzafiato, Blake Works racchiude tutte le sfaccettature che rendono Forsythe uno dei coreografi più venerati al mondo di oggi. Il pezzo è una lettera d’amore al balletto classico come solo William Forsythe può scrivere: fresco, disinvolto, bello e brillante. Inutile dire che i ballerini del Balletto di Stoccarda non vedono l’ora di ballare questo lavoro e di lavorare di nuovo con Spuck, Goecke e Clug.

© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Torna in scena il Balletto di Milano: Carmen e lo Schiaccianoci

Tornato finalmente in scena, il Balletto di Milano è atteso da oltre 18 mesi anche ...

La danza è un bisogno, una vocazione e un’opportunità

Tutti noi, atavicamente, sentiamo il bisogno di danzare e tutti dovrebbero avere la possibilità di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi