Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Creatività e fragilità emotiva: un aiuto dalla danza

Creatività e fragilità emotiva: un aiuto dalla danza

L’innovazione, il genio, la capacità di andare oltre gli schemi prestabiliti sono peculiarità degli artisti e di tutti coloro che posseggono una vivace mente creativa.

Sembra che le personalità artistiche siano maggiormente soggette a un più alto rischio di sofferenza psichica, motivo per cui da tempo la letteratura scientifica studia le connessioni e le concause che generano la famosa diade ‘genio e sregolatezza’.

Si è ipotizzato che vi fosse una base genetica comune alla creatività e alla fragilità emotiva, e che l’arte attiri quelle personalità che hanno in sé particolari sensibilità e uno spiccato pensiero divergente.

Questa forma di pensiero è un modo di processare l’esperienza tramite connessioni mentali insolite, flussi di coscienza e improvvisazione. Il lato disfunzionale di questa forma di pensiero è il cosiddetto sensation seeking, cioè la tendenza a cercare continuamente sensazioni forti ed estreme, fino ad arrivare a mettere in atto condotte rischiose.

Questo discorso riguarda anche la danza?

Il pensiero divergente viene effettivamente stimolato dalla danza, e permette di generare soluzioni molteplici e ingegnose per un determinato problema. Si tratta di una concentrazione mentale spontanea, fluida e non lineare, basata sulla curiosità e sull’anticonformismo.

È indubbio anche che la danza implichi una certa dose di esibizionismo, perché il ballerino sul palcoscenico si trova al centro dell’attenzione e condivide i suoi stati d’animo più profondi.

Attraverso la danza, un individuo riesce a esternare parti di sé che difficilmente in altre situazioni troverebbero sfogo. Mettendosi al centro della scena, il ballerino fa da tramite fra le sue e le altrui emozioni, permette a chi lo guarda di vivere quelle emozioni che spesso nella quotidianità vengono negate.

Il danzatore quindi si espone consapevolmente al giudizio altrui mettendosi a nudo, questo genera un livello di stress non semplice da gestire a volte.

Tuttavia grazie alle sue regole ferree, alla sua disciplina e alla sua struttura di saldi principi, la danza permette di vivere e liberare le emozioni, anche quelle negative e dolorose, in un contesto protetto e sicuro.

Rispetto alle altre arti, infatti, danzare implica anche l’uso del corpo e il movimento è benefico anche per il cervello, la sede delle emozioni. La collaborazione con compagni, altri danzatori e maestri, crea una relazione sinergica positiva, un rinforzo che stimola il senso del rispetto e aiuta anche il ballerino più sensibile a non avvertire la solitudine e il peso del suo sforzo creativo.

In definitiva, se è vero che tra ‘genio e sregolatezza’ esiste un legame solido, ancestrale, è vero anche che la danza è in grado di generare sicurezza e fiducia in se stessi, e di contenere le iper-sensibilità insite nell’artista, instradandole in una costruzione artistica logica, salutare e sicura.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

La Scuola di Danza “Susanna Egri” compie 70 anni di attività

Una tappa significativa di uno dei centri di formazione più importanti in Italia. La Scuola ...

Kledi Kadiu danza con i cani galgos: “ho danzato con queste anime magiche”

Danzatore professionista, divenuto famoso anche in televisione grazie al programma Amici (per il quale è stato anche ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi