Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Tag Archives: Massimiliano Volpini (page 2)

Tag Archives: Massimiliano Volpini

Massimiliano Volpini: “La danza, amore a prima vista”

Massimiliano Volpini entra nel Corpo di Ballo del Teatro alla Scala nel 1991 dove rimane fino al 2014, dedicandosi poi completamente alla coreografia. È stato uno dei quattro coreografi scelti per l’International Choreography Showcase 2000 in Virginia dove ha creato “Due”; sempre nel 2000 ha creato “Sinfonia in quattro colori” per la Scuola di Ballo della Scala. Nel 2001 ha iniziato la collaborazione con Roberto Bolle, per il quale ha creato un assolo per il “Premio Barocco 2001”; una coreografia per “Notte di duelli e di magia” (trasmissione Rai ideata da Vittoria Ottolenghi); una coreografia per Roberto Bolle e Greta Hodgkinson per Ferragamo e il balletto “Antonio e Cleopatra”. Ha realizzato le coreografie per “Traviata” al Todi Arte Festival. Ha creato svariate coreografie per i danzatori scaligeri, tra cui Lettera ritrovata, Bolero, File not found, Ludwig Dances, Darkness is about to pass, Aria. Dal 2007 al 2010, in qualità di coreografo residente, ha realizzato nove coreografie per la Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma. È stato invitato da Peter Martins a partecipare alla Fall Session 2007 e alla Summer Session 2008 del “New York Choreographic Insitute”. Per il “Tulsa Ballet”, in Oklahoma, realizza nel 2009 “Amadè”. Ha creato ...

Read More »
“Il giardino degli amanti”: la Scala omaggia il Settecento mozartiano

“Il giardino degli amanti”: la Scala omaggia il Settecento mozartiano

  Col sopraggiungere della primavera il Teatro alla Scala di Milano si inebria di leggerezza e vivacità presentando, come quarto spettacolo in cartellone per la stagione Balletto 2015/2016, Il giardino degli amanti, celebre opera di Wolfgang Amadeus Mozart coreografata da Massimiliano Volpini e prodotta ex novo dallo stesso Teatro scaligero. Lo spettacolo si pone in apertura delle celebrazioni per il 225° anniversario della scomparsa del prodigioso compositore austriaco, andando in scena in prima assoluta dal 9 al 19 aprile in nove date (sette serali e due pomeridiane), di cui una con doppio appuntamento: 9, 12, 14, 15, 16, 19 aprile ore 20; 13 aprile ore 14:30 e ore 20; 17 aprile ore 15. La scenografia, curata così come i costumi da Erika Carretta, catapulta il pubblico in uno scenario barocco lussureggiante in cui un’orchestra da camera allieta l’atmosfera eseguendo i quartetti e quintetti più famosi del compianto enfant prodige. In un istante il Settecento padroneggia sulla contemporaneità degli anni Duemila, prendendo forma nei corpi dei ballerini intenti a palesare una sorta di revival delle schermaglie amorose tipiche di quel tempo remoto. A capeggiare la compagine tersicorea è l’étoile Roberto Bolle, presente in ogni rappresentazione eccetto la pomeridiana del 13 e ...

Read More »

Top Ten: gli spettacoli di aprile consigliati da giornaledelladanza.com!

Nella Top Ten di Aprile tanti coreografi indagano i rapporti umani, qualche compagnia porta in scena personaggi della letteratura e della storia ben noti, e la danza contemporanea porta in scena nuovi talenti (o nuovi spettatori…). Il Giardino degli Amanti, dal 9 al 19 aprile, Teatro alla Scala – Milano. C’è bisogno di aggiungere altre motivazioni valide per vederlo oltre alle parole “nuova coreografia originale di Massimiliano Volpini con l’étoile scaligera Roberto Bolle”? Carmen K, Artemis Danza, dall’8 al 13 aprile, Teatro Comunale – Bologna. Vi avevamo segnalato il primo sharing di questa nuova creazione di Monica Casadei dedicata alle eroine dell’opera lirica, non potete mancare allo spettacolo a Bologna. EDge, London Contemporary Dance School, 27 aprile, Teatro Bellini – Napoli. Tre coreografi molto diversi tra loro per 13 rappresentanti eccellenti della danza contemporanea inglese, provenienti da una delle migliori scuole d’Europa, associata a The Place. George Sand, Astra Ballet, 29 aprile, Teatro Olimpico – Roma. Sabrina Brazzo e Andrea Volpintesta portano in scena la storia di una grande autrice, Amantine Dupin, più nota con lo pseudonimo di George Sand, appunto. Paradox/Home Alone, Balletto di Roma, 16 e 17 aprile, Teatro Verdi – Padova. Due debutti nazionali in sequenza per la ...

Read More »

Breve guida alla stagione milanese di danza 2015/2016…

Troppi festival di inizio autunno vi hanno distratto dalla stagione 2015/2016, e la nostra Top Ten mensile non vi basta per organizzare il vostro anno di danza? Diamo un’occhiata all’anno di danza milanese, tra balletto e danza contemporanea, tra stagioni ancora in divenire e qualche appuntamento che non mancheremo di ricordarvi man mano che i mesi si susseguono. Iniziamo dal Teatro alla Scala, che insieme ai grandi classici come il Lago dei cigni e Giselle, ha in cartellone due nuove sfide: la Cenerentola a firma di Mario Bigonzetti, prevista per il 19 dicembre (con anteprima giovani il 17 dicembre), e creata appositamente per i ballerini del corpo di ballo scaligero, nata dall’ascolto e rielaborazione della musica originale. L’altra sfida parte sempre da un nuovo ascolto di una musica classica per eccellenza: quella di Mozart, che fa da base a Il Giardino degli amanti, nuova coreografia di Massimiliano Volpini, che ammicca qui al Settecento nei passi e nelle ambientazioni, e che debutterà il 9 aprile 2016. Rimanendo nell’ambito del balletto classico, il Balletto di Milano propone il 20, 21 e 22 novembre la nuova creazione del coreografo Teet Kask: Anna Karenina, tratto dal romanzo di Tolstoj, che mette in scena una ...

Read More »

Emarginazione e seduzione in “Drakula” di Massimiliano Volpini

Il 4 e il 5 settembre 2015, presso Scuderie di Villa Pallavicino di Busseto (PR), Jas Art Ballet porta in scena Drakula, regia di Laurent Gerber, coreografie di Massimiliano Volpini, su musica dal vivo di Nicola Urru e Beppe Cacciolla, interprete principale Andrea Volpintesta, già ballerino di Aterballetto. Jas Art Ballet nasce nel 2012, quando Volpini e Sabrina Brazzo, entrambi primi ballerini del Teatro alla Scala di Milano, si uniscono in sodalizio artistico che li porterà a dare vita ad una compagnia eclettica e tecnicamente di alto livello, i cuoi componenti sono giovani ballerini provenienti da Accademie di altissimo (Accademia del Teatro alla Scala, London Contemporary Dance School, Biennale Danza di Venezia, ecc.). Caratteristiche principali della compagnia sono la voglia e la capacità di affrontare esperienze insolite, di andare al di fuori dal repertorio tradizionale, ispirandosi a drammaturgie, piene di emozione, energia e passione. Uno stile originale, quindi, che ritroviamo in Drakula, presentato a Busseto in prima nazionale, storia di un gruppo di ragazzi dei sobborghi metropolitani, che mossi dalla noia e dall’emarginazione in cui vivono, arrivano a celebrare Drakula, che incarna perfettamente inquietudine, avidità, seduzione e morte, elementi centrali dell’opera. Giocando con rituali primitivi, i ballerini richiamano e ricreano ...

Read More »

Presentata la nuova stagione del Teatro alla Scala, sei titoli tra classici e novità

Sono sei i titoli di danza previsti per la prossima stagione del Teatro alla Scala: una nuova creazione, due nuovi allestimenti e tre classici del repertorio, che si ripropongono dopo la lunga stagione Expo. Iniziamo proprio dai tre classici: lo Schiaccianoci di Nacho Duato, che ritorna per dodici recite tra febbraio e marzo (nelle prime recite Maria Eichwald e Roberto Bolle, già protagonisti della prima) e si declinerà anche come titolo dedicato alla programmazione per i bambini; poi il gioioso Don Chisciotte di Rudolf Nureyev, replicato per nove recite tra marzo e aprile e ambientato nella Spagna dei gitani, dei matador, dei famosi mulini a vento, un colorato universo a contrasto con il candore delle Driadi (in scena in apertura l’étoile Svetlana Zakharova con Leonid Sarafanov). Torna anche l’immancabile Giselle, nella versione di Coralli-Perrot ripresa da Yvette Chauviré, che vedrà protagonisti il corpo di ballo e, in apertura, la coppia Svetlana Zakharova e Roberto Bolle, in scena nell’ottobre 2016. A inaugurare la nuova Stagione dal 19 dicembre 2015 (con l’anteprima giovani il 17 dicembre) sarà Cinderella, nuova produzione basata su Prokof’ev, prevista in dodici recite tra dicembre e gennaio più la recita di Capodanno. L’ultima presenza di questo titolo nel ...

Read More »

Concerto di Capodanno 2015: il corpo di ballo della Scala al Teatro La Fenice

Come da tradizione, dopo aver salutato il nuovo anno con i festeggiamenti tra amici, l’anno inizia all’insegna della bella musica, con i tradizionali concerti di Capodanno. Mentre da Vienna abbiamo il programma musicale ma non quello delle performance tradizionali del Balletto dell’Opera di Vienna, registrate solitamente nei palazzi più belli della capitale e non solo, sappiamo invece chi sarà l’ospite danzante del Concerto di Capodanno del Teatro La Fenice di Venezia. L’ormai tradizionale concerto, trasmesso dalle 12.15 del 1 gennaio su Rai1, ospiterà infatti durante la sigla di apertura e durante l’esecuzione di altri due pezzi il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala. A dirigere l’orchestra e il coro, che vede solisti Maria Agresta (soprano) e Matthew Polenzani (tenore), l’inglese Daniel Harding, che già nel 2011 era stato direttore dell’orchestra e che anche quest’anno dirigerà brani dal melodramma italiano più noto e più bello, da Verdi a Donizetti, da Puccini a Ponchielli. Non a caso parliamo proprio di Verdi e Ponchielli, dato che oltre alla sigla, il corpo di ballo scaligero interpreterà la Danza delle Ore da La Gioconda, e il Brindisi da La Traviata. Un’occasione speciale per vedere più da vicino la prima ballerina scaligera Nicoletta Manni, che, ...

Read More »

A Bergamo va in scena la prima italiana di “My name is nobody” di Massimiliano Volpini

In prima italiana e in collaborazione con Festival Danza Estate – XXVI edizione, lo spettacolo  My name is nobody è un viaggio attraverso la spiritualità distorta di un gruppo di persone guidate da un uomo forte e carismatico che li conduce verso una meta ideale. Mostra anche la capacità degli uomini di rinascere ogni volta, di trovare pace dove pace non c’è e sopravvivere, trovando la forza nella solidarietà e nell’empatia che li lega tra loro. Gli esseri umani hanno bisogno di credere, di essere prigionieri di qualcosa più grande di loro. Cercano le risposte nella religione, calmano la paura con le preghiere, si affidano a uomini forti capaci di indicargli il cammino. Non sono fatti per essere veramente liberi.  Su invito del direttore della Biennale di Musica Contemporanea di Zagabria Berislav Sipus, nel 2011 Massimiliano Volpini ha creato questo spettacolo insieme al giovane compositore Frano Durović. L’intesa artistica tra i due, entrambi di formazione classica, alle prese con un lavoro fortemente contemporaneo, ha portato alla costruzione di un lavoro carico di suggestioni che ha ottenuto grande consenso a Zagabria, dove è stato anche trasmesso in diretta dalla Tv nazionale, e nelle altre città dove è stato rappresentato, Varazdin e Dubrovnic. ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi