Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Tag Archives: Teatro San Carlo (page 8)

Tag Archives: Teatro San Carlo

L’amore protagonista al Teatro San Carlo di Napoli

  A partire da domani 20 gennaio e con repliche fino a domenica 29, nell’incantevole cornice dell’appena restaurato Teatrino di Corte del Palazzo Reale andrà in scena lo spettacolo L’amore e il disamore con Alessandro Macario primo ballerino ospite e i primi ballerini, i solisti e il corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli.  Interamente dedicato al più nobile dei sentimenti, il programma dell’evento prevede in scaletta coreografie di Nacho Duato e di Alessandra Panzavolta per celebrare l’amore nei suoi mille aspetti con una delle arti che da sempre è stata utilizzata per raccontare lo strazio, le gioie, la passione e i lati oscuri della forza che muove il mondo. Del danzatore e coreografo spagnolo sarà messo in scena dalla compagnia del San Carlo Without words, il secondo lavoro che Duato ideò per l’American Ballet Theatre (1998), su musica di Schubert: una danza ridotta alla sua essenza e privata di ogni ornamento romantico, come la musica da cui trae ispirazione, una musica pura, senza parole. Al centro del brano amore e morte, così come nella seconda coreografia, firmata dalla direttrice del corpo di ballo napoletano Alessandra Panzavolta, che rilegge la celebre vicenda di Paolo e Francesca in  Francesca ...

Read More »

Alessandro Macario e Anbeta Toromani: un amore da palcoscenico

La danza non è solo lavoro, sudore, fatica, disciplina ma anche passione, sentimento e amore e a volte l’arte di Tersicore diventa galeotta per l’incontro di anime danzanti come nel caso di Anbeta Toromani ed Alessandro Macario. Lei è la stella indiscussa della danza televisiva del momento mentre lui è primo ballerino del Teatro San Carlo di Napoli, due grandi artisti  spesso in coppia sulla scena ed a quanto pare anche nella vita. Anbeta Toromani, oramai italiana acquisita ma di origine albanese, è nota al grande pubblico grazie alla trasmissione televisiva Amici di Maria De Filippi alla quale ha partecipato prima come concorrente ed in seguito da ballerina professionista. È l’emblema della ballerina, eterea, sobria, riservata, una solida formazione classica che le permette di essere impeccabile in ogni sua esibizione ed un atteggiamento che la rende in apparenza quasi snob ma che è legato principalmente al rigore ed alla disciplina che lo studio della danza le ha conferito. Per molto tempo è stata legata sentimentalmente ad uno dei postini della trasmissione C’è posta per te, sempre della De Filippi, mentre adesso è spesso accompagnata dal ballerino Alessandro Macario. Lui è di origine napoletana e già all’età di 10 anni è ...

Read More »

Vito Conversano: “Da bambino ho studiato ginnastica artistica ma oggi sono un ballerino dell’English National Ballet”

Ha un carattere forte e determinato, si è diplomato al Teatro San Carlo di Napoli e sogna di poter diventare un professionista della danza classica magari in compagnia della sua ragazza Debora. Il suo percorso nella scuola di Amici di Maria De Filippi non è stato facile ma è arrivato in finale vincendo uno dei contratti di lavoro in palio. L’intervista del giornaledelladanza.com a Vito Conversano. Come è iniziato il tuo rapporto con la danza? Io ho iniziato studiano ginnastica artistica dai 9 ai 14 anni. Ricordo che il mio istruttore volle ad un certo punto volle cambiare categoria ed ho deciso allora di lasciare la ginnastica. Poi per caso un giorno mentre ero a casa ho visto che in televisione trasmettevano Il Lago dei Cigni in cui era protagonista Roberto Bolle e sono rimasto estasiato da quello spettacolo bellissimo. Decisi allora di iscrivermi ad una scuola di danza privata ma i primi periodi non furono dei migliori in quanto credevo pochissimo in me e questo mi portava ad essere incostante negli studi. E dopo cos’è successo? Un giorno d’estate, mentre mi trovavo in vacanza, ho conosciuto una ballerina del Teatro San Carlo di Napoli che notò subito la mia ...

Read More »

Alessandra Amato: “la danza mi completa e mi aiuta ad esprimere la mia vera anima”

La tua carriera di ballerina è iniziata alla Scuola del Teatro San Carlo di Napoli: come hai vissuto gli anni che ti hanno poi portato al diploma? Li ho vissuti molto bene: è stato un periodo molto importante, studiando in un teatro così importante ho capito subito che la mia vita si sarebbe svolta tra punte e spettacoli, senza alcun dubbio. Ci sono stati dei momenti di difficoltà, ma li ho superati continuando a credere in quello che facevo, perché mi piaceva e mi sentivo me stessa. A dir la verità, tutto ha avuto inizio in una piccola scuola di danza vicino a casa mia, nel napoletano: la mia insegnante intravide subito delle caratteristiche molto importanti e mi propose immediatamente di fare l’audizione per il San Carlo. Se ora sono una ballerina devo dire grazie anche a lei! Sei un giovane talento italiano che, come tale, ha deciso di restare nel suo paese e continuare imperterrita a danzare qui: in questo periodo, questa è una caratteristica più unica che rara. Come mai hai voluto restare qui e non provare una carriera all’estero? Ad esser sincera, in alcune occasioni ho pensato all’eventuale possibilità di fare un periodo di formazione all’estero ma ...

Read More »

Vincenzo Capezzuto: senza lʼarte si viene travolti dallʼignoranza e dallʼoscurantismo!

Napoli e il San Carlo: hai iniziato come allievo e vi hai proseguito come solista: che ricordi hai dei tuoi primi inizi, dei tuoi primi balletti? Un ricordo molto intenso degli anni trascorsi nella scuola di ballo del Teatro San Carlo, fu quando conobbi Rudolf Nureyev. Me lo presentò la sig.ra Vittoria Ottolenghi, in occasione dello Schiaccianoci che andava proprio in scena in quel periodo. Fu una grandissima emozione e ricordo che non riuscivo a staccare i miei occhi dal suo sguardo, così carismatico e ipnotico. Quando entrai in compagnia, incominciai subito con i ruoli da solista e primo ballerino, ricordo con divertimento e gioia “Lʼuccello azzurro” della Bella Addormentata, Napoli di Bournonville, Ma Pavlova di Roland Petit e Giselle e tanti altri. Sono stati dei lavori importantissimi per la mia formazione di danzatore soprattutto perché ero seguito dalla direttrice di quel momento : Elisabetta Terabust. Una stagione all’English National Ballet e alla Scala, poi “Persephone” al San Carlo, accanto a “mostri sacri” come Isabella Rossellini e Gerard Depardieu: che tipo di esperienza è stata unire le tue doti di danzatore classico a quelle di due attori così talentuosi? Lʼesperienza è stata davvero molto creativa e stimolante. Riuscimmo ad instaurare ...

Read More »

Borse griffate Louis Vuitton per gli allievi della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli

E’ stato inaugurato il nuovo negozio di Loius Vuitton, nello storico Palazzo Quintieri, in via Dei Mille, a Napoli. “Siamo estremamente grati ai nostri clienti napoletani – ha affermato Benoît de Crane d’Heysselaer, General Manager Louis Vuitton Italia – per la fedeltà dimostrata nei confronti del nostro marchio e l’apertura di questo nuovo negozio vuole rappresentare un invito all’ottimismo in un periodo così difficile per questa meravigliosa città”. La gratitudine a Napoli è tangibile anche nelle parole di Valérie Chapoulaud – Floquet, Presidente di Louis Vuitton Sud Europa che ha spiegato la necessità di sostituire dopo 17 anni lo storico negozio di via Calabritto, per offrire una più ampia gamma di accessori e un servizio ancora più accurato in un ambiente all’insegna del lusso, della luminosità e dello spazio. L’apertura del nuovo negozio a Napoli inaugura anche una partnership del celebre marchio francese a fianco del Teatro di San Carlo, simbolo dell’eccellenza culturale di questa città. “Da sempre impegnato in progetti culturali e artistici di rilevanza internazionale – spiega Rosanna Purchia, Sovrintendente del lirico napoletano – Louis Vuitton vuole offrire il suo sostegno con un piano triennale a favore della Scuola di Ballo, diretta da Anna Razzi,  del nostro Teatro, ...

Read More »

Cronaca di un anno di danza in Italia

Il giornaledelladanza.com vuole salutare il 2010 offrendo ai lettori un sunto di quelli che sono stati gli avvenimenti più significativi, nel bene o nel male, che hanno caratterizzato il mondo della danza con i suoi artisti. Iniziamo quindi il nostro viaggio attraverso quest’anno che volge al termine andando a sfogliare le pagine della nostra memoria. 27 aprile 2010 – Roberto Bolle danza nudo al Teatro San Carlo di Napoli Un altro grande successo dell’etoile Roberto Bolle che si è esibito al Teatro San Carlo di Napoli in Giselle, nella provocatoria versione del grande Mats Ek. Questa volta, oltre alle indiscusse capacità artistiche, Bolle ha fatto parlare di sé anche per essersi esibito in una delle scene, completamente nudo. 17 maggio 2010 – Manifestazioni contro i tagli del governo Al Teatro dell’Opera di Roma va di scena la protesta. Alle ore 12.00 , l’Orchestra, il Coro ed il Corpo di Ballo del Teatro si sono esibiti nella piazza antistante l’Opera per manifestare contro il ben noto Decreto Bondi sulle Fondazioni Liriche, in seguito divenuto legge. La protesta voleva dire NO, alla precarizzazione dei lavoratori del mondo del Teatro. Il 29 giugno il decreto è diventato legge. 17 maggio 2010 – Vergogna, ...

Read More »

Alicia Alonso e il Balletto Nazionale di Cuba al Teatro San Carlo di Napoli

Un evento straordinario conclude il Festival della Danza curato da Alessandra Panzavolta al Teatro San Carlo di Napoli: la presenza del Balletto di Cuba e della sua musa Alicia Alonso. La più celebre ballerina e coreografa cubana, mito vivente delle grandi stagioni della danza contemporanea, ritorna a Napoli a distanza di trent’anni, dopo le importanti produzioni firmate in passato per il Teatro San Carlo. Il Balletto Nazionale di Cuba da lei diretto è considerato una delle  compagnie più prestigiose del mondo. La compagnia della “tigre” Alicia Alonso  – come amava chiamarla Rudolf Nureyev – presenterà un programma  dalle molte anime: Le Silfidi, coreografia di Alicia Alonso dall’originale di Mikhail Fokin, musica di Fryderyk Chopin; Elegia per un giovane, coreografia di Alicia Alonso, musica di Antonio Vivaldi; La Didone abbandonata, coreografia di Alicia Alonso, musica di Gasparo Angiolini, libretto di Gasparo Angiolini da Metastasio e Virgilio.  Con Le Silfidi, celebre balletto neo-romantico, Mikhail Fokin rinnovò l’arte del balletto agli inizi del XX secolo. La Alonso, che ha lavorato direttamente con Fokin, ha rimontato il balletto per la sua compagnia, secondo la versione definitiva riveduta dal coreografo poco prima della sua morte. Elegia per un giovane è un omaggio a Fabio di ...

Read More »

Serata Contemporanea al Teatro San Carlo di Napoli, una prima pregna di emozioni

Un privilegio raro per il pubblico napoletano ieri avere Nacho Duato presente alla prima di una sua creazione, per la Serata Contemporanea organizzata nell’ambito del Festival della Danza promosso dalla neodirettrice del Corpo di Ballo del Teatro San Carlo Alessandra Panzavolta, che ha saputo dare un nuovo impulso vitale alla produzione del massimo partenopeo, un merito non da poco in un momento di grande crisi per la danza. Lo spettacolo si è aperto proprio con la coreografia di Nacho Duato, Without Words, sulle note dei Leider di Franz Schubert, tradotte armoniosamente in movimento dai danzatori Valentina Allevi, Marco D’Andrea, Roberta De Intinis, Fabio Gison, Alessandro Macario, Marcello Pepe, Sara Sancamillo, Alessandra Veronetti. Bellissima l’immagine di apertura col trio e molto suggestivi i quattro passi a due in cui tutti gli interpreti hanno reso appieno la grazia e l’eleganza della coreografia.  Di grande impatto l’assolo di Alessandro Macario, seguito dal pas de deux con Alessandra Veronetti. Uno spettacolo raffinato, fatto di linee, immagini quasi impalpabili in uno spazio scenografico essenziale, ricco di suggestioni esistenziali che esprimono tutto “senza parole” appunto. Nel secondo atto la nuova creazione di Luc Bouy, Il Mio Angelo, su musiche di Philip Glass, Alan Berg e Kodo, ...

Read More »

Il San Carlo a due punte si apre alla città con il Festival della Danza

Gli allievi della Scuola di Ballo del Real Teatro San Carlo di Napoli, diretti da Anna Razzi, inaugureranno il Festival della Danza il prossimo 28 e il 29 ottobre. Il programma prevede: Le Jardin animé da Le Corsaire, coreografie di Anna Razzi dall’originale di Petipa, musiche di Adolphe Charles Adam; Troy Game, coreografie di Robert North, musiche di Bob Downes e Batucada; Sogno di una notte di mezza estate, coreografie di Anna Razzi, musiche di Felix Mendelssohn Bartholdy e Gaetano Panariello. Le Corsaire è un balletto in tre atti basato sul poema The Corsair di Lord Byron (1814) e musicato da Adolphe Adam che racconta una drammatica avventura di Conrad, capo corsaro e capobanda dei pirati dell’Arcipelago Greco, capace di mettere a repentaglio l’amore della sua vita, Medora, pur di salvare la schiava di un harem turco. Originariamente coreografato da Joseph Mazilier, ebbe la sua prima rappresentazione il 23 gennaio 1856 all’Académie Royale de Musique di Parigi. Durante il XIX secolo alla partitura di Adam furono apportate molte aggiunte e, all’inizio del XX secolo, fu arricchita da sei compositori diversi: Cesare Pugni, il granduca Pietro II di Oldenburg, Léo Delibes, Léon Minkus, il principe Nikita Trubetskoi e Riccardo Drigo. Attualmente ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi