Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Teatro Carlo Felice in scena “La boîte à joujoux” con la coreografia di Irina Kashkova

Teatro Carlo Felice in scena “La boîte à joujoux” con la coreografia di Irina Kashkova

 
Applausi, ovazione, divertimento in sala tra il pubblico, per lo più giovani delle scuole genovesi, per lo spettacolo La boîte à joujoux – La scatola dei giochi – è un balletto per bambini in un atto e quattro quadri, in scena dall’8 al 19 aprile al Teatro Auditorium Eugenio Montale di Genova, andato in scena, con grande successo per essere riprogrammato, per 36 repliche nella scorsa stagione 2023.  La coreografia eseguita magistralmente è di Irina Kashkova che ha curato anche regia, scene e luci. I danzatori sono i bravissimi e talentuosi ragazzi del Balletto Fondazione Formazione Danza e Spettacolo “For Dance” ETS. 

La Fondazione Fordance E.T.S. dedicata alla promozione della danza e formazione di ballerini professionisti. La scuola internazionale di ballo, diretta da Irina Kashkova, prevede infatti corsi dedicati a ragazzi che possono o frequentare esclusivamente le lezioni o scegliere di vivere all’interno del college con vitto e alloggio. L’intero percorso didattico dura otto anni ma è possibile essere ammessi in qualunque momento superando un esame che verifichi il grado di preparazione. Tanti sono i danzatori formati al livello internazionale presso il Russian Ballet College, la stella più splendente Timofej Andrijashenko oggi al Teatro alla Scala.

Una bella edizione de La boîte à joujouxche che ha deliziato il pubblico genovese, con frequenti applausi a scena aperta. La perfetta storia per grandi e piccini. Ed in effetti abbiamo osservato un’elevata presenza in sala di piccoli spettatori, molto attenti durante l’esecuzione. L’impressione generale è stata davvero buona: scenografie bellissime, coreografie coinvolgenti, belle le luci e ovviamente bravissimi i ballerini sul palcoscenico.
 
Quello che colpisce immediatamente sono la regia e le scene di Irina Kashkova. Lo spettacolo sin dall’apertura del sipario si presenta bene, ben composto e dinamico, accolto da applausi ed entusiasmo del pubblico, le scene, le luci, sono amalgamate e si sposano alla perfezione con i quattro quadri coreografici del balletto. I danzatori rigorosamente classici, bravi e padroni della scena attirano continuamente applausi e ovazioni a scena aperta.
 
 

La boìte à joujoux – La scatola dei giochi – è un balletto per bambini in un atto e quattro quadri, composto nel 1913. Anche in questo caso Debussy, oltre che alla tradizione molto popolare del balletto per marionette, si ispirò al mondo dell’infanzia, e, come in Children’s Corner, la musica è ricca di citazioni e suggestioni esterne. In seguito alla prima stesura della partitura per pianoforte, Debussy iniziò a orchestrare il balletto, senza però poter portare a termine il lavoro. Dopo la morte del compositore fu André Caplet a terminare la parte per orchestra, e il balletto andò in scena per la prima volta nel 1919. La storia vede i giocattoli prendere vita, uscire dalla scatola dove erano stati riposti e vivere diverse avventure. Ciascuno dei tre protagonisti: una bambola, un soldatino e un Pulcinella, è musicalmente caratterizzato da un tema, si ripetono quindi un valzer, una marcia militare, una melodia ironica e scherzosa. I tre vivono un triangolo amoroso che si conclude con il felice matrimonio della bambola e del soldatino, che nel quarto quadro ritroviamo a distanza di anni circondati dai propri figli. Sul finale, tutti i giocattoli ritornano nella scatola.

Il Balletto piace ed è un titolo giusto e azzeccato presentato dal Teatro Carlo Felice e dal sovrintendente Claudio Orazi, lo testimonia il teatro sempre pieno per tutte le repliche e il successo degli applausi del pubblico in sala, inoltre di rilevante importanza è la divulgazione culturale coreutica del Balletto La boîte à joujoux di Irina Kashkova pensato per gli allievi delle scuole genovesi per avvicinare sempre di più i giovani al teatro. Insomma uno spettacolo che convince e coinvolge: il tempo della rappresentazione è davvero volato! Bravi, bravissimi tutti.

 

IL MIO PRIMO DEBUSSY

Un’esplorazione del mondo dell’infanzia e del gioco attraverso due celebri composizioni di Claude Debussy

Children’s Corner

Pianoforte

Valentina Messa
Dario Bonuccelli (16/17/19)

La boîte à joujoux
Balletto per bambini in un atto e quattro quadri
(versione originale 1913)

Coreografia, Regia, Scene e Luci
Irina Kashkova

Assistente coreografa
Olga Birukova

Costumi
Sartoria Russian Ballet College Inna Parigina
Pianoforte

Valentina Messa
Dario Bonuccelli (16/17/19)

Balletto Fondazione Formazione Danza e Spettacolo “For Dance” ETS

 

Sara Zuccari

Foto: Teatro Carlo Felice

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi di Milano

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi per il suo Roberto Bolle and Friends. Prodotto da ...

Matteo Mascolo ‒ “Sequoia”: l’esplorazione di uno spazio sacro

Il 2 luglio 2024 ‒ nell’ambito dell’ottava edizione del DAP Festival, diretto da Adria Ferrali, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi