Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Teatro San Carlo, “La Bella Addormentata” di Dominic Walsh: una favola moderna

Teatro San Carlo, “La Bella Addormentata” di Dominic Walsh: una favola moderna

Dal 9 al 15 febbraio al Teatro San Carlo di Napoli andrà in scena La Bella Addormentata di Dominic Walsh, balletto in due atti su musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij, con l’orchestra, i primi ballerini, i solisti e il corpo di ballo del Teatro San Carlo e il primo ballerino ospite Alessandro Macario. Direttore Nicolas Brochot, direttore del Corpo di Ballo Alessandra Panzavolta, scene Giuliano Spinelli, costumi Giusi Giustino, light designer Wolfang Von Zoubeck.

La Bella Addormentata nel Bosco è senza dubbio una fiaba ben nota. Carabosse lancia una maledizione contro la figlia del Re, Aurora, che un giorno si sarebbe punta un dito e sarebbe morta. La fata Serena [dei Lillà] pronuncia però un incantesimo per proteggere Aurora, la quale, invece di morire, cadrà in un sonno profondo da cui si risveglierà dopo cento anni grazie al bacio di un principe. Molti elementi della fiaba possono essere ricondotti a Sole, Luna e Talia del 1634, opera dello scrittore napoletano Giambattista Basile. Da questa fiaba Charles  Perrault ha infatti tratto la sua versione del 1697 La Belle au bois dormant, pubblicata nei Racconti di Mamma Oca, resa poi famosa dalla successiva rivisitazione da parte dei Fratelli Grimm del 1812. Tutte queste versioni nel loro complesso sono più cupe rispetto al ben più noto adattamento della Walt Disney e sono spesso state analizzate da psicologi come Bruno Bettelheim in Psicanalisi dei racconti di fate e da James M. McGlathery in Fairy Tale Romance: The Grimms, Basile, and Perrault.

Numerosi balletti si sono basati sin dal 1815 sulla fiaba della Bella Addormentata, ma nessuna delle versioni antecedenti ha avuto una popolarità così ampia come la versione russa del 1890 con la coreografia di Marius Petipa su musiche di Čajkovskij, il primo balletto di successo da lui composto.

Dominic Walsh esprime di essere molto felice di rappresentare fiabe come La Bella Addormentata nel bosco, perché, secondo le sue stesse parole, gli dà modo: «di presentare un mondo in cui la realtà coesiste con una inspiegabile fantasia e la morale, le metafore, il mito e il mistero si mescolano nell’inconscio personale e collettivo. È proprio questo che, nel rispetto delle fiabe, mi consente di smontarle per poi ricostruirle, omettendo, interpretando e rafforzando elementi che mi portano a costruire una fiaba dei nostri giorni. Nella mia lunga carriera di primo ballerino, ho avuto modo di apprezzare molte interpretazioni  dei  classici e ho una grande ammirazione, nonché familiarità, con le musiche di Čajkovskij. Ciò mi ha concesso un’ampia scelta nel riproporre le scene e mi ha dato la possibilità di ricreare un lavoro ricco di dramma e commedia allo stesso tempo».

ORARI

Mercoledì 9 febbraio, ore 20.30 (turno A)

Venerdì 11 febbraio, ore 20.30 (turno C)

Sabato 12 febbraio, ore 19.00 (turno B)

Domenica 13 febbraio, ore 17.00 (turno F)

Martedì 15 febbraio, ore 19.00 (turno D)

INFO

Biglietteria Teatro San Carlo

Via San Carlo 98/F – Napoli
Tel: (+39) 081 7972331/412/468

biglietteria@teatrosancarlo.it
www.teatrosancarlo.it

Lorena Coppola

In foto: Dominic Walsh, Domenico Luciano e Dawn Dippel

in “La Bella Addormentata”, foto di Gabriella Nissen

 

 

 

 

Check Also

Danza: emozione in movimento

Le emozioni costituiscono una parte essenziale della pratica e della performance di un danzatore che ...

Frasi di danza – Elisabetta Terabust– ispirazioni, riflessioni e passione

Mi affascina di un danzatore ciò che non si può definire: l’anima. O una persona ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi