Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Teatro San Carlo di Napoli: una “Carmen” fiera e coraggiosa

Teatro San Carlo di Napoli: una “Carmen” fiera e coraggiosa

Teatro gremito ieri alla prima di Carmen, firmata da Micha van Hoecke, su musiche di Georges Bizet, al San Carlo di Napoli. Un allestimento ricco e completo, che ha visto la partecipazione del corpo di ballo del San Carlo diretto da Alessandra Panzavolta, dell’Ensemble di Misha van Hoecke, del coro diretto da Salvatore Caputo, del coro di voci bianche diretto da Stefania Rinaldi e dell’orchestra diretta da Alain Guingal.

Stupende le scene di Nicola Rubertelli, ispirate al ciclo di opere che Pablo Picasso dedicò alla Carmen, e bellissimi i costumi di Alessandro LaiGéraldine Chauvet una Carmen passionale e fiera, che non perde mai la tensione artistica del suo personaggio e che va incontro alla morte con grande coraggio. Secondo le parole di Misha van Hoecke: «Carmen è anche una maga in cui è impresso un senso profondo del destino e delle natura che fa parte del mondo zingaro […] Carmen non è semplicemente la vittima di un pazzo che la uccide: è talmente proiettata verso l’assoluto da accettare il proprio stesso destino di morte». Una Carmen che a tratti diventa simbolo dell’umanità “nuda, senz’ombra di sovrastrutture”.

Jorge De Leon un Don José a tratti commovente, nel suo struggersi d’amore, un amore implacabile, anch’esso non mediato, che diventa folle e crudele. Si potrebbe affermare che nel suo realismo psicologico, tuttavia non privo di lirismo, quest’opera sia la celebrazione della natura umana nel senso primigenio del termine, in una concezione scevra da convenzionalismi.

Altri personaggi principali: Vitaliy Bilyy (Escamillo); Norah Amsellem nel ruolo di Micäela; Annalisa Stroppa (Mércèdes) e Arianna Vendittelli (Frasquita). La danza un punto di forza e di unione di quest’opera in cui le scene coreografate rispecchiano la forza espressiva e l’armonia dell’intera costruzione scenica. A Misha van Hoecke va il merito di aver sapientemente integrato tutti gli elementi di uno spettacolo così composito, creando l’uniformità di un’opera completa, fruibile a 360 gradi.

Lorena Coppola

Foto di Alessio Buccafusca

Check Also

Accademia Teatro alla Scala da Dubai a Parigi: tutti gli appuntamenti

Sabato 17 e domenica 18 febbraio 2024 con una prestigiosa trasferta all’Opera di Dubai prende ...

La Cenerentola di Gregory Dean in stile Bournonville

  In una versione particolarmente classica con accenti neoclassici (che ha visto il suo debutto ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi