Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Trattato della Lontanza”: una storia di attraversa-menti in scena al Pim-Off

“Trattato della Lontanza”: una storia di attraversa-menti in scena al Pim-Off

Trattato della lontananza - Ph.Giuliano Di Bello

Il Trattato della Lontananza, creazione per 3 danzatori, è una storia di attraversa- menti. Qui il lontano, come espressione di una soglia immaginata, sublimata, desiderata, si fa linea di frontiera e luogo cui appartengono la solitudine e la fragilità di incontrare e comprendere l’altro. L’urgenza, in questo percorso di ricerca, è di misurarsi con tale concetto declinandolo a quella che può essere percepita come lontananza da se o dagli altri. È il lontano che si fa confine, limite, presenza, messinscena delle possibilità relazionali, luogo di una geografia interiore che è interrogazione sul sentimento d’identità e appartenenza.

Il Trattato della Lontananza è il tentativo maldestro, goffo, superficiale, di cercare l’altro, di attirare la sua attenzione, per non ritrovarsi con quella sensazione di smarrimento, che talvolta ci fa sentire isolati e soli tra gli altri, con la consapevolezza ovvia e spiazzante che dell’altro c’è un bisogno primordiale. Ma come si fa a sapere chi sono gli altri? Forse è impossibile afferrare le persone, ci scivolano fra le mani come l’acqua, che non è mai la stessa.

La struttura dello spettacolo, attraverso i continui incontri, scontri, tra gli interpreti, mette in evidenza l’incapacità̀, dettata dall’orgoglio, dalla paura, dall’insicurezza, dall’ignoranza, di offrirci all’altro con purezza, senza filtri, senza tirare fuori i denti di una maschera che se noi stessi potessimo guardare, spaventerebbe. È da queste dinamiche relazionali, da questi goffi tentativi di cercare l’altro, che viene fuori il carattere dei personaggi, il loro limite, la loro fragilità, l’abuso di una salda convinzione, quella di stare dalla parte della ragione sempre, o quasi sempre. Ci proteggiamo, ci difendiamo, ci chiudiamo, non siamo più noi a comunicare, e sembra che ci vada bene. Ci si abitua a quella scorza, ci si sente al sicuro. E si viene avvolti da bellissime sensazioni.

ORARI & INFO

30 novembre ore 20.45

1 dicembre ore 16.45 e 20.45

2 dicembre ore 20.45

Teatro PimOff

Via Selvanesco 75

Milano

http://www.pimoff.it

http://www.youtube.com/watch?v=nBqDTKFgiKE

Valentina Clemente

www.giornaledelladanza.com

Foto G. Di Bello

Check Also

Cuba Danza il nuovo libro di Elisa Guzzo Vaccarino edito Gremese

Cuba Danza, per la prima volta, racconta in tutte le sue sfaccettature l’universo fascinoso dei ...

Francesca Harper è stata nominata Direttore Artistico della Company Alvin Ailey II

La performer, coreografa, regista e artista multidisciplinare di fama internazionale Francesca Harper è stata nominata ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi