Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “A Family Trilogy”: Peeping Tom presenta la trilogia completa a Torinodanza Festival

“A Family Trilogy”: Peeping Tom presenta la trilogia completa a Torinodanza Festival

Torinodanza Festival dedica uno spazio particolare alla compagnia Peeping Tom di Gabriela Carrizo (Argentina) e Franck Chartier (Francia) presentando, alle Fonderie Limone di Moncalieri, la Trilogia della Famiglia, un’occasione unica che concentra in pochi giorni la visione delle ultime creazioni del gruppo: KIND (Figlio, 2019) il 1° ottobre alle 20.45; MOEDER (Madre, 2016) il 3 ottobre alle 20.45; VADER (Padre, 2014) il 5 ottobre alle 20.45.

I Peeping Tom sono riconosciuti nel panorama internazionale quali autori di originalità indiscussa, creatori di una forma di teatro-danza dallo stile unico, tagliente, radicale: in questo progetto i due registi/coreografi danno vita al ritratto affilato, pungente, paradossale di un’istituzione speciale, la famiglia appunto, indagando sulle emozioni profonde e le contraddizioni nascoste nelle costellazioni familiari. Lo spettacolo è in lingua inglese con i soprattitoli in italiano.

Le schede degli spettacoli

Vader (Padre) – Moeder (Madre) – Kind (Figlio): A Family Trilogy

Vader (Padre) – Moeder (Madre) – Kind (Figlio): A Family Trilogy, composta da Peeping Tom tra il 2014 e il 2019, è un’esperienza poetica immersiva, un incontro ampio e profondo con la compagnia belga dal tratto personalissimo, riconosciuta come una delle avanguardie più incisive della nuova scena europea. L’estetica iperrealista che li caratterizza è espressa da artisti polivalenti, in grado di farsi interpreti della più raffinata arte circense come della pratica attorale più tradizionale. I tre spettacoli mostrano personaggi astratti e allo stesso tempo concreti, simboli di paure e desideri, che riflettono sul lato oscuro che movimenta le nostre esperienze collettive. Attraverso la loro opera, Gabriela Carrizo e Franck Chartier hanno sempre cercato nuovi punti di vista per raccontare universi mentali paralleli, governati da leggi ancestrali, in cui paure, nevrosi e fantasie individuali incidono sulle interazioni sociali convenzionali. Un tentativo di toccare le realtà che appartengono all’ineffabile e all’indiscernibile, mostrando la dissoluzione delle certezze. Catturare questo mondo attraverso il corpo in movimento come il suo significante centrale è un processo di ricerca che i due coreografi hanno perfezionato e condensato in modo permanente nel corso degli anni.

KIND (Figlio)

Per la creazione di Kind, i registi coreografi di Peeping Tom provano a guardare il mondo come lo guardano i bambini, attraverso le paure e i desideri, indagando come cambia la loro prospettiva nel corso della crescita e lo sviluppo verso l’adolescenza e l’età adulta. I dubbi, le speranze e i cambiamenti fisici si traducono nei gesti e nel linguaggio del corpo. Si guarda anche alle reazioni dei bambini che vivono situazioni difficili, traumatiche: in che modo i bambini gestiscono la loro ricerca della verità? E come organizzano il loro mondo attraverso la fantasia, il gioco, le imitazioni, per padroneggiare determinate situazioni o dinamiche? I coreografi indagano su come la prospettiva di un bambino cambia man mano che cresce e si sviluppa nel suo cammino verso l’adolescenza e l’età adulta, con tutte le scelte, pressioni, paure, dubbi e cambiamenti fisici associati, e come questo si traduce in gesti e linguaggio del corpo. Allo stesso tempo, Carrizo e Chartier guardano a come i bambini esprimono timori a causa della mancanza di una struttura (parentale) a cui aggrapparsi. Cosa succede nelle situazioni traumatiche, in cui le percezioni del corpo sono apparentemente anestetizzate? In che modo i bambini gestiscono la loro ricerca della verità? E come organizzano il loro mondo attraverso la fantasia, il gioco di ruolo o le imitazioni, per padroneggiare determinate situazioni o dinamiche? Anche i cambiamenti e le trasformazioni nello spazio e nel tempo, tipici del lavoro di Peeping Tom, saranno presenti in modo preminente in Kind.

MOEDER (Madre)

Moeder porta lo spettatore in una serie di spazi apparentemente familiari: un reparto maternità, una camera mortuaria, uno studio di registrazione, un museo… Spazi in cui pubblico e privato si intrecciano. Dove passato, presente e futuro cercano disperatamente di aggrapparsi al tempo ciclico di una figura archetipica di madre. In Moeder, la coreografa Gabriela Carrizo mostra il corpo come un luogo in cui una moltitudine di ricordi consci e inconsci si accumulano, si scontrano e nello stesso tempo definiscono chi siamo, creando connessioni inattese che sfocano i confini tra sofferenza, lutto e celebrazione, razionalità follia. La vita e la morte sono trasformate in una forma d’arte messa in mostra al mondo. Oltre al flusso dei singoli ricordi degli artisti – che costituiscono la matrice del pezzo – emerge una memoria universale e collettiva che, a sua volta genera riflessioni profonde sulle responsabilità di essere una donna, una madre.

VADER Padre

Vader è ambientato nella sala visite di una casa di riposo per anziani, un luogo chiuso, sterile, illuminato dall’unica finestra troppo in alto per vedere fuori, simbolo di una linea di fuga tra la vita e la morte. Non si è ancora lasciato il mondo dei vivi, ma non si è ancora raggiunto il mondo dei morti. Al centro di questo spazio si trova la figura del padre, in quel particolare momento della vita in cui la sua figura si allontana, sbiadisce tra sussulti di presenza e assenza.

Lo spettacolo riflette sul tema della vecchiaia, tra storia individuale e simbolismo, tra umorismo e tenerezza. La figura del padre appare al tempo stesso divina e ridicola, dotata di una ricca vita interiore ma scollegata dalla realtà. Il suo passato contiene un segreto profondo, o è solo follia e delirio? Il pezzo sfrutta il potenziale drammatico di un archetipo mettendo in scena alcune delle dimensioni che occupa nel nostro immaginario, e i modi spesso assurdi, drammatici e umoristici che abbiamo di affrontarlo.

ORARI & INFO

KIND – CHILD

Fonderie Limone (Sala grande)

1 ottobre ore 20.45

MOEDER – MOTHER

Fonderie Limone (Sala grande)

3 ottobre ore 20.45

VADER – FATHER

Fonderie Limone (Sala grande)

5 ottobre ore 20.45

www.giornaledelladanza.com

Foto di Danilo Moroni e Olympe Tits

Check Also

5 motivi per cui ballare fa bene

Saranno Famosi correre, fare yoga e ballare fa bene. Spesso ce lo diciamo da soli e ...

Linke

Susanne Linke mette in scena il disastro climatico: “HEISSE LUFT/ARIA FRITTA”

Susanne Linke la coreografa e danzatrice di fama internazionale che ha contribuito a sviluppare Il ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi