Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Al Teatro Regio di Torino si torna alle origini della tradizione con Petipa e il Balletto del Mariinskij

Al Teatro Regio di Torino si torna alle origini della tradizione con Petipa e il Balletto del Mariinskij

 

Il soggiorno torinese della storica compagnia del Balletto del Mariinskij di San Pietroburgo continua con altri due titoli della grande danza, quella di Marius Petipa: La Bayadère, in scena da ieri e fino al 25 ottobre, e Il Lago dei Cigni, rappresentato a partire da venerdì 28 fino al 6 novembre.

La compagnia, che vanta nei suoi trecento anni di storia presenze come quelle di Anna Pavlova, Rudolf Nureyev, Michail Baryshnikov, aveva inaugurato  la stagione del Regio lo scorso 14 ottobre con Omaggio a Fokin, il primo  degli appuntamenti previsti per la stagione 2011-2012, segnata da grandi eventi di danza organizzati nell’ambito dell’iniziativa che ha dichiarato il 2011 “Anno della cultura e della lingua italiana in Russia e della cultura e lingua russe in Italia”.

Per questi successivi appuntamenti l’ensemble di San Pietroburgo mette in scena un omaggio al grande coreografo marsigliese, figlio e fratello di danzatori, ballerino egli stesso ma più propenso all’attività coreografica, nella quale si distinse tanto da essere riconosciuto come il fondatore della danza russa come abbiamo imparato a conoscerla. Egli seppe coniugare la grazia francese con il virtuosismo italiano delle étoile degli anni novanta dell’ottocento, le sue étoile: Legnani, Brianza, dell’Era. La sua esperienza ci ha lasciato una collana di delizie coreografiche che va dal Don Chisciotte a La Bella Addormentata, passando per l’esotismo di La Bayadère e il romanticismo struggente del Lago dei Cigni.

In particolare quest’ultimo deve molto all’intervento di Petipa: presto dimenticato dopo essere andato in scena per la prima volta a metà degli anni settanta (Julius Resinger) e successivamente, ancora con scarso successo, negli anni ottanta e nel 1894 (Lev Ivanov) poco dopo la morte di Čajkovskij, il balletto deve molto del successo che oggi ne fa uno dei più citati del repertorio classico a Marius Petipa, il quale lo rilegge dandone una versione completa, quella che destinò il balletto a una fama planetaria e che rimase tale fino alla successiva revisione degli anni trenta ad opera di Agrippina Vaganova.

ORARI & INFO

La Bayadère

Sabato 22 ottobre ore 15.00 e ore 20.30

Domenica 23 ottobre ore 15.00

Martedì 25ottobre ore 20.00

Il Lago dei Cigni

Venerdì 28 ottobre ore 20.00

Sabato 29 ottobre ore 15.00 e ore 20.30

Domenica 30 ottobre ore 15.00

Martedì 1 novembre ore 15.00

Mercoledì 2 novembre ore 15.00 e ore 20.30

Giovedì 3 novembre ore 20.00

Venerdì 4 novembre ore 20.00

Sabato 5 novembre ore 15.00 e ore 20.30

Domenica 6 novembre ore 15.00

Teatro Regio

Piazza Castello, 215

Torino

www.teatroregio.torino.it

Francesca Romana Famà

Check Also

Raffaella Giordano danza “Celeste – appunti per natura”

In un solo, molto personale, Raffaella Giordano porta in scena Celeste appunti per natura, una scrittura ...

Viaggio alla scoperta del corpo e delle emozioni con “Deserto digitale” di Nicola Galli

Il 15 novembre 2019, al Teatro Petrella di Longiano (FC) sarà in scena Deserto digitale, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi