Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La danza internazionale a Operaestate Festival 2016

La danza internazionale a Operaestate Festival 2016

allways-Sharon-Fridman-512x410

Un’altra edizione ricca di danza per Operaestate Festival Veneto, giunto al 36mo anno di età e premiato lo scorso anno con il riconoscimento ministeriale che lo ha reso terzo festival multidisciplinare in Italia (subito dopo Spoleto e Romaeuropa).

Accanto a grandi nomi della musica e del teatro, in cartellone quest’anno la danza internazionale più contemporanea, che prelude alla sezione dei linguaggi del contemporaneo, B.Motion, che quest’anno va dal 25 al 28 agosto, e ospita quattro Stabat Mater di quattro coreografe diverse (Giorgia Nardin, Yasmeen Godder, Melanie Demers e Yoko Igashino), accanto a Collettivo Cinetico, Simona Bertozzi, Dario Tortorelli, Igor&Moreno, Christos Papadopoulos e Andreas Costantinou.

Ad aprire le danze la serata Dance in Villa il 14 luglio a Villa da Porto di Montorso Vicentino, dove Silvia Gribaudi e Matteo Maffesanti continuano il progetto First Dance legato alle memorie delle prime danze di anziani e giovani immigrati della cittadina, e dove va in scena anche lo Stabat Mater di Giorgia Nardin, con le danzatrici del fortunato progetto “Dance Well”, che utilizza la danza come forma d’arte e di cura a 360 gradi della persona, in particolare in presenza di patologie degenerative.

Un’altra villa protagonista il 17 luglio, Villa Rossi a Santorso, dove Daniele Ninarello insieme al sassofonista jazz Kinzelman abiterà gli splendidi giardini con numerosi danzatori del territorio in Un’Altra Bellezza.

Dopo il successo dello scorso anno, torna per tre repliche (22, 23 e 24 luglio) In Memoriam – after the end di Sharon Fridman, una produzione del festival per il centenario della Grande Guerra, che porta 300 coristi di cori alpini e popolari e 100 danzatrici a raccontare la forza delle donne durante il conflitto proprio nei luoghi più suggestivi, che quest’anno saranno oltre alla piazza di Bassano del Grappa (centro del Festival), il Sacrario di Cima Grappa e quello di Redipuglia in Friuli.

Dopo la prima nazionale a Civitanova danza, arriva a Operaestate al Teatro al Castello il 26 luglio anche la nuovissima Giselle di Balletto di Roma, affidata a Chris Haring/Liquid Loft e a Itamar Serussi, per una rilettura tematica e contemporanea.

Dal 28 al 30 luglio la danza torna ad abitare l’architettura, ma quella contemporanea: il giovane e interessante coreografo Ivan Perez Aviles (già danzatore e coreografo per Netherlands Dans Theatre) crea una coreografia per lo spazio disegnato da Fuksas: le Bolle Nardini, omaggio dell’architetto alla storica distilleria e sede non solo di congressi, ma anche di arte e danza.

Il Castello di Bassano ancora palcoscenico per la danza internazionale il 14 agosto con l’omaggio al pittore fiammingo Bosch di Marie Chouinard, celebre femme sauvage della danza, che in Garden of Earthly delights ripropone in forma di coreografia le opere più famose di Hieronymus Bosch, di cui ricorre il 500 anno dalla nascita. Stessa location per un’altra coreografa leggendaria: il 23 agosto in scena il Cullberg Ballet con la prima nazionale di Figure a Sea di Deborah Hay, coreografia che immagina un mare di possibilità per coreografi e interpreti sulle musiche innovative di Laurie Anderson.

A Ferragosto, il 15 e 16, se non volete trovarvi imbottigliati nel traffico verso il mare, la soluzione è partire per ArteSella, dove Sharon Fridman porta una creazione, All Ways, ecosostenibile e che rispetta le regole del Museo della Montagna Contemporanea: solo materiali naturali e del luogo per la creazione di opere d’arte. E dunque niente luci artificiali e niente altoparlanti per la musica registrata…

Chiude questa prima parte Francesca Foscarini con il trittico Good Lack, che presenterà in parte anche alla Biennale Danza 2016, e che a Palazzo Pretorio di Cittadella il 24 agosto porta in scena tre creazioni sul tema dell’assenza, ma anche della presenza di oggetti che ridefiniscono una persona.

A settembre l’immancabile Cycling Dance, il 4 lungo tutta la giornata e lungo la pista ciclabile del Brenta, e Dance Raids, che dopo l’appuntamento bassanese del 20 luglio, porta la danza nel centro storico di Feltre.

Presenti, durante la sezione B.Motion, anche numerosi progetti europei e conferenze sulla danza negli spazi museali (come nel progetto Dancing Museums) e in situazioni riabilitative.

ORARI&INFO:

Operaestate Festival

dal 13 luglio al 10 settembre

vari luoghi

www.operaestate.it

Greta Pieropan

Foto: Cullberg, Sharon Fridman

www.operaestate.it

Check Also

“Battle of the year”: a Roma la prestigiosa competizione di breakdance

Con la Breakdance ad un passo dalle Olimpiadi 2024 di Parigi, in seguito alla positiva ...

Ballare fa benissimo alla salute a qualunque età. Lo dice la scienza

Ballare potrebbe essere la buona e giusta soluzione per mantenerci giovani, perlomeno per quanto riguarda la ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi