Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Balletto di Roma: un viaggio nelle suggestioni del tango di “Astor” Piazzolla

Balletto di Roma: un viaggio nelle suggestioni del tango di “Astor” Piazzolla

Domenica 1 agosto, in Prima a Roma, “Astor” Un secolo di Tango, una nuova produzione del Balletto di Roma e le musiche di Astor Piazzolla eseguite dal bandoneonista Mario Stefano Pietrodarchi, con la direzione musicale e gli arrangiamenti di Roberto Molinelli, Luca Salvadori, le coreografie di Valerio Longo, il light design, Carlo Cerri e la regia di Carlos Branca.

La Compagnia del Balletto di Roma, che promuove da sempre la danza d’autore italiana in Europa e nel mondo, intraprende un nuovo viaggio nelle suggestioni e nelle sonorità del tango, in occasione del centenario della nascita di Astor Piazzolla (2021), tra i più importanti autori e interpreti musicali di questa forma d’arte nata nei sobborghi di una Buenos Aires di fine ‘800. Nato dall’esigenza di comunicare tra persone di culture, lingue e tradizioni diverse: il tango ci ricorda che i passi del migrante sono, oggi più che mai, quelli che vivono tra distacco e speranza.

Le musiche di Piazzolla, arrangiate per l’occasione dall’estro eclettico di Molinelli, ed eseguite al bandoneón da Mario Stefano Pietrodarchi, esecutore brillante di fama internazionale, saranno le vere protagoniste di questo concerto danzato; lo strumento è protagonista a tal punto che la sua musica diventa quasi un soffio, un respiro che alimenta il fuoco del movimento scenico, diretto dal regista argentino Carlos Branca, fondendosi con esso: una partitura che si arricchisce – attraverso il corpo – di melodie cinetiche.

Ispirato dalla presenza fortemente teatrale del maestro Pietrodarchi, dai preziosi effetti luce di Carlo Cerri, ma anche dagli eventi biografici legati a un vissuto di migrazione familiare, il coreografo Valerio Longo porta otto danzatori del Balletto di Roma a compiere un viaggio trasformativo in cui respiri, abbracci, fusioni sono al centro di azioni coreografiche minimali e astratte nelle quali “coraggio” è la parola chiave: il coraggio declamato dai testi immortali di Jorge Luis Borges, nei suoi tanghi e milonghe, ma anche quello dello stesso Piazzolla, che ha rotto gli schemi della musicalità del “tango viejo” per arrivare al “nuevo tango” che lo ha reso celebre in tutto il mondo. A fare da collante fra tutti gli elementi compositivi di quest’opera/concerto sarà la maestria e l’esperienza di Carlos Branca, regista argentino di spicco sia nel panorama teatrale italiano che in quello sudamericano, nonché profondo conoscitore del “mondo Piazzolla”.

Sara Zuccari

Photo Matteo Carratoni

© www.giornaledelladanza.com

Check Also

DanzaInFiera 2022 dal 24-27 febbraio, Fortezza da Basso Firenze

Dopo un anno di fermo dovuto alle restrizioni su tutto il comparto fieristico, si torna ...

Marco D'Agostin

Marco D’Agostin ─ “Saga”: la nozione alternativa di famiglia

Un grande romanzo coreografico per narrare i legami familiari oltre i vincoli di sangue e ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi