Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Biomeccanica del danzatore e prevenzione degli infortuni

Biomeccanica del danzatore e prevenzione degli infortuni

Uno dei compiti più importanti dell’insegnante di danza consiste nella preservazione e nel miglioramento della salute dei propri allievi che, per poter raggiungere la perfetta fusione tra movimento, corpo e arte, devono sottoporsi a stress sia dal punto di vista fisico che psicologico.

Per sfruttare a fondo i benefici offerti dalla danza ed evitare che il suddetto stress fisiologico provochi infortuni con conseguenti patologie, è essenziale conoscere a fondo la biomeccanica del corpo e comprendere le modalità con cui esso si muove nello spazio, nel compiere gesti quotidiani e movimenti più complessi, come nel caso dei danzatori. Il movimento, infatti, è una fondamentale funzione organica da cui dipendono il benessere e la qualità della vita di ogni individuo.

Tornando alla danza e riferendoci in particolare a quella classica, l’insegnante per esempio deve sapere qual è l’età giusta per l’uso delle scarpette da punta, ossia non prima degli 11-12 anni, e deve essere in grado di frenare la smania di allievi e genitori se lo sviluppo osseo-cartilagineo di piede e colonna non è ancora avvenuto pienamente. In linea generale, è necessario considerare l’età dell’allievo e la sua padronanza della tecnica, perché eventuali posizioni errate in mezza in mezza punta si accentuano in punta ed espongono il corpo a un maggior rischio di trauma.

Le patologie più frequenti nelle ballerine sono per lo più a carico degli arti inferiori, quindi vesciche dovute allo sfregamento delle dita contro l’interno della scarpetta da punta o contro il pavimento se si lavora a piedi nudi, microtraumi ripetuti a livello di caviglia e ginocchia, ematomi sub ungueali che possono causare la perdita dell’unghia, alluce o ginocchio valgo, tendinopatie, fratture e via dicendo. Nei danzatori maschi invece, i maggiori pericoli si corrono a livello di colonna vertebrale a causa della specializzazione nella tecnica del salto.

Lavorando sul rafforzamento della muscolatura e sulla stabilità dell’apparato locomotore, il rischio di infortuni diminuisce notevolmente, ma è anche con la giusta dose di riposo che si può evitare un infortunio. L’overtraining o fatica muscolare, infatti, impedisce ai muscoli di svolgere la loro funzione correttamente e genera un calo della prestazione e un aumento della percezione dello sforzo. Il danzatore non riesce più a sostenere un determinato sforzo e i muscoli attivano una serie di meccanismi di autoprotezione che incidono negativamente sulla performance e in generale sulla salute del ballerino. Inoltre va considerato che in generale i danzatori sono più inclini a lesioni di chi non pratica la danza, in quanto possiedono un elevato ROM articolare (Range Of Motion) di abduzione, flessione ed extra-rotazione delle anche, unita a una mancata capacità di adduzione e rotazione interna delle stesse.

Considerato il quadro generale appena descritto, risulta evidente la necessità di identificare le condizioni e gli esercizi che  possono prevenire gli infortuni e, nel caso della danza, non abbiamo che l’imbarazzo della scelta. Vediamone alcuni.

Fin dalla propedeutica, la danza si imposta sul pavimento grazie a una tipologia di allenamento composto da esercizi funzionali alla preparazione del danzatore, nota con il nome di sbarra a terra. Questo allenamento permette l’acquisizione di un maggiore controllo del corpo e riduce i rischi di infortunio, grazie al lavoro propriocettivo, e di allungamento e allineamento muscolare. L’insegnante deve prestare molta attenzione anche all’overstretch, un allungamento che eccede il range normale, la cui unica e inutile funzione è creare spettacolo, ma che produce notevoli danni ad articolazioni e legamenti che perdureranno nel tempo, anche quando l’allievo smetterà di danzare o a carriera terminata, se si parla di un danzatore professionista. Quindi, anche lo stretching andrà calibrato e finalizzato alla protezione degli infortuni.

La corretta respirazione è un altro piccolo ed essenziale segreto della salute del danzatore, ogni insegnante dovrebbe conoscerla e saperla utilizzare nel modo più corretto. Marika Besobrasova, danzatrice russa e fondatrice dell’Académie de Danse Classique Princesse Grace di Monaco, ha ideato la cosiddetta respirazione en croix, in cui il retto addominale abbassa il plesso solare, aumentando lo spazio tra i muscoli intercostali, garantendo l’espansione dei dorsali, e migliorando il lavoro di quelli posturali.

In definitiva, salvaguardare il benessere fisico e psicologico del danzatore deve essere l’obiettivo primario di ogni insegnante che dovrà trasmettere ai propri allievi una lezione fondamentale, cioè l’acquisizione della massima consapevolezza dell’utilizzo del proprio corpo e il rispetto delle sue necessità.

 Stefania Napoli
Fotografia: Gheyber Gutierrez
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi di Milano

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi per il suo Roberto Bolle and Friends. Prodotto da ...

Matteo Mascolo ‒ “Sequoia”: l’esplorazione di uno spazio sacro

Il 2 luglio 2024 ‒ nell’ambito dell’ottava edizione del DAP Festival, diretto da Adria Ferrali, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi