Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Boris Charmatz nominato direttore del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch

Boris Charmatz nominato direttore del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch

È il ballerino e coreografo Boris Charmatz a prendere in carico il Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, compagnia storica di primo piano creata nel 1973 dall’artista tedesco, a Wuppertal (Germania), a partire da settembre 2022. Questo appuntamento, annunciato ufficialmente giovedì 21 ottobre dal consiglio di amministrazione della compagnia, intende rilanciare la traiettoria di questa istituzione che, dalla morte fulminea di Pina Bausch nel 2009, è alla ricerca di un nuovo futuro, tra repertorio e creazione.

Ballerino, coreografo, ma anche creatore di progetti sperimentali come l’effimera scuola Bocal, il Museo della Danza o [campo], una futura istituzione senza pareti né tetto, Boris Charmatz sottopone la danza a vincoli formali che ridefiniscono il campo delle sue possibilità. . La scena funge da abbozzo in cui gettare concetti e concentrati organici, per osservare le reazioni chimiche, le intensità e le tensioni che scaturiscono dal loro incontro.

Dopo aver studiato alla scuola di danza dell’Opéra National de Paris e al Conservatorio Nazionale di Musica e Danza di Lione, ha creato ed eseguito con Dimitri Chamblas À bras-le-corps (1993), un pezzo fondamentale presentato ancora oggi ed entrato nel repertorio del Balletto dell’Opera Nazionale di Parigi nel 2017.
Seguì una serie di pezzi storici, tra cui Aatt enen tionon (1996), herses (une tard Introduction) (1997), Con forts river (1999) e anche Governod (2006) in parallelo con la sua attività di interprete e improvvisatore (in particolare con Médéric Collignon, Anne Teresa De Keersmaeker, Odile Duboc e Tino Sehgal).

Dal 2009 al 2018 Boris Charmatz ha diretto il Centre chorégraphique national de Rennes et de Bretagne e vi ha allestito il Museo della Danza, un paradosso che trae la sua dinamica dalle proprie contraddizioni, uno spazio sperimentale per pensare, praticare, capovolgere le relazioni instauratosi tra il pubblico, l’arte e i suoi territori fisici e immaginari. Il Museo della Danza unisce il vivo e il riflessivo: arte e archivio, creazione e trasmissione.
Artista associato dell’edizione 2011 del Festival d’Avignon, Boris Charmatz propone Une école d’art , e crea alla Cour d’honneur del Palais des papes enfant , un pezzo per 26 bambini e 9 ballerini, ricreato al Volksbühne Berlino nel 2018 con un gruppo di bambini berlinesi. Invitato al MoMA (New York) nel 2013, offreMuseo della Danza: Tre Gesti Collettivi , un progetto in tre parti visibile per tre settimane negli spazi del museo. Dopo un primo invito nel 2012, Boris Charmatz è nuovamente presente nel 2015 alla Tate Modern (Londra) con il progetto If Tate Modern was Musée de la danse? tra cui nuove versioni dei progetti coreografici À bras-le-corps , Levée des Conflicts , Eating , Roman Photo , Expo Zero e 20 ballerini per il XX secolo . Lo stesso anno ha aperto la stagione di danza dell’Opéra National de Paris con 20 ballerini per il XX secolo.e invita 20 ballerini del Balletto a eseguire assoli del secolo scorso negli spazi pubblici del Palais Garnier. Nel maggio 2015 ha offerto a Rennes Fous de danse un invito a vivere la danza in tutte le sue forme da mezzogiorno a mezzanotte. Questa “assemblea coreografica” che riunisce professionisti e dilettanti, ha avuto altre due edizioni a Rennes (nel 2016 e 2018) e altre a Brest, Berlino e Parigi (al Festival d’Automne nel 2017). Boris Charmatz è artista associato del Volksbühne durante la stagione 2017-2018 durante la quale presenta Danza notturna (2016), 10.000 gesti (2017), A Dancer’s Day (2017) e Bambino (2018).

Alla fine del 2018, Boris Charmatz ha lasciato il Musée de la danse / Centre chorégraphique national de Rennes et de Bretagne e ha creato per l’occasione La Rués au TNB, una performance collettiva ispirata all’opera World History of France diretta da Patrick Boucheron.
Nel gennaio 2019 ha lanciato [field], una struttura situata nella regione Hauts-de-France e associata al palcoscenico nazionale fenice di Valenciennes, all’Opera di Lille e alla Maison de la Culture d’Amiens. Boris Charmatz è anche un artista accompagnato da Charleroi danse (Belgio) dal 2018 al 2022.
Nell’estate del 2019, lo Zürcher Theater Spektakel gli dà carta bianca per investire il sito del festival, vicino a un lago: terreno | Boris Charmatz: Una prova a cielo aperto. Ein Tanzgrund für Zürichlancia così la prima prova del progetto sul campo, uno spazio verde coreografico dove i corpi vengono a comporre un’architettura umana. Per tre settimane, ogni giorno, con qualsiasi tempo, vengono offerti warm-up pubblici, laboratori per bambini, dilettanti e professionisti, spettacoli e simposi.
Nel 2020, il Festival d’Automne di Parigi presenta il Ritratto Boris Charmatz, composto da brani del repertorio e nuove creazioni: La Rurée (2018), (senza titolo) (2000) di Tino Sehgal, La Fabrique (2020), Aatt enen tionon (1996), 20 ballerini per il ventesimo secolo e oltre (2012), bolero 2 (1996) e tempo di strangolamento (2009),10.000 gesti (2017). Anche in questo contesto ha creato La Ronde per l’evento di chiusura del Grand Palais, una performance collettiva di 12 ore che è oggetto di un film e di un documentario in onda su France Télévision. Poi, il 21 giugno, ha orchestrato una performance per 130 ballerini, Happening Tempête , per l’apertura del Grand Palais Éphémère.

Boris Charmatz è l’autore delle opere: Mantenere / su una danza contemporanea (2003, Centre national de la danse / Les presses du réel) co-firmate con Isabelle Launay; Je suis une école (2009, Éditions Les Prairies Ordinaires), che racconta l’avventura che fu Bocal; EMAILS 2009-2010 (2013, ed. Les presses du réel in collaborazione con il Musée de la danse) co-firmato con Jérôme Bel. Nel 2017, nella collezione Modern Dance, il MoMA (Museum of Modem Art, New York) ha pubblicato la monografia Boris Charmatz , sotto la direzione di Ana Janevski con il contributo di Gilles Amalvi, Bojana Cvejić, Tim Etchells, Adrian Heathfield, Catherine Wood …
I suoi progetti sono oggetto di diverse produzioni cinematografiche, tra cui Les Disparates (2000), regia di César Vayssié; Horace-Bénédict (2001), diretto da Dimitri Chamblas e Aldo Lee; A Slow Introduction (2007) diretto da Boris Charmatz e Aldo Lee; Levée (2014) diretto da Boris Charmatz e César Vayssié; Movimenti diurni (2016), diretto da Boris Charmatz e Aernout Mik; TANZGRUND (2021), diretto da César Vayssié; tempo di strangolamento (2021) diretto da Boris Charmatz e Aldo Lee.

Redazione

Check Also

Carla Fracci perché indossava sempre abiti bianchi?

Carla Fracci è stata  una vera leggenda della danza.  Perché indossa sempre abiti bianchi? Da cosa ...

Viaggio nella socialità sfalsata dal mezzo digitale con “Delayer” di Valeria Apicella

Il 3 e 4 dicembre 2021 il palcoscenico del Teatro Nuovo di Napoli ospita il ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi