Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Duetto” una ricostruzione del 1989, sul palco del Ravenna Festival

“Duetto” una ricostruzione del 1989, sul palco del Ravenna Festival

Duetto Virgilio Sieni

 

Duetto, la coreografia che il prossimo 6 giugno calcherà il palco del Teatro Rasi durante il Ravenna Festival, appartiene ad un progetto speciale volto a risvegliare la memoria storica della nostra identità coreutica del “contemporaneo”: RIC.CI – Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni Ottanta – Novanta.

Da qualche tempo e in ambito internazionale è in atto una tendenza a recuperare le più significative o riuscite coreografie del passato. Non si tratta di una casualità, perchè non possedere un repertorio, preclude alle giovani generazioni il piacere di assistere a taluni capi saldi del contemporaneo, ma nega anche all’artista quello sguardo nel passato necessario per trovare o ritrovare se stesso anche se proiettato nel presente verso altre mete.

Lo spettacolo è un’evoluzione del primo bellicoso Duetto del 1989 di Virgilio Sieni e Alessandro Certini, che raccontava una sfida tra due guerrieri sul campo di battaglia.

Il Duetto oggi è “un condensato racconto gestuale dove i due attori-danzatori, in abiti ricchi, dorati, di foggia indiana, suggeriscono con le sole mani e un gioco di teste epico, ma fortemente ironico, del loro pezzo, la lotta di due improbabili guerrieri del Bhagavadgita”.

E’ un lavoro che immerge lo spettatore in una remota atmosfera di antichi sciamani, la cui gestualità è lievemente ripresa per dispiegare una danza di ricerca formale.

La coreografia procede per quadri, tra momenti di conflitto e complicità dove i due danzatori, ora sfidanti ed ora quasi amici di un lungo viaggio, svelano esitazioni e paure.

Sul palco ci sono due corpi che sprigionano un dinamismo furente, alternato a momenti di stasi per modellare figure complementari e speculari.

La musica scelta amplifica il senso dialettico e descrittivo dei quadri. A scandire il ritmo di questo chiaro/scuro è l’interazione con un corredo di oggetti da guerriero.

La danza diventa così l’espressione con la quale i due, durante il loro combattimento, dialogano sui due grandi temi del bene e del male.

Una danza che tende a dare risalto e a ricordare un passato dimenticato ma nel quale invece risiedono i germi di una cretività e progettualità già delineate.

ORARI & INFO

Giovedì 6 giugno, ore 21.oo

Teatro Rasi

via di Roma 39, Ravenna

Tel. 0544 – 30227 oppure 0544 – 249244

E-mail tickets@ravennafestival.org

www.ravennafestival.org

Alessia Fortuna

Foto di Viola Berlanda

Check Also

Teatro del Giglio, si rialza il sipario: in cartellone anche Eleonora Abbagnato

Quattro, ricordiamo, gli appuntamenti in programma per il cartellone di Danza 2022-2023, che offrirà al ...

Giselle dell’United Ukrainian Ballet di Ratmansky a Londra

Lo United Ukrainian Ballet eseguirà Giselle di Alexei Ratmansky al London Coliseum questo settembre, con tutti i ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi